L'influenza costa come una manovra economica: 10.7 miliardi all'anno

Immagine di archivio (Getty Images)
2' di lettura

Secondo uno studio la spesa ricadrebbe in misura maggiore sui cittadini, che spendono in media 250 euro. I vaccini sono l'arma meno dispensiosa, ma poco utilizzata

La stagione virale 2017-18, risultata la più aggressiva degli ultimi 15 anni, potrebbe aver fatto sorgere nelle molte persone colpite una lecita domanda: ma quanto costa curarsi? Nel caso dell’influenza, la spesa si aggira intorno ai 10.7 miliardi ogni anno se si considera l’esborso delle famiglie sommato a quello dello Stato. Lo rivela uno studio che indaga sui costi sostenuti dai nuclei familiari italiani per combattere sia i sintomi simil-influenzali che la patologia infettiva vera e propria. I dati saranno presentati al XIX Congresso Nazionale della Società Italiana di Pneumologia, che si terrà a Venezia dal 13 al 15 ottobre.

Le famiglie spendono di più

La spesa effettuata ogni anno per contrastare l’arrivo della stagione influenzale sarebbe dunque paragonabile a quello di una manovra economica dello Stato. Lo studio che lo rivela, che riguarda un campione di 1.200 italiani, è il primo nel Paese a tracciare una stima dei costi causati dal virus che annualmente colpisce milioni di persone. La maggior parte dei 10.7 miliardi risulta essere a carico delle famiglie, che spendono in media 250 euro per curarsi dall’influenza e i sintomi ad essa legata. La fetta principale di questo esborso è dovuta all’acquisto dei farmaci sintomatici di fascia C, totalmente pagati dai cittadini. È di 62 euro, invece, la spesa media sostenuta ogni anno dal Servizio sanitario nazionale (Ssn).

Necessità di nuove strategie

Lo studio rivela anche un curioso dato riguardante i vaccini. Pur essendo la forma più economica per combattere l’influenza, con un costo di 2,4 euro per le famiglie e leggermente sopra i 3 euro per il Ssn, soltanto il 14% dei cittadini dichiara di vaccinarsi ogni anno. Il 60%, invece, non ha mai utilizzato questa cura, che allo stesso tempo viene ritenuta essenziale dal 70% degli italiani. Secondo il presidente della Società Italiana di Pneumologia Stefano Nardini i sintomi e il virus influenzale pesano sulle risorse del Ssn per l'assistenza dei soggetti considerati ad alto rischio ma anche per la perdita di produttività che la patologia causa tra i più giovani. Per questa ragione, l'esperto sottolinea come sia "opportuno rivalutare le strategie di prevenzione per le diverse fasce d'età".

Leggi tutto
Prossimo articolo

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Schermata Home"

Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

Clicca l'icona e seleziona

"Aggiungi a Home"