Pedofilia nella Chiesa, Zuppi: “Presenteremo un report sugli abusi entro novembre”

Lazio

"Non c'è nessuna volontà di copertura", ha assicurato il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana che annuncia un pacchetto di cinque azioni da mettere in campo per la tutela dei minori. Per le vittime di pedofilia parlare di svolta sembra presto e sottolineano come l'indagine sarà svolta sui dati dal 2000 al 2021, lasciando fuori i tanti casi del passato

ascolta articolo

"Il pensiero è sempre per le vittime, il loro dolore è la prima preoccupazione", per questo la Cei renderà noti i dati sul fenomeno della pedofilia e sulle azioni avviate nelle diocesi entro il 18 novembre. Lo ha annunciato il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana, il cardinale Matteo Zuppi, nella conferenza stampa al termine dell'assemblea generale. 

Zuppi: “Nessuna volontà di copertura”

approfondimento

Il Male Assoluto, speciale di SKY TG24 Giornata contro la Pedofilia

"Lo dobbiamo", "la Chiesa è dalla parte delle vittime", "non c'è nessuna volontà di copertura", assicura l'arcivescovo di Bologna. Un passo importante, in un pacchetto di cinque azioni da mettere in campo per la tutela dei minori. Ad analizzare i dati della Congregazione per la Dottrina della Fede saranno due istituti universitari indipendenti.

I dubbi delle vittime di abusi: “Manca la parte relativa ad eventuali risarcimenti”

approfondimento

Pedofilia Usa, chiesa paga 87 mln di dollari risarcimento per 300 casi

Ma per le vittime di pedofilia parlare di vera e propria svolta sembra presto. Innanzitutto il periodo di tempo sul quale si svolgerà l'indagine, dal 2000 al 2021, lascia fuori i tanti casi del passato. Inoltre manca, è stato sottolineato dalle vittime, tutta la parte relativa ad eventuali risarcimenti. Per Francesco Zanardi, de La Rete L'Abuso, la Chiesa "deve aprire gli archivi e darli allo Stato. Oggi di fatto sia lo Stato, sia la Chiesa lasciano questi poveri sopravvissuti a sbandare. Questa situazione è unica in Europa".

"valutazione in sospeso"

approfondimento

Abusi diocesi di Monaco, Ratzinger si difende: "Non sono un bugiardo"

"Sotto la nuova presidenza del cardinale Zuppi che di passi avanti ne ha fatti parecchi in tanti sensi ma su questo evidentemente non ce ne sarà alcuno", dice pessimista Ludovica Eugenio portavoce del coordinamento Italy Church Too. "Finora - ha spiegato anche un altro portavoce, Michelangelo Ventura - non notiamo cambiamenti rispetto alla presidenza Bassetti su questi temi, però sarebbe sciocco oltre che illogico non prendere atto di questo cambiamento e lasciare la valutazione" sul nuovo presidente della Cei "in sospeso". Il cardinale di Bologna, d'altronde, ha lanciato un invito diretto allo stesso Zanardi, che è un po' il punto di riferimento delle associazioni delle vittime: "Incontriamoci".

Roma: I più letti