Neonata morta a Roma, convalidato il fermo della madre

Lazio

La donna, che si è avvalsa della facoltà di non rispondere durante l'interrogatorio di garanzia, è stata messa agli arresti domiciliari 

Il gip di Roma ha convalidato il fermo della donna di 30 anni accusata dell'omicidio della figlia, partorita sabato in casa a Vitinia, periferia sud di Roma, e deceduta lunedì scorso all'ospedale Bambino Gesù della Capitale. Il gip ha disposto per la 30enne, di origini svedesi, la misura cautelare degli arresti domiciliari. La donna si è avvalsa della facoltà di non rispondere nell'ambito dell'interrogatorio di garanzia.

Il decesso

La piccola era stata portata in pronto soccorso in condizioni disperate a seguito dell'allarme lanciato dalla nonna, che aveva chiamato il 118 dopo aver trovato, a suo dire, la piccola in una pozza di sangue nella stanza dove la figlia aveva appena partorito. Ricoverata al Bambino Gesù, la piccola era in fin di vita. I medici hanno riscontrato sul suo corpo ematomi e un profondo trauma cranico. La donna, dopo il fermo, ha affermato che la bimba era rimasta ferita dopo una caduta dal letto in seguito al parto, e di non sapere di essere incinta. La 30enne era rientrata in Italia lo scorso novembre dalla Germania, dove vive con il compagno, per stare accanto alla madre, rimasta da poco vedova.

Roma: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.