Riapre a Roma la Domus Transitoria, la prima reggia voluta da Nerone

Lazio

Per l'imperatore la reggia era un modo per sottolineare quanto esteso fosse il suo potere sul mondo. È stata dismessa e interrata dopo l'incendio del 64 d. C.

La Domus Transitoria, la prima grande reggia voluta da Nerone, riapre al pubblico. Dopo dieci anni di restauri, 800 metri quadrati della prestigiosa dimora, dismessa e interrata dopo che l'incendio del 64 d. C. l'aveva in gran parte compromessa, vengono ora restituiti al pubblico, con un percorso visitabile dal 12 aprile da piccoli gruppi accompagnati. Nerone aveva sostituito la Domus Transitoria con la ancora più grande e ricca Domus Aurea. Nerone, che era colto e raffinato, pare fosse fermamente convinto del ruolo politico e simbolico della reggia. (LE FOTO)

All'interno della reggia marmi intarsiati e pareti affrescate

Dentro la Domus Transitoria si possono ammirare marmi intarsiati di meravigliose cromie, pareti e volte fittamente affrescate e decorate con gran profusione di oro e di gemme di tutti i colori. All'interno della reggia neroniana una speciale illuminazione, proiezioni e visori 3d permettono ai visitatori, tra marmi colorati, fontane zampillanti e meravigliosi tendaggi, di riscoprirne tutto il fascino. Una ricostruzione multimediale di rigore scientifico, basata su tutti i risultati della lunga campagna di studio e di restauro. Per l'imperatore, fanno notare gli storici, la reggia era un modo per sottolineare quanto esteso fosse il suo potere sul mondo. Lasciandosi alle spalle l'enorme ambiente del triclinio, dove si affacciavano da una parte e dall'altra saloni altrettanto grandiosi, si incontrano altri marmi e altre tracce dell'acqua, perché l'acqua in questo edificio era un po' dappertutto. A sorpresa si scopre anche un'enorme latrina, addirittura da 50 posti, costruita forse in un secondo tempo, proprio quando si stava tirando su in gran fretta la Domus Aurea, come servizio al nuovo cantiere. E poi pareti decorate con fiori, foglie, piante, una specie di lussureggiante giardino.

Roma: I più letti