Nomine, quasi 350 caselle da riempire entro il 2018

Dai viceministri ai sottosegretari, dalle presidenze delle Commissioni parlamentari fino ai vertici delle partecipate. Sono 349 gli incarichi da assegnare entro il 2018. Più della metà è decisa dal governo. Tra questi gli 8 viceministri e i 35 sottosegretari (VIDEO).
  • Dai viceministri ai sottosegretari, dalle presidenze delle Commissioni parlamentari fino ai vertici delle partecipate. Sono 349 le caselle da riempire entro il 2018. La maggior parte delle nomine spetta al nuovo governo - La fiducia alla Camera. LIVE
  • Più della metà degli incarichi – 185 – viene decisa dall'esecutivo. Tra questi figurano gli 8 viceministri e i 35 sottosegretari. 45 nomine riguardano invece il cosiddetto "spoil system", la pratica secondo cui gli alti dirigenti della Pubblica amministrazione cambiano con il cambiare del governo. Le restanti 97 sono nomine per gli uffici degli staff - Il totonomi: video
  • Sono 73 gli incarichi da assegnare in Parlamento, fra cui spiccano 4 capigruppo, 28 nelle Commissioni permanenti e 24 in quelle bicamerali. Poi, 16 incarichi di autogoverno della magistratura e uno alla Corte costituzionale - Cosa significa la fiducia in parlamento. SCHEDA
  • Otto sono le nomine necessarie per le Authority: la maggior parte – cinque – riguardano l’Autorithy per l’energia (Arera). Le altre sono una all’Antitrust, una all’Istat e una all’Italia digitale - Le foto della fiducia al Senato
  • In scadenza anche i vertici di molte partecipate, ben 83. Tra le principali, la Cassa depositi e prestiti (Cdp), la Rai, il Gestore dei servizi energetici (Gse), la Società generale d’informatica SpA (Sogei) ed Eur SpA, attiva nella gestione e nello sviluppo immobiliare - La fiducia al Senato del governo Conte