Manovra, Letta: "Legge di bilancio inadeguata, rischio recessione"

Politica

"Noi siamo in un momento cruciale, raramente ci si trova nella vita di un Paese così in bilico rispetto alla possibilità che arrivi una recessione. Ed ecco perché è assolutamente necessario che ci siano le scelte giuste" ha detto il segretario uscente del partito democratico

ascolta articolo

In apertura della direzione del Pd, Enrico Letta ha affrontato la questione della manovra di bilancio presentata dal governo Meloni. “Qualcuno ci ha criticato perché eccessivamente critici sulla legge di bilancio perché in fondo avrebbero potuto fare peggio. È un non argomento. Noi siamo in un momento cruciale, raramente ci si trova nella vita di un Paese così in bilico rispetto alla possibilità che arrivi una recessione. Ed ecco perché è assolutamente necessario che ci siano le scelte giuste e che queste scelte siano anche ambiziose. Ecco perché è una manovra inadeguata". Con queste parole il segretario uscente ha dato il via ai lavori della direzione del partito alla sede del Nazareno (SEGUI IL LIVEBLOG SUL NUOVO GOVERNO MELONI).

Le mobilitazioni

approfondimento

Manovra governo Meloni, da Letta a Conte: reazioni delle opposizioni

Due i temi all’ordine del giorno: oltre alla manovra di bilancio ci sono anche le controproposte che i dem mettono in campo e sulle quali organizzeranno due mobilitazioni di piazza, una il 3 e la seconda il 17 dicembre. I dem ritengono la legge di bilancio inadeguata per fronteggiare inflazione e recessione e i 21 miliardi contro caro energia bastano per 3 mesi (nel 2022 sono stati stanziati 63 miliardi), e da aprile non ci sono risorse. 

Le controproposte 

approfondimento

Sondaggio, Bonaccini candidato segretario Pd piace a 1 elettore su 3

"Sabato 3 dicembre faremo una mobilitazione nelle piazze per presentare le nostre controproposte sui temi della legge di Bilancio, a cominciare dal salario minimo. Le elezioni anticipate hanno portato via quelle scelte che il Pd, con il ministro Andrea Orlando, aveva portato al governo. Il salario minimo non c'è e non c'è da arte del governo la volontà di mettere il salario minimo al centro della legge di Bilancio" ha detto Letta. "La riduzione del cuneo fiscale era al centro della campagna elettorale di Giorgia Meloni, ma la sua trasposizione nella legge di bilancio è del tutto inadeguata", ha aggiunto.

Politica: I più letti