Meloni: “Io Premier? Se Fratelli d'Italia avrà un voto in più”

Politica
©IPA/Fotogramma

Così la leader di Fratelli d’Italia, in un'intervista concessa a Rtl 102,5 e facendo chiarezza sulla questione premiership nel centrodestra. “Punto a fare il migliore risultato possibile. Non do limiti ma sono troppo scaramantica per dare obiettivi”, ha proseguito. E, dopo il mancato accordo Calenda-Letta, ha commentato: “banalmente siamo davanti a un calcolo elettorale. Stiamo assistendo ad un balletto tragicomico”

ascolta articolo

“Se il nome per Palazzo Chigi sono io? Se FdI prenderà un voto in più, sì? Perché no? Le regole nel centrodestra sono chiare”. Così Giorgia Meloni, intervenuta su Rtl 102,5 per "Non Stop News", ha spiegato la questione della premiership nel centrodestra. “Punto a fare il migliore risultato possibile. Non do limiti ma sono troppo scaramantica per dare obiettivi”, ha proseguito Meloni, per cui il 20% di Forza Italia che si auspica Silvio Berlusconi “mi suscita speranza, perché spero che tutti i partiti del centrodestra riescano a fare del loro meglio. A me interessa governare, non arrivare al governo. Sono cose diverse”, ha aggiunto.  

Meloni: “Centrodestra ci ha messo mezzora a trovare soluzioni”

approfondimento

Calenda rompe col Pd: da Letta a Meloni, le reazioni della politica

“Banalmente siamo davanti a un calcolo elettorale. Stiamo assistendo ad un balletto tragicomico”. Questo, invece, il commento della leader di Fdi a proposito del “divorzio” elettorale tra Pd e Azione. “Da una parte c'è la telenovela, dall'altra parte il centrodestra è già parecchio avanti con la stesura del programma. Il centrodestra è una coalizione che ci ha messo mezzora a trovare delle soluzioni. Noi stiamo insieme per scelta, dall'altra parte l'unica idea condivisa è 'battiamo la destra'”, ha poi sottolineato. “Penso che Calenda ieri abbia fatto il suo calcolo elettorale, forse ritiene che fuori dal centro sinistra possa fare qualcosa di meglio ma la strategia non cambia: marciare divisi per colpire uniti. Ovvero: 'proviamo a fare il massimo, facendo finta che ci combattiamo e poi ci mettiamo insieme in una bella ammucchiata'”, ha concluso Meloni, secondo cui che il centrosinistra resti unito o meno in un'alleanza, “poco cambia, starebbero insieme in un governo”.

Politica: I più letti