Elezioni comunali 2021: come e quando votare

Politica

I cittadini di 1.157 comuni sono chiamati al voto domenica 3 e lunedì 4 ottobre per un totale di circa 12 milioni di elettori. Misure speciali sono state predisposte a causa dell’epidemia di Covid-19. Gli eventuali ballottaggi di terranno il 17 e il 18 ottobre. Dalla tessera elettorale alle modalità di voto: cosa sapere sul ritorno ai seggi

Circa 12 milioni di elettori in tutta Italia sono chiamati al voto domenica 3 e lunedì 4 ottobre per l’elezione del sindaco e il rinnovo del consiglio comunale in 1.157 località. Tra queste anche sei capoluoghi di regione: Roma, Milano, Torino, NapoliBologna e Trieste. A causa dell’emergenza Covid-19, ancora presente nel Paese, il 5 agosto il consiglio dei ministri ha approvato un decreto legge sulle modalità operative, precauzionali e di sicurezza per la raccolta del voto nelle elezioni del 2021. L’eventuale turno di ballottaggio per la nomina dei Primi Cittadini si terà domenica 17 e lunedì 18 ottobre. Dagli orari di apertura dei seggi alla tessera elettorale: come si svolgeranno le votazioni per le amministrative  (LO SPECIALE ELEZIONI - IL SITO DEL GOVERNO).

Orari del voto e dove si vota

approfondimento

Elezioni comunali di ottobre 2021: tutto quello che c'è da sapere

Le urne saranno aperte nella giornata di domenica 3 ottobre dalle 7.00 alle 23.00 e nella giornata di lunedì 4 ottobre dalle 7.00 alle 15.00. Ai seggi si recheranno i cittadini di 1.157 comuni appartenenti a regioni a statuto ordinario, di cui 115 superiori ai 15mila abitanti. Sulla tessera elettorale gli elettori troveranno indicato il numero e l’indirizzo del seggio in cui andare a votare. Nel caso in cui, prima dell’elezione, si dovesse ricevere un tagliando di aggiornamento dell’indirizzo del seggio, si dovrà applicarlo sulla tessera e recarsi nel luogo indicato da quest’ultimo. Se l’indirizzo riportato sulla tessera non coincide con quello di effettiva residenza, bisogna contattare telefonicamente l’Ufficio elettorale.

 

In questa tornata elettorale andranno al voto anche alcuni comuni delle regioni a statuto speciale, ma in date diverse. In Sicilia (42 comuni) e Sardegna (102 comuni) le elezioni si svolgeranno domenica 10 e lunedì 11 ottobre con eventuale turno di ballottaggio domenica 24 e lunedì 25 ottobre 2021. In otto Comuni del Trentino-Alto Adige si voterà domenica 10 ottobre 2021 con ballottaggio il 24 ottobre 2021. In Valle d'Aosta le elezioni nel comune di Ayas si svolgeranno domenica 19 e lunedì 20 settembre 2021. 

Chi è chiamato al voto

leggi anche

Elezioni comunali 2021, come fare gli scrutatori e qual è il compenso

Per le consultazioni amministrative del 3 e 4 ottobre votano gli iscritti nelle liste elettorali che entro il 3 ottobre avranno compiuto 18 anni. Il voto si esercita presentandosi di persona presso la sezione elettorale del comune nelle cui liste si è iscritti. Per alcune categorie di elettori la legge prevede modalità di voto con procedura speciale. Si tratta di militari delle forze armate e forze dell’ordine che possono esercitare il diritto di voto in qualsiasi sezione del comune in cui si trovano per lavoro; di componenti dei seggi, rappresentanti dei partiti o dei gruppi politici presenti in parlamento che sono ammessi a votare nella sezione presso la quale esercitano il loro ufficio; dei ricoverati in ospedali e case di cura che possono votare nel luogo di ricovero; dei detenuti ammessi a esercitare il diritto di voto nel luogo di reclusione: dei marittimi e degli aviatori che possono votare in qualsiasi sezione del comune nel quale si trovano per motivi d’imbarco.

La tessera elettorale e il documento d’identità

leggi anche

Sondaggi elezioni comunali, candidati in vantaggio nelle grandi città

Per esercitare il diritto di voto si deve esibire un documento d’identità e la tessera elettorale. Quest’ultima è composta da 18 spazi, in ognuno dei quali viene apposto un timbro con la data dell’elezione e il bollo della sezione. In caso di esaurimento dei diciotto spazi destinati all’attestazione dell’avvenuta votazione, deterioramento, smarrimento o furto della tessera, il cittadino deve richiedere un duplicato all’Ufficio elettorale o presso uno degli Uffici Decentrati (ex Circoscrizioni). Il rilascio del duplicato della tessera avviene immediatamente.

Come si vota

leggi anche

Amministrative, liste chiuse. Da Pippo Franco ai no vax, i candidati

A ogni elettore viene consegnata una scheda con una matita copiativa. Il cittadino può esprimere il voto tracciando un solo segno sul candidato sindaco, in questo modo la preferenza si intende solo al candidato; oppure può tracciare una X sul simbolo di una delle liste di candidati alla carica di consigliere comunale, in questo caso il voto viene attribuito alla lista e al candidato collegato; o puà tracciare un segno sul candidato sindaco e su una delle liste collegate, il voto viene attribuito sia al sindaco sia alla lista; può anche esprimere voto disgiunto tracciando un segno sul candidato sindaco e un altro su una lista non collegata. Riguardo al consiglio comunale, l’elettore può esprimere fino a due voti ma per componenti di genere diverso, ossia per un uomo e per una donna, pena l’annullamento della seconda preferenza. È eletto sindaco al primo turno il candidato che ottiene la maggioranza assoluta dei voti, ossia il 50% + uno. L’elettore, prima di uscire dalla cabina, deve ripiegare la scheda secondo le linee della precedente piegatura e inserirla nell’urna.

Misure anti Covid

leggi anche

Covid, elezioni amministrative: cosa prevede il protocollo sanitario

A causa dell’emergenza sanitaria, sono previste alcune misure per evitare contagi di Covid-19. Gli elettori sono tenuti a non recarsi al seggio in caso di sintomi influenzali o di temperatura superiore ai 35,5°C, oppure se si è stati in quarantena o isolamento domiciliare negli ultimi 14 giorni; o se si è stati a contatto con persone positive nelle ultime due settimane. È obbligatorio indossare la mascherina mentre in diversi punti del seggio sono a disposizione gel igienizzanti. Ci saranno percorsi dedicati e indicati con specifica segnaletica in entrata e in uscita. Previsto il contingentamento degli accessi per evitare assembramenti e sono previste periodiche operazioni di pulizia e sanificazione dei locali, delle superfici di contatto e degli oggetti, per esemio le matite copiative. Per coloro che si trivano in quarantena, isolamento fiduciario o in trattamento domiciliare i Comuni potranno istituire "seggi speciali per la raccolta del voto domiciliare”.

La legge elettorale per le amministrative

leggi anche

Elezioni comunali a Milano 2021: chi sono i candidati

La legge elettorale per le elezioni comunali prevede regole diverse a seconda della densità di popolazione di ogni località. Sopra i 15mila abitanti, se nessuno dei candidati riesce a ottenere il 50% dei voti, si andrà al ballottaggio tra i due più votati. Il voto nei comuni sotto i 15mila abitanti si svolge invece in un unico turno, nel quale sarà eletto il candidato con anche un solo voto in più rispetto ai suoi avversari. Nei comuni fino a 15mila abitanti, alle liste collegate al sindaco eletto vengono assegnati due terzi dei seggi totali, mentre gli altri seggi vengono ripartiti proporzionalmente tra le altre liste. Nei comuni con più di 15mila abitanti esiste invece una soglia di sbarramento: non entrano in consiglio comunale le liste che ottengono meno del 3%. Il 60% dei seggi è assegnato alle liste collegate al sindaco eletto con almeno il 40% dei voti, o eletto al ballottaggio. In base alla popolazione varia anche il numero dei consiglieri comunali: si va da un minimo di 10 a un massimo di 48 eletti. Per i capoluoghi il numero di consiglieri è almeno 32, mentre nelle città con più di 250mila abitanti il numero sale a 36, per arrivare a 40 sopra i 500mila abitanti.

Sconti sul viaggio per recarsi al voto

Le società di trasporto a lunga distanza offrono sconti per coloro che devono affrontare un viaggio per tornare nel luogo di residenza. Italo Treno offre biglietti al 60% in meno per color che acquistano una tratta di andata e ritorno in tariffa Flex o Economy, in ambiente Smart e Comfort la cui partenza deve avvenire in una data compresa tra il 24/09 e il 04/10, mentre il ritorno in una data compresa tra il 03/10 e il 14/10. Durante l’acquisto si dovrà selezionare l’opzione acquista con sconto elezioni e a bordo del treno bisogna portare documento d’identità e tessera elettorale. Anche Trenitalia offre biglietti scontati del 60% sui treni regionali e del 70% sul prezzo Base per i treni media-lunga percorrenza nazionale per viaggi di andata e ritorno in 2a classe  e per il livello Standard dei Frecciarossa. Il viaggio di andata può essere effettuato dal decimo giorno antecedente il giorno di votazione (questo compreso) e quello di ritorno fino alle ore 24 del decimo giorno successivo al giorno di votazione (quest’ultimo escluso). In ogni caso il viaggio di andata deve essere completato entro l’orario di chiusura delle operazioni di votazione e quello di ritorno non può avere inizio se non dopo l’apertura del seggio elettorale.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24