Maurizio Landini a Sky TG24: "Crisi sbagliata, oggi è il momento del fare"

Politica

A L'Ospite, condotto da Massimo Leoni, il segretario generale della Cgil parla dei principali temi dell’attualità economica e politica: "Abbiamo l’occasione di decidere come investire più di 300 miliardi in sei anni, è un'occasione storica per cambiare il nostro Paese. Bisogna essere consapevoli che siamo indietro e che abbiamo bisogno di riforme". Ma conferma: "Il governo è pronto ad ascoltarci"

"Sarebbe una responsabilità folle di questo Paese se non si sfruttasse questa occasione, per questo mi son permesso di considerare incomprensibile e sbagliato aprire una crisi. È il momento del fare". Così Maurizio Landini, segretario generale della Cigl, commenta a L'Ospite, su Sky TG24, l'ipotesi della caduta del governo. Landini poi parla dell'incontro tra le parti sociali e il governo: "Conte l’ho trovato molto attento, con lui c’erano diversi ministri. Mi è sembrato un governo che vuole ascoltare anche le parti sociali. Lui stesso ha ammesso un ritardo nel confronto che noi avevamo richiesto da alcuni mesi ma se c’è la volontà nei prossimi 10/15 giorni possiamo fare tutti i progetti".

"Sarebbe folle non sfruttare l'occasione delle risorse"

approfondimento

Covid, Speranza firma l'ordinanza: Lombardia in zona arancione

Per quanto riguarda l'ipotesi della caduta del governo: "Se il governo cade? L’Europa dice che i progetti vanno presentati entro il 30 di aprile e il governo ci ha detto che entro febbraio vogliono essere nelle condizioni di approvare in Parlamento quei progetti. Se perdi questa occasione non ce n’è una seconda e un eventuale nuovo governo non può cambiarli, bisogna comunque realizzare quei progetti. Il prossimo mese è decisivo e sarebbe una figura folle. Tra l’altro siamo il Paese con il maggior numero di risorse a disposizione perché siamo stati i primi ad essere colpiti, più di Germania e altri".

"Lavoro e persone siano elemento centrale anche in politica"

leggi anche

Covid, monitoraggio Iss: Rt a 0,97. La situazione nelle regioni

Landini poi parla dell'attuale situazione tra pandemia e lavoro: "Chi governa o risolve i problemi del Paese o non ha un grande futuro, e siccome stiamo vivendo una situazione straordinaria a causa di questa pandemia, che non è stata ancora sconfitta, ma abbiamo l’occasione di decidere come investire più di 300 miliardi in sei anni, oltre al quale bisogna aggiungere altri investimenti privati, è evidente che abbiamo un'occasione storica per cambiare il nostro Paese". Poi aggiunge: "Il problema centrale è il lavoro e come mettere le persone nelle condizioni di vivere dignitosamente attraverso il lavoro: questa è una pratica di democrazia importante da mettere in campo. Lavoro e persone devono essere un elemento centrale e va recuperata la rappresentanza anche politica del lavoro".

"Serve uno sforzo collettivo per delle riforme"

leggi anche

Crisi governo, Conte apre fase 2: nuovi gruppi poi rimpasto

Sempre sul tavolo con il governo: "Il nostro confronto è stato totale, dopo di noi il governo ha incontrato le associazioni imprenditoriali e ne incontrerà altre. Vogliono coinvolgere anche soggetti della società civile, reti di associazioni e cittadini. È il momento di uno sforzo collettivo, c’è da riprogettare il Paese". Poi il segretario della Cgil ammonisce: "Bisogna essere consapevoli che siamo indietro e che abbiamo bisogno di riforme. Infatti abbiamo detto al governo che vogliamo avviare confronti anche per la riforma fiscale ed è chiaro che sono temi che vanno affrontati con un governo nel pieno delle sue forze e disponibile a trovare accordi con le parti sociali".

"Vaccino? Io farò il mio quando sarà il mio turno"

leggi anche

Covid, Locatelli: "Con tagli AstraZeneca rimodulare campagna vaccini"

Landini parla poi della questione vaccini anti-Covid: "Appena sarà possibile e arriverà il mio turno mi vaccino, è un atto di responsabilità perché non è solo per la tua salute ma anche per la salute degli altri". Il segretario generale della Cgil spiega che "nei luoghi di lavoro bisogna affrontare questo tema" e sottolinea che serve anche "una informazione adeguata su questi temi".

L'appuntamento ogni sabato pomeriggio

leggi anche

Bersani a Sky TG24: "Iv non garantisce stabilità"

"L'Ospite" è un faccia a faccia condotto da Massimo Leoni, in onda su Sky TG24 ogni sabato alle 14.30. Un botta e risposta con personalità della politica ma anche delle istituzioni e dell’economia, che punta ad approfondire le dinamiche e i retroscena della politica italiana, raccontando agli spettatori i fatti della settimana e chiedendo risposte concrete e chiare ai protagonisti del dibattito pubblico. Una conversazione serrata per capire il personaggio della settimana: le sue ragioni, i suoi obiettivi e la sua visione del futuro e del Paese. Le interviste sono disponibili anche tra i podcast di Sky TG24, il nuovo servizio della testata per raccontare l’attualità da una prospettiva più laterale.

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.