Covid, Speranza: "Da gennaio prime dosi di vaccino. Sarà gratis per tutti"

©Ansa

Saranno 202 milioni di dosi di vaccino anti-Covid quelle disponibili dal primo trimestre 2021: lo prevede il piano vacciniale che il ministro della Salute Roberto Speranza. L'acquisto del vaccino è centralizzato e sarà somministrato gratuitamente a tutti gli italiani" ha assicurato il ministro. E' probabile che saranno necessarie due dosi per ogni vaccinazione. Priorità a personale medico e Rsa

1 nuovo post
Ok a risoluzione maggioranza su comunicazioni del ministro Speranza che ha illustrato le linee guida per la campagna vaccinale: "Le dosi hanno bisogno di richiamo e non sappiamo di quanto ci sia immunità. Non far coincidere la terza ondata eventuale con la campagna vaccinale". Priorità a personale medico e Rsa, quindi per fasce di età e scuola. Sull'obbligo: "Partiamo senza, obiettivo raggiungere immunità di gregge con 40 milioni di italiani vaccinati"

I punti principali del piano:

  • Le prime dosi del vaccino Pfizer arriveranno tra il 23 e il 26 gennaio e verranno stoccate in 300 punti individuati all’interno degli ospedali
  • La priorità è fornirlo al personale medico-sanitario e alle Rsa, quindi agli ultra 80enni e quindi a 60-70enni e così via ad altre fasce, compresi i lavoratori essenziali e i malati cronici
  • Per la vaccinazione di massa verranno utilizzati grandi spazi pubblici, fiere e palestre. Previsto anche il coinvolgimento dell'esercito

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24: 

  • La newsletter sulle notizie più lette notizie (clicca qui
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del Tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Il liveblog si chiude qui, per tutti gli aggiornamenti sul coronavirus segui il liveblog dedicato di Sky TG24

- di Daniele Troilo

Vaccino, Oms: ok Gb a Pfizer è "luce in fondo al tunnel"

Gli esperti dell'Organizzazione mondiale della Sanità (Oms) danno un giudizio molto positivo sull'autorizzazione d'emergenza arrivata dalla Gran Bretagna per il vaccino Covid di Pfizer e BioNTech. "È una notizia davvero positiva e ci fa sperare che c'è luce in fondo del tunnel per tutti noi", ha affermato la direttrice tecnica dell'Oms per l'emergenza Covid-19, Maria Van Kerkhove, in una chat sui social aperta al pubblico. Il direttore dell'Oms per le emergenze sanitarie, Mike Ryan, ha definito la notizia "fantastica", anche se ha evidenziato che ci saranno ancora ostacoli da superare nella produzione e distribuzione di massa dei vaccini contro il coronavirus. "Questa è la prima volta nella storia umana che una nuova minaccia biologica riceve una risposta con una tale rapidità", ha sottolineato l'esperto irlandese. 
- di Daniele Troilo

Speranza: "Clima unitario istituzioni per lavorare insieme"

"Sono certo che in un clima positivo ed unitario tutte le istituzioni repubblicane saranno in grado di svolgere un ottimo lavoro. Dobbiamo operare e lavorare tutti insieme per assicurare il pieno successo della campagna di vaccinazione per sconfiggere definitivamente questo terribile virus e per creare le condizioni sanitarie per far ripartire l'Italia. Siamo un grande Paese. Dimostriamo ancora una volta di essere all'altezza delle sfide più difficili". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, illustrando il Piano strategico per i vaccini Covid alla Camera. 
- di Daniele Troilo

Speranza: "In seconda fase vaccinati insegnanti e Forze ordine"

Con l'aumento della disponibilità di dosi di vaccino Covid "si inizieranno a sottoporre a vaccinazione le altre categorie di popolazione, tra le quali quelle appartenenti ai servizi essenziali quali anzitutto gli insegnanti e il personale scolastico, le Forze dell'ordine, il personale delle carceri e dei luoghi di comunità". Lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, illustrando il Piano strategico per i vaccini Covid alla Camera. Questa mattina il ministro ha illustrato il Piano al Senato. 
- di Daniele Troilo

Russia presenta vaccino a evento Onu

La Russia ha presentato all'Onu, a margine della 31a sessione speciale dell'Assemblea generale sul coronavirus, il vaccino 'Sputnik V', sviluppato dal Gamaleya National Center of Epidemiology and Microbiology. All'evento virtuale hanno partecipato il ministro della Sanità di Mosca, Mikhail Murashko, il rappresentante permanente presso le Nazioni Unite, ambasciatore Vassily Nebenzia, e il capo del Fondo russo per gli investimenti diretti, Kirill Dmitriyev. Il vaccino russo, il primo al mondo a essere registrato, lo scorso agosto, si basa su una piattaforma di vettori adenovirali umani ben studiata e convalidata, i cui importanti vantaggi - hanno spiegato - sono sicurezza, efficacia e assenza di effetti avversi a lungo termine.
- di Daniele Troilo

Franceschini: "Divisioni Senato? Sostengo linea Speranza"

"Io condivido totalmente la linea del ministro Speranza, che e' il frutto di un confronto approfondito nel governo e parte della certezza che solo sacrifici durante le vacanze natalizie potranno evitare una terza ondata di contagi". Lo dichiara il capo delegazione Pd Dario Franceschini, interpellato al telefono dopo le divisioni emerse al Senato in maggioranza su alcuni aspetti del prossimo dpcm che il governo si appresta a varare. 
- di Daniele Troilo

Candidato vaccino Covid protegge anche da febbre gialla

Uno dei vaccini in sviluppo contro il Covid-19 offre protezione anche per la febbre gialla. Lo hanno dimostrato i test, per ora sugli animali, condotti dall'università di Leuven, in Belgio, i cui risultati sono stati pubblicati su Nature. I ricercatori hanno 'ingegnerizzato' il vaccino contro la febbre gialla, diffuso da oltre ottant'anni e basato su un ceppo virale attenuato, facendo in modo che presentasse anche le proteine 'spike' del virus Sars-Cov-2. Il vaccino ottenuto è stato testato in singola dose sui furetti e sulle scimmie, poi esposte al virus. dopo tre settimane il gruppo di animali vaccinati è risultato protetto, a differenza di quello trattato con un placebo, un risultato che prelude ora a studi sull'uomo. "Un vaccino che funziona contro il Covid-19 e la febbre gialla può offrire un contributo importante - spiega Johan Neyts, l'autore principale -, soprattutto ora che sappiamo che ci sono specie di zanzare in Asia che possono trasmettere il virus della febbre gialla". Dietro i vaccini 'apripista', che sono vicini all'approvazione, ci sono decine di candidati che comunque continuano lo sviluppo. Secondo il monitoraggio dell'Iss sono 97 i test sull'uomo in corso nel mondo, e di questi il 60% è di fase 1 o 2.
- di Daniele Troilo

Speranza: "Serietà a Natale o rischi nuove chiusure"

"Abbiamo un'incidenza di 320 casi circa ogni 100.000 abitanti. Dobbiamo arrivare sotto i 50 casi ogni 100.000 abitanti. Per questa ragione le prossime festività vanno affrontate con estrema serietà, se non vogliamo nuove pesanti chiusure tra gennaio e febbraio". Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza nella sua informativa alla Camera. "Ripeto ancora una volta un concetto per me basilare - ha sottolineato - senza consistenti limitazioni dei movimenti, un cambio sostanziale delle nostre abitudini e un rigoroso rispetto delle regole di sicurezza, la convivenza con il virus fino al vaccino e' destinata al fallimento. Questa è la verità che è dinanzi a noi. In società fortemente sviluppate come la nostra, senza ridurre gli spostamenti e le
occasioni di contagio, la convivenza con il virus è difficilmente realizzabile. Per questo con il prossimo Dpcm dobbiamo continuare con misure chiare e rigorose, anche per non vanificare il lavoro fatto nelle ultime settimane". 
- di Daniele Troilo

Tensione a Senato a riunione capigruppo con Speranza

Momenti di alta tensione alla riunione al Senato tra i capigruppo di maggioranza e il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo le comunicazioni in Aula sul nuovo Dpcm. Proprio le misure restrittive in vista delle festività natalizie, viene riferito, sarebbero state al centro di una accesa discussione, che ha visto da una parte le forze di maggioranza più propense ad allentare alcune misure, come Iv, ad esempio sulle aperture di ristoranti e bar, e dall'altra le forze più vicine alla linea dura del ministro Speranza. Secondo alcune fonti, una parte della maggioranza sarebbe disponibile ad allentare leggermente le restrizioni, scontrandosi però con il muro del ministro. Al termine della riunione il capogruppo dem Andrea Marcucci ha osservato: "I nodi sono gli stessi, ma c'è concordia nel privilegiare le questioni sanitarie generali. Abbiamo presentato le nostre posizioni al ministro che le valuterà". Sull'apertura dei ristoranti anche dopo le ore 18, ha aggiunto, non ci sono novità. "Abbiamo chiesto attenzione sui ricongiungimenti familiari di primo grado anche fra regioni diverse", ha sottolineato ricordando che il testo del Dpcm "ancora non è stato presentato". Il ministro Speranza, pur ribadendo le perplessità ad alleggerire le misure durante le feste di Natale, ha assicurato che le proposte dei capigruppo saranno riferite in sede di tavolo di governo. 
- di Daniele Troilo

Russia, 'la vaccinazione sarà su base volontaria'

"Ancora una volta voglio sottolineare che la vaccinazione avverra' su base volontaria. Per le persone il vaccino sara' gratuito". Lo ha detto la vice premier russa Tatiana Golikova durante il colloquio in teleconferenza con Putin nel quale il leader del Cremlino ha chiesto di iniziare in Russia la vaccinazione su larga scala contro il Covid19 alla fine della prossima settimana. "Questa settimana spero, anzi sono sicura, che termineremo tutti i preparativi per riferirle del fatto che siamo pronti a cominciare la vaccinazione di massa la prossima settimana", ha risposto Golikova a Putin secondo l'agenzia Interfax.
- di Redazione Sky TG24

Gb individua primo gruppo destinatari 800.000 vaccini

La distribuzione al pubblico del vaccino anti Covid di Pfizer/Biontech autorizzata oggi dall'autorita' indipendente di controllo sui farmaci britannica (Mrha) scattera' "all'inizio della settimana prossima", dopo l'arrivo nel Regno Unito previsto per il weekend delle prime 800.000 delle dosi ordinate, tutte prodotte da un impianto belga della Pfizer. Lo ha ufficializzato in una statement alla Camera dei Comuni il ministro della Sanita', Matt Hancock, precisando che il gruppo iniziale di destinatari e' stato definito oggi: secondo l'ordine di priorita' stabilito - con 9 categorie indicate a scalare a seconda dell'eta' e delle condizioni per la prima fase delle vaccinazioni - si dovrebbe cominciare da una parte degli anziani ospiti delle case di riposo del Paese e del personale che li assiste.
 
- di Redazione Sky TG24

Miozzo: Per vaccino scuola in cima a priorità


"Il Cts non e' ancora stato investito di quesiti su quale vaccino anti-Covid e a chi. Certo, prima le categorie a rischio ed esposte, gli anziani ultraottantenni e le persone fragili. La scuola e' sicuramente un comparto in cima alle priorita'. Alcuni esperti dicono 'vacciniamo i liceali perche' categoria piu' a rischio', osservazione assolutamente pertinente. Sopra i 10 anni la capacita' di trasmissione del virus e' analoga a quella degli adulti".Cosi' il coordinatore del Comitato tecnico scientifico (Cts) Agostino Miozzo in audizione alla Commissione cultura della Camera sulle prospettive di ripresa delle lezioni scolastiche in presenza.
- di Redazione Sky TG24

Costituzionalisti: Sì' all'obbligo ma serve legge

I costituzionalisti danno il via libera all'ipotesi dell'obbligatorieta' del vaccino anti-Covid purche' ci sia "una legge" e "l'approvazione del Parlamento". "La Costituzione pone delle condizioni sui trattamenti sanitari obbligatori, tra cui rientrano anche i vaccini, ma li vincola alla fonte legislativa", spiega all'AGI il giurista ed ex presidente della Corte costituzionale, Cesare Mirabelli. "Nessuno puo' essere obbligato a sottoporsi alla vaccinazione senza che ci sia una legge", mette in guardia Mirabelli. E questo perche' "certe scelte devono essere compiute allo scopo di ottenere un bilanciamento tra l'interesse collettivo e la scelta personale".
 
- di Redazione Sky TG24

In corso riunione Speranza-D'inca' e capigruppo Senato

E' in corso al Senato una riunione tra il ministro della Salute Speranza, il responsabile per i rapporti con il Parlamento D'Inca' e i capigruppo della maggioranza in vista del prossimo Dpcm. Alla riunione, oltre a Speranza e D'Inca' presenti anche il vice ministro alla Salute, Pier Paolo Sileri e i capigruppo PD, Andrea Marcucci, M5s Ettore Licheri, Italia viva Davide Faraone, e Leu Loredana De Petris. Al centro del confronto il nuovo Dpcm sulle misure restrittive in occasione di Natale. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccino, Rasi: da Gb un passo politico non privo di rischi

"Il via libera della Gran Bretagna alla vaccinazione? Un passo sostanzialmente politico non privo di rischi". Cosi' a Radio Capital Guido Rasi, fino a pochi giorni fa alla guida dell'Ema (l'Agenzia europea per i medicinali), sulla notizia che il governo britannico iniziera' a vaccinare la popolazione dalla prossima settimana. "Sto ancora controllando la notizia e quindi ho in mano solo dati parziali" spiega Rasi, "ma mi sembra di capire che abbiano usato l'Emergency Use Authorization che li autorizza ad utilizzare solo un lotto specifico di vaccino e quindi limitato. Certamente se valuti solo i dati parziali come stanno facendo loro ti prendi anche un minimo di rischio. Personalmente avrei aspettato una robusta revisione su tutti i dati disponibili, cosa che il governo inglese non ha fatto per poter dire che senza Europa si arriva prima". 
- di Redazione Sky TG24

Ue: Senza vaccino non allentare misure su impianti sci

"Non solo in merito allo sci, ma in generale sul turismo invernale" i principi da seguire "sono sempre gli stessi: fintanto che non c'e' vaccino efficace e sicuro gli Stati devono ancora sforzarsi per mitigare la pandemia". Lo ha detto Stella Kyriakides, commissaria europea alla Salute, nel corso della conferenza stampa di presentazione della strategia Ue per gestire in maniera coordinata la pandemia durante i mesi invernali. "Capisco che le festivita' di fine anno siano un appuntamento importante per molti in Europa, ma siamo di fronte a una pandemia e il virus continua a circolare". "Non dobbiamo allentare le restrizioni o perderemo i progressi raggiunti", ha concluso. 
- di Redazione Sky TG24

Vaccino, Bassetti: Troppo scetticismo, obbligo in alcuni casi

"L'Italia e' un Paese molto scettico nei confronti dei vaccini e questo mi preoccupa. A me gli obblighi non sono mai piaciuti, ma se, come penso, inizialmente vi sara' scarsa adesione, sarei d'accordo con l'obbligatorieta' per alcune categorie, a partire da medici e operatori sanitari". Lo ha detto all'AGI l'infettivologo, Matteo Bassetti, direttore della clinica malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova. "Ho paura che ad aprile saremo ancora ad una copertura del 30%, perche' in giro vedo troppo scetticismo sui vaccini - ha aggiunto -. In primavera potremmo essere il Paese europeo che si e' vaccinato meno. E questo e' bruttissimo. A me le imposizioni non piacciono, ma bisogna spiegare alle persone che grazie al vaccino sara' possibile riprenderci le nostre vite".
 
- di Redazione Sky TG24

Ok a risoluzione maggioranza su comunicazioni Speranza 

La risoluzione della maggioranza e' invece passata con 140 si', 115 no e 10 astenuti. Il Senato ha approvato la risoluzione presentata dalla maggioranza sulle comunicazioni del ministro della Salute, Roberto Speranza, sulle misure di contrasto all'emergenza Covid-19. Approvata anche con 255 voti favorevoli, 3 contrari e 5 astenuti, la parte della risoluzione dell'opposizione che impegna il governo "a definire un efficace 'piano vaccini' per tutta la popolazione, che preveda il pieno coinvolgimento delle Regioni, al fine di individuare tutte le strutture idonee per la custodia, la conservazione e la somministrazione dei vaccini antagonisti al Covid-19" e di garantire che il piano "rispetti tutti i criteri  fondamentali di sicurezza, universalita' e gratuita', e nel rispetto del principio di liberta' di scelta dei cittadini, anche assicurando l'appropriatezza e l'adeguatezza della comunicazione per la promozione della vaccinazione di massa". 
- di Redazione Sky TG24

Ema: procedura lunga per vaccino più corretta rispetto a Uk

L'Agenzia europea per i medicinali (Ema), incaricata di approvare i vaccini Covid-19 per l'Unione Europea, ha affermato che la sua procedura di approvazione più lunga è più appropriata in quanto si basa su più prove e richiedeva più controlli rispetto alla procedura di emergenza scelta dalla Gran Bretagna. Lo si apprende dall'Agenzia stampa Reuters.
 
- di Daniele Troilo

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.