Salvini a Sky TG24: "Assurdo limite a contante. Proposte Lega in Parlamento non in villa"

Politica

Il leader della Lega a Timeline: "Conte si sente Re Sole: se le task force non gli danno ragione, allora è pronto a ghigliottinarle, la verità è che abbiamo un governo ostaggio della Cgil che non vuole i voucher e non vuole il modello Genova" 

Definisce "assurdo il limite all'uso del contante" che dal primo luglio scende a 2.000 euro e sulla diserzione degli Stati generali a Villa Pamphili da parte del centrodestra sostiene che "la Lega ha presentato molte proposte concrete per far ripartire il Paese, l'ha fatto non in villa ma in parlamento". Così Matteo Salvini a Timeline su Sky TG24.

"Conte si sente Re Sole, governo schiavo di Cgil"

approfondimento

Villa Pamphili Roma, le cose da sapere sulla sede degli Stati Generali

Sulle proposte fatte dal suo partito, il leader del Carroccio attacca il premier: "Le abbiamo fatte da marzo, ma Conte sorride e se ne frega. Ma così non ascolta gli italiani, noi da 4 mesi chiediamo serietà". E aggiunge: "Conte si sente Re Sole: se le task force non gli danno ragione, allora è pronto a ghigliottinarle, la verità è che abbiamo un governo ostaggio della Cgil che non vuole i voucher e non vuole il modello Genova".

"Colao? Lega non cerca all'estero il suo centravanti"

leggi anche

Stati Generali economia, Colao presenta il piano per la ripartenza

A proposito di task force, rispondendo a una domanda su Vittorio Colao possibile riferimento del centrodestra, Salvini risponde: “La Lega ha un suo progetto, ha i suoi sindaci, ha i suoi governatori e ha un’idea d’Italia fondata sulla libertà. Colao mette un timbro ulteriore sulla bontà delle nostre proposte, ma non abbiamo bisogno di andare a cercare all’estero il centravanti per fare gol”. 

"Dopo questo governo no ad altri giochini di palazzo"

leggi anche

Ultimi sondaggi politici YouTrend per Sky TG24: Lega in testa al 26,2%

Sulla possibilità che la Lega possa partecipare a un eventuale esecutivo di unità nazionale, Salvini sostiene che "dopo questo governo, che già nasce a tavolino senza consultare gli italiani, la parola va data agli italiani e non ad altri giochini di palazzo”. Parlando dell'attuale situazione politica, Salvini ipotizza che "se domani si andasse alle elezioni il centrodestra, pur tra i distinguo che esistono come in una famiglia, avrebbe una idea e un programma comune per l'Italia. Dove governiamo, nelle regioni, stiamo dando ottime prove".

"Candidati regionali, se c'è rinnovamento la partita è chiusa"

approfondimento

Elezioni regionali 2020, dal Veneto alla Puglia: dove e quando si vota

A proposito di regionali, nel centrodestra si registrano divisioni interne in merito alle candidature. "I programmi - afferma Salvini  - sono già completi, al di là dei nomi. Noi della Lega abbiamo chiesto a tutto il centrodestra un rinnovamento e uno sguardo verso il futuro. Credo che se tutti fanno questo sforzo la partita è già chiusa". 

"Mes solo se si cancella ogni condizionalità"

approfondimento

Cosa è il Mes, com'è nato e come funziona il fondo salva-Stati

Salvini ribadisce la sua contrarietà al Mes, chiarendo la sua posizione in merito al fondo salva-Stati dell'Ue: "Se cambiano il trattato cambia il mondo ma non mi fido delle parole: a parole Conte ha dato la Cig a tutti e tutti hanno avuto il prestito in banca, ma non è così. Devono cancellare ogni condizionalità. Se è così evviva, ma finché non lo fanno non mi fido. Poi quando Berlusconi ha la stessa posizione di Renzi e di Prodi qualche dubbio mi viene".

"La mia maturità senza infamia e senza lode: presi 48"

vedi anche

Esami di maturità 2020, gli studenti tra mascherine e gel igienizzanti

Con gli studenti tornati oggi a scuola, dopo oltre tre mesi, per la maturità, Salvini ricorda anche il suo esame: "Ho portato a casa un 48, senza infamia e senza lode. Oggi darei tutto per tornare a quei tempi, era il 1992, la ricordo con ansia. Tra qualche anno i maturandi rimpiangeranno queste notti insonni".

Politica: I più letti