Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Senato, Salvini replica a Conte: il governo si è interrotto a causa dei signor no. VIDEO

5' di lettura

Matteo Salvini per la replica al premier Conte lascia i banchi del governo e raggiunge quelli della Lega: "Rifarei tutto quello che ho fatto, con la grande forza di essere un uomo libero. Non ho paura del giudizio degli italiani, chi ha paura del giudizio degli italiani non è un uomo libero...Si vota anche a settembre, non veniteci a parlare di aumento Iva, di spread, di esercizio provvisorio, di recessione...". (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SULLA CRISI: DIRETTA - LE FOTO - LE CITAZIONI IN AULA). 

Per gli insulti bastava Saviano

Matteo Salvini si rivolge poi direttamente al premier: "...Mi dispiace che il presidente del Consiglio mi abbia dovuto mal sopportare per un anno... io pericoloso, autoritario? Bastava il Saviano di turno per questa sequela di insulti, non il premier (IL DISCORSO INTEGRALE DI SALVINI: IL VIDEO).

La risposta a Conte sulle parti sociali

"A lei che mi ha detto che ho incontrato le parti sociali, dico che non li ascoltava nessuno. E se l'avesse fatto qualcuno prima di me, avremmo fatto in fretta, apriamo all'Italia, senza paura e a testa alta" dice, replicando a Conte. 

Governo finito per colpa dei signor no

"Se questo governo s'è interrotto è perché in Parlamento, in Commissione, al governo c'erano tanti signor No" afferma Salvini.

M5s- Pd: buon lavoro con il partito di Bibbiano

I ministri della Lega sono "gente libera che risponde solo e soltanto alla popolo italiano, non alla Merkel o a Macron" gente che ha "una idea di famiglia e di figli, che hanno una mamma e un papà, e buon lavoro con il partito di Bibbiano.

I 5 stelle e le riforme

Salvini si rivolge poi agli ex alleati: "…Se volete completare le riforme noi ci siamo. Se volete governare con Renzi auguri...". E ha aggiunto: "I casi sono due: o c'è già un accordo di potere, lecito ma irrispettoso della volontà degli italiani, per andare avanti cambiando la giacca, togliendo quella della Lega e mettendo quella del Pd; se non è così e c'è voglia di costruire e di terminare un percorso virtuoso, la via maestra è quella delle elezioni.

La protezione di Maria

"Gli italiani non votano in base a un rosario, ma con la testa e con il cuore. La protezione del cuore immacolato di Maria per l'Italia la chiedo finché campo, non mene vergogno, anzi sono ultimo e umile testimone". Il vicepremier ha concluso il suo discorso in Senato baciando un rosario, tirato fuori dallatasca della giacca. La presidente del Senato, Elisabetta Casellati ha invitato il vicepremier a non esibire simboli religiosi.

Adesso capisco tutti quei no

E’ sera quando Salvini, uscendo dal Senato, si ferma a parlare con i cronisti (IL VIDEO). “E’ chiaro ed evidente a tutti che da mesi è in atto un inciucio M5s- Pd…ora mi spiego tutti quei no. E a chi gli chiede se intende dimettersi o meno risponde senza esitazioni: "Faccio quello che dice il presidente della Repubblica. Finche' posso rimango a lavorare" al Viminale.

I simboli religiosi

"Mi hanno detto che l'uso del rosario è un segnale alla 'ndrangheta?"- riferendosi alle accuse mosse dal senatore pentastellato Morra- "Cioe' affidare il futuro dell'Italia a Maria è un segnale alla 'nadrangheta da uno che ha lavorato fino a ieri come me. Mi viene il dubbio se mal sopportavano me e la Lega e preferivano il Pd, potevano dirlo". Ultimo affondo sui tempi del voto: "Prima o poi sceglieranno. Dalle elezioni non si puo' scappare a vita".

 

 

 

Salvini: tentativo di inciucio tra Grillo e Renzi

Data ultima modifica 20 agosto 2019 ore 22:07

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"