Risultati elezioni Sardegna 2019, vince Solinas. Salvini: "Lega 6-0 sul Pd"

Trionfa il candidato di centrodestra, al secondo posto Zedda del centrosinistra. Crolla il Movimento 5 Stelle, che rimane però il primo partito. L'affluenza alle urne è stata del 53,77%. Di Maio: "Il governo non cambia"

1 nuovo post

Desogus (M5S): "Mi sono ritrovato scelto dalla base e non imposto da nessuno"

"Se teniamo conto del fatto che in Consiglio regionale non c'era neanche un rappresentante del Movimento Cinquestelle, questo risultato mi soddisfa assolutamente - prosegue Desogus - anche perché siamo una Regione a Statuto speciale ed avere rappresentanti M5S è molto importante". "Mi sono ritrovato scelto dalla base e non imposto da nessuno a sostituire Mario Puddu (l'ex sindaco di Assemini che ha rinunciato dopo le regionarie perché condannato in primo grado per abuso d'ufficio, ndr) - aggiunge - L'ho fatto con il massimo impegno, tenendo conto che mi dovevo inventare anche in un ruolo politico e ho cercato di svolgerlo con il massimo impegno".
- di monica.serra

Desogus (M5S): "Mi sono ritrovato scelto dalla base e non imposto da nessuno"

 
"Se teniamo conto del fatto che in Consiglio regionale non c'era neanche un rappresentante del Movimento Cinquestelle, questo risultato mi soddisfa assolutamente - prosegue Desogus - anche perché siamo una Regione a Statuto speciale ed avere rappresentanti M5S è molto importante". "Mi sono ritrovato scelto dalla base e non imposto da nessuno a sostituire Mario Puddu (l'ex sindaco di Assemini che ha rinunciato dopo le regionarie perché condannato in primo grado per abuso d'ufficio, ndr) - aggiunge - L'ho fatto con il massimo impegno, tenendo conto che mi dovevo inventare anche in un ruolo politico e ho cercato di svolgerlo con il massimo impegno".
- di monica.serra

Salvini: ora dobbiamo meritare fiducia sardi

 
"Ora dobbiamo meritarci la fiducia che ci hanno dato i sardi, avremo responsabilità in Consiglio regionale per fare quello che ci siamo detti in questi giorni di campagna elettorale: ospedali, tariffe dei traghetti, sostegno ai pastori. Da domani si lavora pancia a terra". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini, intervistato dall'emittente tv Videolina. "Per lo scenario nazionale non cambia nulla", ha ribadito Salvini. Sul risultato della Lega, che si presentava per la prima volta alle regionali in Sardegna, ha detto: "Siamo partiti dal nulla, ringrazio chi ha creduto in noi, vuol dire che questi otto mesi al governo ci ha premiato, dopo il successo in Abruzzo. L'autonomia della Sardegna? Con Solinas abbiamo già affrontato il problema, parlando di zona franca, continuità territoriale. Qui c’è un'autonomia incompiuta, come governo siamo pronti ad aprire un tavolo da domani".
- di monica.serra

Desogus (M5S): non è risultato aspettato

 
"E' un risultato netto e chiaro e per M5s non è quello delle aspettative, ma vorrei chiarire che non  ero già' convinto di perdere: sapevo già' che sarebbe stata una partita molto difficile". Lo dice Francesco Desogus, candidato governatore per il Movimento 5 stelle alle regionali della Sardegna.
- di monica.serra

Martina: punto partenza ma centrosinistra deve ripensarsi

"Ora in molti si prenderanno meriti sui risultati in Abruzzo e Sardegna per l'avanzamento che abbiamo avuto come coalizione rispetto alle politiche. Riprendiamo una logica bipolare ma attenzione: questi dati sono punti di partenza, non di arrivo. Io a quelle coalizioni ho lavorato con Zedda e Legnini in questi mesi da segretario e so l'importante avanzamento che abbiamo avuto ma bisogna fare ancora di più. Il centrosinistra deve ripensarsi profondamente. E se non c’è il rilancio della vocazione riformista, aperta e inclusiva del PD, nessuna nostra tradizionale coalizione può bastare contro questa destra". Così il candidato alla segreteria del Partito democratico Maurizio Martina.

- di monica.serra

Calderoli: altro successo di Salvini, premio per governo

 
"In meno di un anno dalle elezioni politiche, dopo il voto regionale in Friuli, Molise, Trentino, Alto Adige e Abruzzo, per la Lega, arriva un grande risultato anche alle Regionali in  Sardegna, un altro grande successo di Matteo Salvini e un premio degli elettori all'ottimo lavoro che stiamo svolgendo al Governo, mantenendo le promesse e dando risposte alle richieste dei cittadini. Avanti così. Prima gli italiani. E buon lavoro a Cristian Solinas, l'uomo giusto per risolvere i problemi della Sardegna". Lo afferma Roberto Calderoli, vice presidente del Senato.
- di monica.serra

Meloni: "Si avvicina la fine del governo"

 
"Dopo questo nuovo tracollo dei Cinque Stelle mi sembra che la fine del governo si stia avvicinando". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia, a margine di un convegno sull'Africa. "Siamo davanti a dati parziali, per cui la scaramanzia è d'obbligo, tuttavia siamo molto soddisfatti dell'ennesima vittoria del centrodestra dopo le politiche, e in particolare della crescita di Fratelli d'Italia e Lega, gli unici ad andare avanti", aggiunge.  
- di monica.serra

Zingaretti, risultato disegna un nuovo bipolarismo

 
"Il risultato della Sardegna disegna un bipolarismo che vede uno scontro tra centro-destra e centro-sinistra. Solo qualche mese fa si era tutti convinti che il bipolarismo fosse tra Lega e 5 Stelle". Lo ha detto Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria nazionale del Pd, commentando le amministrative sarde. "C'è un popolo democratico - ha proseguito -, un popolo del centro-sinistra che non è scomparso, ha avuto poca fiducia nella possibilità di avere una forte rappresentanza che Zedda ha risvegliato, che Legnini ha risvegliato, che con tante vicende locali si può risvegliare. Noi dobbiamo lavorare su questo, con pazienza, con una cultura unitaria e soprattutto stando vicini alle persone".
- di monica.serra

746 sezioni: Centrodestra resta al 52%

 
Quando sono state scrutinate 746 sezioni su 1840 per quanto riguarda le liste e le coalizioni, il centrodestra e' avanti con il 51,98%, mentre il centrosinistra e' al 30,48%. Il Movimento Cinquestelle si ferma, per ora, al 9,43%, il Partito dei Sardi e' al 3,41%, Sardi Liberi al 2,10% Autodeterminatzione all'1,98% e Sinistra Sarda allo 0,59%. Riguardo i singoli partiti il Partito democratico e' sempre il primo partito con il 13,14%, seguito dalla Lega al 12,06%. Il Partito Sardo d'Azione si attesta al 9,31%, mentre Forza Italia e' fermo al 7,68%. Fdi e' al 5,13% e Leu al 3,49%.
- di monica.serra

Gentiloni: grazie Zedda. È partita centrodestra-centrosinistra

 
"Grazie Massimo Zedda! Anche dalla Sardegna messaggio forte e chiaro. La strada è ancora in salita, ma la partita tra centrodestra e centrosinistra si può giocare. E le Stelle stanno a guardare". Lo scrive Paolo Gentiloni su Twitter.
- di monica.serra

Solinas verso vittoria a metà scrutinio

 
Quando si è alla metà delle sezioni scrutinate, circa 930, il candidato del centrodestra Christian Solinas, sembra avviarsi verso la vittoria alle regionali sarde. Con oltre il 47% delle preferenze, il candidato governatore del centrodestra conferma il trend positivo di questa giornata di spoglio. Distanziato di quasi 14 punti lo sfidante del centrosinistra, il sindaco di Cagliari Massimo Zedda.
- di monica.serra

Sardegna, Salvini: Lega vince 6 a 0 sul Pd

 
"Dalle politiche a oggi se c’è una cosa certa è che su sei consultazioni elettorali, la Lega vince 6 a zero sul Pd. Anche in Sardegna, dopo il Friuli, il Molise, Trento, Bolzano e l'Abruzzo i cittadini hanno scelto di far governare la Lega. E come in Abruzzo anche in Sardegna è la prima volta che ci presentiamo alle Regionali. Grazie a tutti quelli che hanno deciso di darci fiducia". Così il segretario della Lega, Matteo Salvini commenta il voto in Sardegna.
- di monica.serra

637 sezioni: Centrodestra 52%, Centrosinistra al 30%

 
Quando sono state scrutinate 637 sezioni su 1840 per quanto riguarda le liste e le coalizioni, il centrodestra e' avanti con il 52,32%, mentre il centrosinistra è al 30,09%. Il Movimento Cinquestelle si ferma, per ora, al 9,5%, il Partito dei Sardi è al 3,55%, Sardi Liberi al 1,93% Autodeterminazione all'1,99% e Sinistra Sarda allo 0,60%. Riguardo i singoli partiti il Partito democratico è sempre il primo partito con il 12,94%, seguito dalla Lega al 12,25%. Il Partito Sardo d'Azione si attesta al 9,77%, mentre Forza Italia è fermo al 7,59%. Fdi è al 5,15% e Leu al 3,42%.
- di monica.serra

Zedda parla alle 18.00

 
Il candidato governatore del centrosinistra Massimo Zedda parlerà alle 18 per una prima analisi del voto, che lo vede in netto svantaggio sullo sfidante del centrodestra Christian Solinas. Lo ha annunciato poco fa il suo staff. Il sindaco di Cagliari ha trascorso queste ore nel quartier generale di viale Diaz senza però rilasciare dichiarazioni né commenti.
- di monica.serra

Solinas parlerà a metà scrutinio

 
C’è attesa nel quartier generale del centrodestra per l'arrivo del candidato governatore,
Christian Solinas, in vantaggio di 14 punti quando sono state scrutinate 616 sezioni su 1840. Secondo quanto apprende l'ANSA il senatore del Psd'Az rilascerà le prime dichiarazioni solo a metà delle sezioni scrutinate. È previsto, dunque, che farà il suo ingresso nel comitato elettorale allestito al T Hotel di Cagliari dopo le 17.30. A quel punto Solinas terrà una
conferenza stampa.
- di monica.serra

60 seggi da ripartire, uno a presidente più votato

 
In base a una delibera approvata a dicembre scorso la ripartizione dei 60 seggi nelle otto circoscrizioni è stata definita in maniera precisa. Un seggio spetta al candidato presidente che ha ottenuto più voti mentre gli altri 59 vengono suddivisi su base territoriale rispetto alla popolazione residente: 20 seggi per il territorio di Cagliari, 12 per quello di Sassari, sei rispettivamente per Olbia-Tempio, Nuoro e Oristano, quattro per il Sulcis, tre per il Medio Campidano e due per l'Ogliastra.
- di monica.serra

Squeri (FI) dopo voto in Sardegna conseguenze inevitabili

 
"Nonostante il premier Conte neghi conseguenze per il governo dopo il voto in Sardegna, le ripercussioni ci saranno, eccome. Già dopo l'Abruzzo si è innescato uno psicodramma nel Movimento 5 Stelle che ha portato all'arroccamento dei grillini sulle note posizioni ideologiche, con conseguenti tensioni nell'esecutivo". Lo dichiara in una nota il deputato di Forza Italia Luca Squeri. "E' inevitabile che questo avvitamento pentastellato - prosegue - sia destinato a salire di intensità man mano che, nelle prossime ore, la debacle del movimento sull'isola diventerà più nitida. Il guaio non è tanto che tra i grillini si scatenerà la 'notte dei lunghi coltelli', ma che questo avrà ancora una volta pesanti ripercussioni su una politica economica già disastrosa e sullo sviluppo infrastrutturale del Paese. E tutto questo, in presenza di uno scenario recessivo, rischia di rivelarsi devastante", conclude Squeri.
- di monica.serra

Speranza (Articolo 1): segnale incoraggiante di ripartenza

 
"C'è ancora tanto terreno da recuperare e tanta fiducia da riconquistare. Ma anche dalla Sardegna arriva un segnale incoraggiante di ripartenza. È sempre più urgente offrire un'alternativa credibile agli italiani. Ricostruzione". Lo scrive via Twitter il coordinatore nazionale di Articolo Uno Roberto Speranza, commentando i dati sul voto in Sardegna.
- di monica.serra

616 sezioni su 1840: Solinas al 47,42% e Zedda al 33,40%

Resta a due cifre il divario fra i due principali candidati presidente in Sardegna, quando sono state scrutinate 616 sezioni su 1.840, per un totale di 229.917 voti. Hanno completato le operazioni 106 Comuni su 377. Christian Solinas (centrodestra) resta in testa col 47,42%. Massimo Zedda (centrosinistra) è al 33,40%. Gli exit poll ieri indicavano una differenza sotto il 2% fra i due avversari. Francesco Desogus (M5S) è all'11,15%. Risultano 1.869 schede bianche, 192 nulle, mentre cresce in modo esponenziale il numero di quelle con errori, probabilmente per la prima applicazione della norma sulla doppia preferenza di genere: sono salite a 4.478, un numero equivalente agli abitanti di uno dei tanti paesi della Sardegna.
- di monica.serra

Carfagna: obiettivo M5S era prendere il 5%?

 
"Autorevoli esponenti del M5S affermano che in Sardegna il loro obiettivo era "entrare in Consiglio Regionale". In pratica, l'ambizione di un partito che alle politiche nell'isola ha preso il 42,4% era prendere il 5%". Così Mara Carfagna, vice presidente della Camera e deputata di Forza Italia, su Twitter.
- di monica.serra

Politica: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.