Salvini: "Fascismo ha fatto tante cose, ma preferisco democrazia"

3' di lettura

Il capo della Lega, su Radio Capital, commenta le parole di Mattarella che aveva definito “inaccettabile” l'idea che il “fascismo ebbe dei meriti”. “È stato introdotto il sistema delle pensioni o le paludi bonificate. Leggi razziali e altre follie sono altre cose”, dice

“Che durante il periodo del fascismo siano state fatte tante cose, è stato per esempio introdotto il sistema delle pensioni o le paludi bonificate, è un'evidenza. Poi le leggi razziali e altre follie sono altre cose. Io preferisco la democrazia”. Così Matteo Salvini, segretario della Lega, commenta le parole di Sergio Mattarella. Celebrando il Giorno della Memoria al Quirinale, il capo dello Stato aveva definito “inaccettabile” l'idea che il “fascismo ebbe dei meriti”. Salvini ha parlato a Radio Capital e, quando il giornalista gli ha chiesto se ritenga che il regime fascista abbia fatto anche cose positive, ha replicato: “Guardate...”.

Verso il 4 marzo

Il leader della Lega ha parlato anche delle prossime elezioni. Sull'ipotesi di Antonio Tajani candidato premier di centrodestra, ha detto: “Commenterò il 4 marzo sera, quando gli italiani avranno votato, perché lo decidono gli italiani. Questo abbiamo deciso con Berlusconi: chi prende un voto in più fra Salvini e Berlusconi, che hanno un programma comune ma sono persone diverse, decide”. “Chi vota Lega – ha aggiunto Salvini – sa che il presidente del Consiglio sarà Salvini, lo abbiamo scritto nel simbolo. Chi vota Forza Italia lo scoprirà...”. Sulle posizioni divergenti rispetto a Berlusconi sull’Ue, il leader del Carroccio ha ribadito: “Berlusconi si atterrà a quello che tutti abbiamo firmato, come mi atterrò io. Nel programma del centrodestra, non della Lega, c'è scritto nero su bianco che sul tema europeo c'è la difesa del Made in Italy e la prevalenza del diritto e dell'interesse italiano su quello comunitario”. Comunque, ha sottolineato Salvini, con Berlusconi “sono più i punti di accordo che di disaccordo, altrimenti non avremmo firmato il programma”. Riguardo Umberto Bossi, che ha criticato apertamente la svolta nazionale del suo successore, l’attuale segretario della Lega non ha chiarito se correrà per un nuovo mandato in Parlamento. “È il padre della Lega. E a lui, come a tutti i candidati, chiederò se c'è condivisione del progetto della Lega, che si presenterà in tutta Italia”, si è limitato a dire.

Sul treno deragliato: “Pretendo di sapere chi ha sbagliato”

Salvini ha parlato anche del treno deragliato nel Milanese, che ha causato tre vittime e decine di feriti: “È il momento del cordoglio ma è chiaro ed evidente che se saltano 20 centimetri di binario e ci sono stati problemi nei mesi scorsi, dopo la preghiera e la vicinanza dei parenti, uno deve pretendere di sapere chi ha sbagliato”. Infine, Salvini ha definito “una schiocchezza” il fantoccio con il volto di Laura Boldrini bruciato a Busto Arsizio. “Ho chiesto il perché e mi hanno risposto che lì c'è l'usanza legata all'anno nuovo. Il fuoco può essere tradizione, ma bruciare è un'idiozia”, ha detto.

Leggi tutto
Prossimo articolo

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"