Marsala, raid razzisti e aggressione a un poliziotto: quattro arresti

Sicilia
©Fotogramma

Gli indagati, dopo aver aggredito due stranieri, avrebbero preso a calci e pugni un poliziotto intervenuto in difesa delle vittime. L’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip rientra nell’ambito delle indagini relative a una serie di episodi violenti a sfondo razziale emersa qualche giorno fa

A Marsala, i carabinieri hanno arrestato tre ragazzi, di 18, 19 e 23 anni, con l’accusa di lesioni aggravate nell’ambito delle indagini su una serie di raid violenti a sfondo razziale, culminati nell'aggressione a un agente di polizia intervenuto in difesa di due stranieri. L'ordinanza di custodia cautelare in carcere, firmata dal Gip del tribunale di Marsala, scaturisce a seguito dell’attività investigativa svolta dai militari dell'Arma e della polizia di Stato in merito alle aggressioni a fondo razziale nella zona della movida cittadina, come quella avvenuta pochi giorni fa. Dopo l'arresto dei tre è stato arrestato un quarto ragazzo di 20 anni, anche lui considerato facente parte della banda.

L’aggressione

leggi anche

Marsala, raid violenti per odio razziale: tre arresti

Dalle indagini è emerso che i tre giovani arrestati avrebbero aggredito due stranieri, apparentemente senza motivo. Un poliziotto libero dal servizio è corso in aiuto delle vittime, ma è stato circondato e picchiato con calci e pugni da una decina di ragazzi che lo hanno anche ferito con un coltello a serramanico. L'agente ha riportato diversi traumi in tutto il corpo e due ferite da taglio all'addome e alla coscia. Oltre ai quattro indagati raggiunti dal provvedimento, è stato identificato anche un minore, che è stato deferito alla Procura presso il Tribunale per i Minorenni di Palermo. Gli arrestati sono stati trasferiti nel carcere di Trapani: il reato contestato è aggravato dall'aver agito con violenza nei confronti di un Pubblico Ufficiale nell'esercizio delle sue funzioni.

I più letti