Coronavirus, in Sicilia 77 nuovi casi a fronte di 4.783 tamponi eseguiti

Sicilia

Nel complesso salgono a 1.527 gli attuali positivi attivi nell'isola. I ricoverati in terapia intensiva sono 15, due in più rispetto a ieri

Sono 77 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Sicilia a fronte di 4.783 tamponi effettuati. Sale a 105 il totale delle persone ricoverate, mentre sono 15 i pazienti ricoverati in terapia intensiva, due in più rispetto a ieri.

Intanto, i positivi al Coronavirus alla Rap sono saliti a 15. Lo ha comunicato lo stesso presidente Giuseppe Norata dell'azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti a Palermo. (DIRETTA)

18:44 - Positivo medico pronto soccorso Cervello 

Un medico in servizio al pronto soccorso dell'ospedale Vincenzo Cervello di Palermo è positivo al coronavirus ed è ricoverato, ma non in gravi condizioni. Il pronto soccorso resta operativo visto che viene sanificato in modo continuo e tutti i medici e infermieri usano i dispositivi di sicurezza. Il personale che è stato a contatto con il medico verrà sottoposto a controllo.

17:45 - In Sicilia 77 nuovi positivi

Sono 77 i nuovi casi di Covid-19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore. Sale a 105 il totale delle persone ricoverate e a 15 il numero di quelle che necessitano di cure in terapia intensiva con una crescita di due intensive e di un ricovero generale. Nel complesso salgono a 1.527 gli attuali positivi attivi nell'isola, 1407 dei quali in regime di isolamento domiciliare. Sul fronte provinciale sono 17 i nuovi casi nel Palermitano, 15 nel Messinese, 14 in provincia di Catania, 10 a Trapani, 7 ad Agrigento, 6 a Ragusa e 2 ciascuno nelle province di Siracusa e Caltanissetta. Nel report dei contagi di oggi non ci sono migranti mentre sono 4 i guariti. Sono stati eseguiti 4.783 tamponi che portano il totale a oltre 385.000. Resta fermo a 289 il totale delle vittime dell'epidemia nell’isola.

13:07 - Palermo, paziente positivo dopo essere risultato negativo al sierologico

Un paziente di 40 anni inizialmente risultato negativo al test sierologico a due tamponi e proveniente dal Pronto Soccorso dell'ospedale Villa Sofia-Cervello è stato ricoverato per meno di 24 ore nella clinica Candela ed è risultato positivo al coronavirus. Lo ha reso noto la stessa struttura sanitaria privata. L'uomo è stato portato all'ospedale Civico dove è stato eseguito un terzo tampone che è risultato positivo. Adesso si svolgeranno controlli a pazienti e dipendenti della clinica da parte dell'Asp.
La clinica Candela in una nota afferma che "è stato ricoverato, per meno di 24 ore, un paziente inviato dal Pronto Soccorso del pronto soccorso Villa Sofia- Cervello, con quadro di broncopolmonite, già sottoposto a 2 tamponi per Covid-19 con esito negativo. Nelle ore successive al ricovero si è registrato un peggioramento del quadro clinico, ragione per la quale si è deciso di trasferire il paziente in Struttura dotata di Terapia Intensiva. In data odierna, alle ore 9:39, ci è stato comunicato, dalla Direzione Medica del ospedale Civico, che il paziente è risultato positivo per ricerca Sars Cov-2 solo a seguito di lavaggio broncoalveolare. In via cautelativa, la direzione della struttura ha avviato le procedure di sanificazione, ha sottoposto a tampone nasofaringeo tutto il personale sanitario medico e non medico ed i pazienti ricoverati al piano nel quale è transitato il paziente risultato, successivamente, positivo, tampone che sarà ripetuto, come da protocollo, nei tempi previsti. Il personale che ha avuto contatti diretti con il paziente è stato inviato al proprio domicilio, ove rimarrà in attesa degli esiti dei tamponi".

12:22 - Salgono a 10 i contagiati a Mazara del Vallo

"Salgono a 10 i contagiati da Covid-19 a Mazara del Vallo - spiega il sindaco Salvatore Quinci -. L'ultimo è stato confermato pochi minuti fa dall'Asp di Trapani. La maggior parte di queste persone sono asintomatiche e stanno bene; soltanto una persona è ricoverata in uno dei presidi ospedalieri del capoluogo della Sicilia".

10:12 - Alla Rap salgono a 15 i dipendenti positivi

Salgono a 15 i dipendenti della Rap, l'azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti a Palermo, positivi al Coronavirus . Lo comunica il presidente Giuseppe Norata, anche lui in isolamento preventivo per essere stato a contatto con alcuni di loroi. "Su 80 tamponi eseguiti, dopo i primi 12 casi emersi, altri tre sono risultati positivi - dice Norata - i 120 test sierologici sono risultati negativi". In prefettura si sta svolgendo una riunione per affrontare il tema dell'emergenza rifiuti che da alcuni giorni è scoppiata nel capoluogo dopo la notizia dei primi positivi al Covid-19, col 40% dei dipendenti in malattia. Ieri sono entrati in azione ditte private, ma la situazione al momento resta critica. La scorsa notte i vigili del fuoco sono intervenuti più volte nella zona di Borgo Nuovo per spegnere roghi di rifiuti.

9:44 - Caso sospetto in un liceo di Palermo: corsi di recupero online

Una bidella del liceo linguistico Danilo Dolci di Palermo è risultata positiva al test sierologico che è stato effettuato a tutto il personale dell'istituto. Si attende la conferma del tampone. Nel frattempo, a scopo precauzionale, i corsi di recupero si tengono online e non più di presenza. Anche l'ingresso al pubblico è stato vietato fino a nuove disposizioni. L'edificio è stato sanificato e prima dell'inizio delle lezioni, previsto per il 14 settembre, ci sarà un altro intervento di pulizia straordinaria. Questa mattina, prima delle 8, sul sito internet dell'istituto è comparso l'avviso: "Si comunica agli utenti che la scuola rimarrà chiusa al pubblico, fino all'inizio delle attività didattiche previste per giorno 14 settembre 2020, per sanificazione e disinfezione dei locali scolastici".

9:02 - Giudice positivo in Corte d'Appello a Palermo

Un magistrato della corte d'Appello di Palermo è risultato positivo a coronavirus. Il giudice è già in autoisolamento nella sua abitazione e le sue condizioni di salute sarebbero buone. Questa mattina è stata disposta la sanificazione degli ambienti della corte d'appello, al palazzo di giustizia del capoluogo siciliano. Come da protocollo, dovrebbero scattare tutte le misure previste in questi casi. Sarà l'Asp a disporre i controlli sul personale e su quanti sono stati a contatto con il magistrato. Le misure anti Covid ordinarie al palazzo di giustizia sono scrupolose: orari contingentati e fissi per le udienze, rilevazione della temperatura agli ingressi, obbligo della mascherina e del distanziamento di sicurezza, distributori di gel disinfettante in ogni aula e corridoio delle strutture giudiziarie.

7:32 – Ragusa, 4 infermieri positivi

Si alza il livello di allarme a Ragusa dove 4 infermieri proprio dell'ospedale covid 'Maria Paternò Arezzo' di Ragusa sono risultati positivi. Si tratta tra l'altro di infermieri in servizio proprio nel reparto Malattie Infettive dove si trovano ricoverati otto pazienti. Nessuno dei medici è invece risultato positivo.

7:24 – In Sicilia 84 nuovi casi positivi

Sono 84 i nuovi casi di Covid19 registrati in Sicilia nelle ultime 24 ore. Salgono a 104 le persone ricoverate, ma restano 13 quelle che necessitano di cure in terapia intensiva. Nel complesso salgono a 1.454 gli attuali positivi attivi nell'isola, 1.337 dei quali in regime di isolamento domiciliare. Sono stati eseguiti il doppio dei tamponi di ieri 5.214 che portano il totale a oltre 380.000. Resta fermo a 289 il totale delle vittime dell'epidemia in Sicilia. Nelle province i nuovi casi positivi sono così suddivisi: 41 Trapani di questi 39 fanno parte del cluster del ristorante di Salemi, 14 a Catania, 4 a Messina, 20 a Palermo, 4 Ragusa e uno a Siracusa.

I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24