Palermo, mafia: torna in carcere Franco Cataldo, il sequestratore del piccolo Di Matteo

Sicilia
©Ansa

Il boss 85enne, condannato a scontare l’ergastolo nel carcere dei Pagliarelli a Palermo, si trovava da due settimane ai domiciliari a Geraci Siculo per motivi di salute, aggravati dal rischio del Covid-19

Uno dopo l'altro i boss scarcerati per motivi di salute, aggravati dal rischio del Covid-19 (LA DIRETTALA SITUAZIONE IN SICILIA), tornano in cella oppure vengono ricoverati in una struttura sanitaria attrezzata e vigilata. Dopo Francesco Bonura, fedelissimo di Bernardo Provenzano, quest’oggi il giudice di sorveglianza ha rimandato nel carcere dei Pagliarelli a Palermo anche Franco Cataldo. Si tratta del boss 85enne condannato all’ergastolo che per due mesi, nel 1994, aveva tenuto segregato in un casolare di campagna nelle Madonie, vicino a Gangi, il piccolo Giuseppe Di Matteo, prima che fosse strangolato e sciolto nell'acido perché il padre Santino non si era piegato al ricatto di ritrattare le sue rivelazioni. 

La revoca dei domiciliari

approfondimento

Ministro Bonafede, perché si è votata la sfiducia

Da due settimane Cataldo era ai domiciliari a Geraci Siculo (in provincia di Palermo). La revoca della scarcerazione è un altro passaggio del nuovo corso del Dap. E trova la sua motivazione nelle norme introdotte, mentre dilagavano le polemiche, dal decreto del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, approvato lo scorso 9 maggio. Come per Bonura, per Cataldo è stato accertato una evoluzione delle condizioni di salute non incompatibili con la detenzione. 

I più letti