Filippine, isola di Boracay chiusa per smaltimento rifiuti. FOTO

Una delle meraviglie del Paese asiatico sarà vietata ai turisti a partire da giovedì 26 aprile. Sarà inaccessibile, fino a un massimo di sei mesi, a causa dell'inquinamento causato proprio dal turismo. LA FOTOGALLERY
  • ©Getty Images
    L'isola di Boracay, nelle Filippine, un paradiso preso d'assalto dai turisti, chiude a causa dell'eccessiva mole di spazzatura da smaltire - Notizie dalle Filippine
  • ©Getty Images
    La decisione, effettiva a partire dal 26 aprile, è stata presa nei giorni scorsi dal presidente Rodrigo Duterte, che ha definito l'isola un "pozzo nero" a causa dell’inquinamento, anche marino, causato da plastica e scarichi incontrollati - Lo SPECIALE di Sky Tg24 "Un mare da salvare"
  • ©Getty Images
    Duterte, non senza sollevare critiche interne, ha ordinato l'immediata chiusura di tutte le attività turistiche per un periodo di non più di sei mesi a Boracay - La notizia sul “New York Times”
  • ©Getty Images
    In queste immagini le code agli imbarchi degli ultimi turisti che si apprestano a lasciare l'isola - Tifone nelle Filippine
  • ©Getty Images
    Dai primi anni del nuovo millennio l'isola, oggi una delle mete turistiche più famose delle Filippine, è stata letteralmente presa d'assalto: soltanto lo scorso anno i visitatori sono stati due milioni - Turismo, le mete del 2018
  • ©Getty Images
    Conseguenza di quest'invasione sono le oltre cento tonnellate di rifiuti al giorno prodotte nel 2017. Una quantità che le strutture locali non riescono a smaltire. A questo vanno poi aggiunti gli scarichi, che riversano in mare liquami inquinanti - L'isola di rifiuti più grande del previsto
  • ©Getty Images
    La chiusura per permettere la pulizia dell'isola non ha trovato però tutti favorevoli: l'ente per il turismo filippino, ha ricordato infatti che l'economia di Boracay dipende sostanzialmente dall'arrivo dei visitatori - Palma di Maiorca, stop ad appartamenti per turisti
  • ©Getty Images
    Migliore, secondo chi contesta la decisione di Duterte, sarebbe forse stata una chiusura parziale dell'isola o una restrizione degli accessi. Come avvenuto, ad esempio, a Maya Bay, la spiaggia thailandese resa celebre dal film "The Beach" con Leonardo DiCaprio, chiusa e poi riaperta con accessi limitati - Chiusa la famosa spiaggia della Thailandia