Hong Kong, anniversario di piazza Tienanmen: arrestati 8 attivisti

Mondo
©Getty

La commemorazione pubblica degli eventi di piazza Tienanmen del 1989 è vietata nella regione amministrativa speciale cinese. Le persone fermate sono accusate di aver compiuto "azioni dirompenti" o creato disturbo dell'ordine pubblico. Tra i fermati ci sono Alexandra Wong, figura di spicco del movimento democratico, e Chan Po-ying, leader del partito di opposizione, entrambe stavano camminando con dei fiori in mano

ascolta articolo

La polizia di Hong Kong ha arrestato 8 attivisti politici in occasione dell'anniversario della protesta di piazza Tienanmen del 4 giugno 1989 per "azioni dirompenti" o disturbo dell'ordine pubblico. La commemorazione pubblica degli eventi di piazza Tienanmen del 1989 è vietata nella regione amministrativa speciale cinese.

Arrestate attiviste che tenevano in mano dei fiori

Tra i fermati c'è anche Alexandra Wong, meglio conosciuta come "Mamie Wong", figura di spicco del movimento democratico di Hong Kong. Wong, prima di essere caricata su un furgone della polizia, camminava con in mano un mazzo fiori nel distretto centrale di Causeway Bay, dove da tempo si tengono fiaccolate in memoria delle vittime di Tiananmen.

Fermata anche Chan Po-ying, leader del partito di opposizione, lo ha constatato un giornalista dell'Afp. In base a quanto si è appreso, la donna teneva in mano una piccola candela a Led, una scena comune nelle veglie commemorative del 4 giugno 1989, e due fiori. La polizia l'ha afferrata e trascinata su un furgone.

epa10630483 Police stand guard outside the West Kowloon Magistrates  Court on the first day of the trial of the Chairperson of the Hong Kong Journalists Association (HKJA) Ronson Chan in Hong Kong, China, 16 May 2023. Chan was charged with obstructing police officers while reporting on a residence meeting in a housing estate in September 2022. He was granted bail subsequently and allowed to hold on to his passport, and also permitted to travel to the UK for a journalism fellowship.  EPA/Bertha WANG

leggi anche

Hong Kong, arresti alla vigilia dell'anniversario di piazza Tienanmen

La commemorazione di piazza Tienanmen

Fino al 2019, decine di migliaia di persone si sono riunite ogni anno a Hong Kong il 4 giugno per commemorare le vittime del massacro. Negli anni successivi, Pechino ha aumentato il suo controllo sull'ex colonia britannica amministrata in modo indipendente. Una legislazione sulla sicurezza ampiamente elaborata è stata utilizzata per reprimere l'opposizione politica. La commemorazione pubblica delle vittime dell'evento, spesso indicato in Occidente come il massacro di piazza Tiananmen, è sempre stata vietata nella Cina continentale, con attivisti per i diritti e parenti delle vittime posti agli arresti domiciliari o trasferiti in altre regioni. In vista dell'anniversario, le Madri di Tiananmen, un gruppo di parenti delle vittime,hanno chiesto che la verità sulla repressione fosse rivelata, che fosse pagato un risarcimento e che i responsabili venissero puniti. Il numero delle vittime del 1989 non è noto, la stima dei morti varia da parecchie centinaia a diverse migliaia. I feriti sarebbero stati migliaia. La questione rimane un tabù in Cina.

IPA_IPA29406081

leggi anche

Winnie Pooh e la censura, perché l'orsacchiotto imbarazza Xi Jinping

Piazza Tienanmen 4 giugno 1989

Nella notte tra il 3 e il 4 giugno 1989 l'esercito cinese ha iniziato a muoversi dalla periferia di Pechino verso Piazza Tienanmen, cuore storico della capitale aprendo il fuoco contro migliaia di studenti che protestavano contro il regime di Deng Xiaoping. Il massacro provocò la condanna dell'Occidente e l'imposizione di un embargo sulla vendita di armi alla Cina. Nell'aprile 1989 prese il via la protesta studentesca in Cina nata dal cordoglio per la morte del politico riformatore Hu Yaobang, popolare tra i riformisti, e dalla richiesta al Partito di prendere una posizione ufficiale nei suoi confronti. Un dissenso che divenuto via via più intenso dopo le notizie dei primi scontri tra manifestanti e polizia. Gli studenti si convinsero allora che i mass media cinesi stessero distorcendo la natura delle loro azioni, che erano solamente volte a supportare la figura di Hu.

cole-facebook

leggi anche

Addio Charlie Cole, fotografò uomo davanti al carro armato Tienanmen

20050604 - CRO - PECHINO - CINA: ANNIVERSARIO TIENANMEN -  La foto storica scattata da un fotografo della Reuter il 4 giugno 1989, mostra uno studente cinese che fermò una colonna di carri-armati in piazza Tienanmen, a Pechino. Oggi ricorre il 16/mo anniversario della sanguinosa repressione del movimento democratico da parte delle autorità cinesi .        REUTER - ANSA/KLD
Piazza Tienanmen 1989 - ©Ansa

La protesta degli studenti

Il 22 aprile, giorno dei funerali, gli studenti scesero in piazza Tiananmen, nella città di Pechino, chiedendo di incontrare il primo ministro Li Peng; la leadership comunista e i media ufficiali ignorarono la protesta e per questo gli studenti proclamarono uno sciopero generale all'università di Pechino. All'interno del PCC Zhao Ziyang, segretario generale del Partito, era favorevole a un'opposizione moderata e non violenta nei confronti della manifestazione, riportando il dibattito suscitato dagli studenti in ambiti istituzionali. Favorevole alla linea dura era invece Li Peng, primo ministro, che era convinto che i manifestanti fossero manipolati da potenze straniere. Egli, in particolare, approfittò dell'assenza di Zhao, che doveva recarsi in visita ufficiale in Corea del Nord, per diffondere le sue convinzioni. Si incontrò con Deng Xiaoping, che, nonostante si fosse ritirato da tutte le cariche più importanti (ma rimaneva Presidente della potente Commissione militare), restava un personaggio estremamente influente nella politica cinese. Il 26 aprile fu pubblicato sul Quotidiano del Popolo un editoriale a firma di Deng Xiaoping che accusava gli studenti di complottare contro lo stato e fomentare agitazioni di piazza. Una dichiarazione che fece infuriare gli studenti e il 27 aprile circa 50.000 studenti scesero nelle strade di Pechino, ignorando il pericolo di repressioni da parte delle autorità e chiedendo di ritrattare le pesanti dichiarazioni. Il 4 maggio circa 100.000 persone marciarono nelle strade di Pechino, chiedendo più libertà nei media e un dialogo formale tra le autorità del partito e una rappresentanza eletta dagli studenti.

epa10392051 A handout photo made available by the US Central Command (CENTCOM) Public Affairs via the Defense Visual Information Distribution Service (DVIDS) shows the US Navy Arleigh Burke-class guided-missile destroyer USS Chung-Hoon (DDG 93) sailing through the Taiwan Strait, 05 January 2023 (issued 06 January 2023). A US Navy statement said that the USS Chung-Hoon transited through the Taiwan Strait on 05 January, as part of the United States commitment to a 'free and open Indo-Pacific'.  EPA/US NAVY HANDOUT -- BEST QUALITY AVAILABLE -- HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

leggi anche

Stretto di Taiwan, sfiorata la collisione tra navi Usa e Cina

Mondo: I più letti