Gasdotto Nord Stream, Svezia: "Quarta falla causata da esplosione"

Mondo

Le grandi perdite stanno causando notevoli bolle marine di centinaia di metri in superficie, rendendo per il momento impossibile l'ispezione delle strutture. "Attenzione intensificata" sulle centrali nucleari svedesi Ringhals e Forsmark. Cremlino: su Nord Stream atto terroristico da paese straniero        

ascolta articolo

Un totale di quattro perdite di gas sono state scoperte dopo le esplosioni dellle linee del gasdotto Nord Stream 1 e 2. Lo afferma la Guardia Costiera svedese che precisa che due di queste quattro si trovano nella zona economica svedese. Allo stesso tempo, il sismologo Björn Lund non esclude che possa essersi verificata una terza detonazione. La guardia costiera svedese non è stata in grado di spiegare perché la segnalazione di questa nuova perdita sia avvenuta in ritardo.  Finora la Svezia aveva segnalato una perdita sul Nord Stream 1 a nord-est dell'isola di Bornholm. La Danimarca ha confermato la presenza di una perdita sul Nord Stream 2 a sud-est dell'isola e di un'altra a nord-est sul Nord Stream 1. Le grandi perdite stanno causando notevoli bolle marine di centinaia di metri in superficie, rendendo per il momento impossibile l'ispezione delle strutture. (GUERRA UCRAINA - IL LIVEBLOG)

Vigilanza sulle centrali nucleari

"Attenzione intensificata" sulle centrali nucleari svedesi Ringhals e Forsmark in seguito alle falle nel gasdotto russo Nord Stream 'poiche il quadro della minaccia contro la Svezia si è ampliato e approfondito ed è sia militare che civile", secondo le forze di sicurezza citate dai media locali.  "Ciò significa maggiore vigilanza e segnalazione di eventuali deviazioni", ha affermato Karin Swanson, capo ufficio stampa di Ringhals, senza spiegare quale tipo di protezione sia stata messa in campo, né quali misure siano state prese.

Nato: "Sabotaggio sconsiderato"         

approfondimento

Nord Stream, Ue: "Attacco deliberato". Mosca: "Accuse stupide"

"Il danneggiamento dei gasdotti Nordstream 1 e Nordstream 2 nelle acque internazionali del Mar Baltico desta profonda preoccupazione: tutte le informazioni attualmente disponibili indicano che si tratta del risultato di atti di sabotaggio deliberati, sconsiderati e irresponsabili". Lo dichiara una nota del Consiglio Atlantico, sottoscritta anche da Svezia e Finlandia, alleati entranti. 

Cremlino: atto terroristico da paese straniero

approfondimento

Bollette gas, Cingolani: "Prezzo non scenderà senza price cap"

Gli incidenti ai gasdotti Nord Stream sembrano "un atto terroristico, probabilmente di un paese straniero". Lo ha affermato il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, citato da Interfax. Peskov ha anche commentato le notizie di stampa che parlavano della presenza di truppe russe nell'area degli incidenti: "Sono notizie distorte, sono state viste molte più truppe della Nato nell'area". 

Mondo: I più letti