Tutti i passeggeri ricevono foto di disastri aerei, fermato volo da Tel Aviv a Istanbul

Mondo

Nove ragazzi arabi sono stati fermati dalla polizia israeliana per aver procurato allarme a bordo di un volo low cost in fase di decollo. I fermati avevano diffuso le immagini di alcuni disastri aerei sui telefonini dei passeggeri del velivolo diretto ad Amsterdam come riporta il Corriere della Sera

ascolta articolo

Panico a bordo di un Boeing 737 con 160 passeggeri all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. La polizia israeliana, come riporta il Corriere della Sera, ha arrestato 9 arabi tra i 18 e i 20 anni per aver inviato foto di disastri aerei ai telefonini di alcuni passeggeri vicino di posto sul volo della compagnia low cost turca che si preparava al decollo. Il volo TK7709 di AnadoluJet è partito con circa quattro ore di ritardo verso Istanbul. I tre ragazzi accusati di aver diffuso false informazioni e per procurato allarme, rischiano fino a 3 anni di galera.

 

Foto del disastro aereo in Olanda del 2009 - ©Getty

Foto dei disastri aerei 

approfondimento

Cisgiordania, uccisa una giornalista di Al Jazeera

A lanciare l’allarme è stato il comandante dell’aereo che ha deciso il ritorno immediato al gate d’imbarco dopo che una signora è svenuta e un altro passeggero ha avuto un attacco di panico. I malori si sono verificati dopo aver ricevuto sul proprio telefonino tre immagini di disastri aerei e di incidenti legati ai voli. Una riguardava lo schianto di un velivolo turco avvenuto in Olanda nel 2009, l’altro un altro schianto accaduto a San Francisco nel 2013 e un altro ancora un individuo mentre cammina tra il motore e l’ala di un velivolo. La vicenda è stata segnalata anche ai servizi di sicurezza israeliana. A quel punto tutti sono stati fatti scendere per sottoporsi a un altro controllo.

 

Foto del disastro aereo a San Francisco nel 2009 - ©Getty
 

I fermati

approfondimento

Covid, Easa/Ecdc: dal 16 maggio stop obbligo mascherine in volo

Dopo un interrogatorio la polizia israeliana ha fermato nove passeggeri, tutti giovanissimi provenienti da un paesino nel nord dello Stato ebraico. Gli autori avrebbero sfruttato AirDrop, disponibile su iOS ( il sistema operativo degli iPhone) che consente agli utenti di condividere in pochi secondi foto e video mettendo in contatto i dispositivi a poca distanza tra loro. Quando il Boeing si è messo in moto sono comparse sugli smartphone le notifiche di ricezione delle foto.

 

Mondo: I più letti