Guerra Ucraina, le immagini dei primi civili fuori dall’acciaieria Azovstal a Mariupol

Mondo

In un video diffuso dal reggimento ucraino Azov si vedono più di 100 persone evacuate, sotto la guida delle Nazioni Unite. Si tratta soprattutto di donne e bambini. Entro oggi dovrebbero raggiungere Zaporizhia

ascolta articolo

"È così che i civili di Mariupol sono emersi da sotto le acciaierie Azovstal per fuggire dalla città in rovina durante l'evacuazione guidata dalle Nazioni Unite": un tweet della giornalista della BBC di Kiev, Myroslava Petsa, mostra le immagini in possesso del deputato David Arakhamia, ricevute dal reggimento Azov, l'unità militare ucraina. "Più di 100 donne e bambini - si legge - sono stati evacuati e dovrebbero raggiungere Zaporizhia, controllata dall'Ucraina, domani mattina" (GUERRA IN UCRAINA, LO SPECIALE DI SKY TG24 - GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE). 

 

Il rifugio

approfondimento

Zelensky: prima volta che il cessate il fuoco funziona a Mariupol

L’acciaieria Azovstal di Mariupol è ormai quasi del tutto distrutta. Recenti immagini satellitari mostrano gli edifici dell’impianto industriale rasi al suolo. Quello che fino allo scorso 24 febbraio – giorno d’inizio della guerra in Ucraina – era uno dei siti produttivi più importanti del Paese è ormai da settimane un bunker dove soldati e civili ucraini cercano rifugio dagli attacchi russi. Dentro l’impianto è presente anche il battaglione Azov, gruppo militare ucraino che il Cremlino definisce “neonazista” e accusa di essere colpevole di violenze verso la popolazione filorussa d’Ucraina. Sviatoslav Palamar, uno dei comandanti del battaglione, ha raccontato che l’acciaieria è stata bombardata da artiglieria, navi e attacchi aerei nelle ultime ore.

 

 

Mondo: I più letti