Aereo caduto in Cina: scatole nere danneggiate, ancora ignote le cause dell'incidente

Mondo

L'aereo della China Eastern Airlines che trasportava 132 persone tra passeggeri ed equipaggio è precipitato il 21 marzo scorso nella provincia meridionale del Guangxi

ascolta articolo

Le scatole nere del Boeing 737-800 precipitato il mese scorso in Cina sono state gravemente danneggiate nell'impatto. L'aggiornamento sulle indagini, riportato dall'agenzia stampa britannica Reuters, arriva dalla Civil Aviation Administration of China. I due registratori che si trovavano a bordo dell'aereo hanno subito danni tali da non lasciare indizi evidenti che possano spiegare l'incidente nel quale hanno perso la vita i 123 passeggeri e i 9 membri dell'equipaggio.

L'incidente

Il volo China Eastern MU5735, che viaggiava da Kunming a Guangzhou, è precipitato dall'altitudine di crociera sulle montagne del Guangxi il 21 marzo scorso. Si è trattato del primo incidente aereo mortale avvenuto in Cina dal 2010. La Civil Aviation Administration of China (CAAC), nel suo rapporto preliminare sull'incidente, non aveva incluso alcuna informazione proveniente dai registratori vocali o i dati della cabina di pilotaggio, che erano stati inviati a Washington per l'analisi. La CAAC ha comunicato che l'ultima chiamata normale effettuata dai controllori all'aereo era stata alle 14:16 ora locale, mentre l'aereo viaggiava a 29.200 piedi. Meno di sei minuti prima che l'aereo scomparisse dai radar.

CAAC: "Prove a disposizione sono limitate"

leggi anche

Cina, aereo precipitato: ritrovata una delle scatole nere

"I due registratori sull'aereo sono stati gravemente danneggiati a causa dell'impatto e il lavoro di ripristino e analisi dei dati è ancora in corso", ha affermato la CAAC in una nota. Non sono stati forniti ulteriori dettagli sulle dinamiche dell'incidente. Solitamente gli incidenti aerei sono provocati da un insieme di fattori tecnici e umani. "Ci sono molte difficoltà nelle indagini su questo incidente e al momento le prove disponibili sono limitate", ha detto Li Yong, vicedirettore dell'ufficio per la sicurezza aerea del CAAC, in un'intervista all'agenzia di stampa statale Xinhua .

Ipotesi al vaglio

L'autorità che indaga sull'incidente ha escluso alcune ipotesi, affermando che l'equipaggio era qualificato, che l'aereo era in condizioni di manutenzione adeguate, che il tempo era sereno e che il jet non trasportava a bordo merci potenzialmente pericolose. Un indizio importante è che la maggior parte dei rottami risultava concentrata in un'unica area: per gli analisti questo potrebbe significare che l'incidente non è stato provocato da una rottura o da un'esplosione avvenuta in aria. Un'ala è stata però ritrovata a 12 chilometri di distanza dai resti dell'aereo. Non si può quindi escludere l'ipotesi che alcune parti si siano staccate dal corpo del jet mentre precipitava. Per Anthony Brickhouse, esperto di sicurezza aerea presso la Embry-Riddle Aeronautical University, la domanda quindi è: "Quel pezzo che si è staccato ha causato il precipitare dell'aereo o il precipitare ha provocato il distacco di quel pezzo?"

Almeno due anni per il rapporto finale

La scorsa domenica la China Eastern, che aveva sospeso tutti i suoi voli, ha ripreso i voli commerciali. La CAAC, nel suo rapporto, non ha fatto segnalazioni o raccomandazioni in merito ai Boeing 737-800, in servizio dal 1997 e, secondo il parere degli esperti, con elevati standard di sicurezza. La Civil Aviation Administration of China ha fatto sapere che il rapporto preliminare sulle cause dell'incidente sarà completato e reso pubblico entro 30 giorni. Il rapporto finale invece, considerate le difficoltà dovute alle scatole nere gravemente danneggiate, potrebbe richiedere due o più anni. 

Mondo: I più letti