Guerra Ucraina, Zelensky: “Uccisi 79 bambini, è una guerra contro l'Europa"

Mondo
©IPA/Fotogramma

Il presidente ucraino è intervenuto nel pomeriggio in video alla manifestazione per la pace di Eurocities. Dal maxischermo in piazza Santa Croce ha rivolto un appello ai manifestanti invocando la no fly zone. “Questa guerra non è solo contro di noi ma contro i valori che ci uniscono, contro il modo di vivere in Occidente”, ha aggiunto

ascolta articolo

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky è intervenuto nel pomeriggio in collegamento video con la manifestazione per la pace di Eurocities a Firenze. Dal maxischermo in piazza Santa Croce ha detto: "Viviamo una terribile guerra, l'Europa non ha visto qualcosa di simile dalla Seconda Guerra Mondiale. Questa guerra non è stata iniziata da noi, questa è l'invasione cinica e crudele da parte della Russia, è la guerra contro il popolo ucraino". Ma la guerra “non è solo contro gli ucraini ma contro i valori che ci uniscono, contro il nostro modo di vivere" in Occidente. Questa, ha detto, "è una guerra contro l'Europa perché noi siamo europei". Poi ha rivolto un pensiero ai civili uccisi, soprattutto ai bambini: "Chiediamo di ricordare il numero 79, i 79 bambini uccisi dalla guerra, 79 famiglie distrutte. Dobbiamo fare in modo che questo numero non aumenti e che nessuno lo dimentichi".  (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE).

Il video intervento in piazza

leggi anche

Guerra in Ucraina, la foto della 'bimba con caramella' diventa virale

Dopo aver salutato “tutti gli amici dell'Ucraina e tutti gli amici della libertà” il presidente ha ringraziato i manifestanti: “So che oggi siete oltre 100mila in diverse piazze di diverse città, noi ucraini siamo grati". Le forze armate russe hanno circondato le città ucraine e “le vogliono distruggere. Bombardano 24 ore su 24, bombardano le cliniche, le chiese, le piazze, che sono come le vostre", ha detto Zelensky, lanciando un forte appello alla piazza di Firenze: “Dite ai vostri politici di chiudere i cieli dell'Ucraina", dai razzi, dagli aerei russi, dai missili”. Zelensky ha ribadito l’utilità delle sanzioni contro la Russia da parte dell’Occidente: "Servono sanzioni perché ogni soldato russo capisca il prezzo di ogni sparo contro i civili". Poi ha parlato della richiesta di adesione all’Ue. "Dobbiamo stare insieme nella Comunità europea, è importante per l'Ucraina".

"Ci bombardano perché odiano i vivi"

"Immaginate intere città bombardate e distrutte nel 2022, in Europa. Mariupol è bombardata 24 ore su 24, hanno distrutto una clinica ostetrica in un ospedale pediatrico. Questo è odio per tutti i vivi. Uccidono i bambini, distruggono gli ospedali pediatrici. Perché? Per non far generare figli alle donne ucraine", ha detto Zelensky in collegamento. I russi, ha proseguito, "distruggono centinaia di asili nido, scuole, quartieri residenziali, chiese. Immaginate come possiamo sopravvivere venendo bombardati a tappeto. Bombardano piazze come la vostra dove voi siete ora. La piazza di Karkhiv, la più grande, è stata distrutta da un razzo russo".

Mondo: I più letti