Yemen, 2mila bambini reclutati dai ribelli Houti morti combattendo

Mondo

A denunciarlo un rapporto dell'Onu, nel quale si parla anche di campi e corsi che i ribelli continuano a tenere per incoraggiare i più giovani a scendere sul campo di battaglia. Le vittime sono morte tra il 2020 e il 2021, avevano tra i 10 e i 17 anni

Sono cifre terribili quelle denunciate da un rapporto Onu sui bambini reclutati dai ribelli Houthi in Yemen. Ma ancora più terribili perchè quei bambini, sono morti combattendo. Quasi 2.000 bambini hanno perso la vita combattendo tra gennaio 2020 e maggio 2021.

L’ età dei bambini soldato tra i 10 e i 17 anni

approfondimento

Yemen, raid aereo contro ospedale di Save the Children: 7 morti

Secondo gli esperti delle Nazioni Unite i bambini soldato che venivano reclutati in

in scuole, campi estivi e mosche e avevano tra i 10 e i 17 anni. Ad alcuni di loro era stato detto che avrebbero frequentato corsi culturali e invece venivano addestrati. In altri casi le famiglie erano state minacciate di non ricevere più aiuti umanitari. In un caso un bambino è stato stuprato. Nel rapporto sono anche allegate foto di bambini addestrati e indottrinati dagli Houthi.

Il rapporto Onu

approfondimento

Yemen a Sanaa la pioggia distrugge le case di fango patrimonio Unesco

Non solo. Secondo il rapporto dell’Onu i ribelli continuano a tenere corsi per incoraggiare i più giovani a scendere sul campo di battaglia. Tutto questo, dopo sette anni di guerra, violando l’embargo sulle armi imposto dalle Nazioni Unite. "Gli Houthi hanno continuato-  viene denunciato nel rapporto - a rifornirsi di componenti per le loro armi da aziende in Europa e Asia, utilizzando una complessa rete di intermediari per nascondere la catena di approvvigionamento". In particolare, i droni, i dispositivi esplosivi da utilizzare in acqua e i  razzi a corto raggio sono stati assemblati in aree controllate dagli Houthi, mentre i componenti elettronici e i motori sono stati acquistati dall'estero utilizzando una complessa rete di intermediari in Europa, Medio Oriente e Asia". ll rapporto non ha invece confermato le accuse statunitensi e saudite di un coinvolgimento diretto dell'Iran che ha ammesso sì di sostenere politicamente gli Houthi negando però di aiutarli a ottenere armi. Fondamentale sarebbe però il ruolo dell'oman dato che componenti ed equipaggiamenti verrebbero forniti "via terra alle forze Huthi da individui ed entità con sede nel Paese.

 

Mondo: I più letti