Ucraina, Gb: “Piano di Mosca per mettere leader filorusso a Kiev”. Cremlino: “Assurdità”

Mondo
©Getty

Il ministero degli Esteri britannico in un comunicato parla di una strategia per “installare” nella repubblica ex sovietica un premier vicino al Cremlino. Secondo Londra, fra i nomi papabili ci sarebbero "l'ex deputato ucraino Yevhen Murayev" e altri quattro politici che hanno lavorato sotto la presidenza di Yanukovich

Il ministero degli Esteri britannico lancia il sospetto che Mosca stia non solo valutando un'incursione militare in Ucraina, ma anche "un'invasione e un'occupazione" in piena regola per "installare" al governo di Kiev "una leadership filorussa". E, secondo quanto si legge nel comunicato del Foreign Office, il futuro "potenziale candidato" premier del Cremlino nella vicina repubblica ex sovietica sarebbe "l'ex deputato ucraino Yevhen Murayev". Uno scenario che, da Oltreoceano, l’amministrazione del presidente Usa Joe Biden definisce “preoccupante”, mentre Mosca respinge seccamente le accuse di Londra: "Chiediamo al Ministero degli Esteri di smetterla di diffondere assurdità", ha twittato il ministero degli Esteri russo.

“Incursione russa in Ucraina avrebbe costi pesanti”

leggi anche

Attacco hacker in Ucraina, Kiev accusa Mosca

Oltre a Murayev, il ministero degli Esteri britannico sostiene di avere "informazioni" relative a contatti fra i servizi d'intelligence di Mosca e altre quattro personalità politiche di Kiev: l'ex primo ministro Mykola Azarov, gli ex vicepremier Serhiy Arbuzov e Andriy Kluyev, nonché l'ex vicecapo del Consiglio di sicurezza nazionale Vladimir Sivkovich, tutti in carica sotto la presidenza considerata filorussa di Viktor Yanukovich, deposto nel 2014. La nota - accompagnata dalla sottolineatura che Londra continua a sostenere senza equivoci "la sovranità e l'integrità territoriale dell'Ucraina nei suoi confini internazionalmente riconosciuti, Crimea inclusa" - è completata da una dichiarazione di Liz Truss, titolare degli Esteri nel governo di Boris Johnson: "L'informazione diffusa oggi getta luce sulla portata delle attività russe concepite per sovvertire l'Ucraina e dà un un'idea di ciò che al suo interno il Cremlino pensa di fare. La Russia deve allentare l'escalation e mettere fine alle sue campagne di aggressione e disinformazione per perseguire la strada della diplomazia. Il Regno Unito ha da parte sua avvertito ripetutamente assieme ai suoi partner (della Nato) che ogni incursione militare russa in Ucraina sarebbe un enorme errore strategico, con costi pesanti".

Capo della Marina tedesca si dimette per frasi su Putin

leggi anche

Ucraina, nuovo vertice Usa-Russia per disinnescare la tensione

Intanto in tema dell’Ucraina scuote anche la Germania. Proprio nei giorni in cui Berlino è alle prese con le delicatissime trattative internazionali con Mosca, il capo della Marina tedesca Achim Kay Schoenbach ha annunciato le sue dimissioni dopo essere stato travolto dalle polemiche per un video in cui dice: "Putin vuole solo rispetto, e lo merita". Un filmato girato in India, a Nuova Delhi, nel corso di uno scambio di opinioni organizzato da un Think tank, e poi finito su Twitter: "Davvero Putin vuole incorporare una parte dell'Ucraina? - sisente dire in inglese l'ormai ex capo della Marina - Questo è un nonsenso. Probabilmente il Cremlino vuole esercitare un po' di pressione, perché Putin sa di poterlo fare. Così può dividere l'Europa. Quello che Putin vuole davvero è rispetto. È facile dargli il rispetto che vuole e che, probabilmente, merita anche". Il viceammiraglio ha poi affermato fra l'altro che "la Russia ci serve, ci serve contro la Cina". "Io sono un cattolico romano radicale. Io credo in Dio e nella cristianità", ha detto nella discussione, in cui ha argomentato che "la Russia è un Paese cristiano", mentre la Cina no.

Mondo: I più letti