Austria, entra in vigore la legge che consente il suicidio assistito

Mondo

Da oggi in Austria il suicidio assistito è legale. La nuova legge garantisce la protezione penale per chi "aiuta le persone gravemente malate a decidere di morire con dignità". Questa possibilità è prevista solo per i pazienti terminali e per quelli affetti da gravissime patologie

In Austria è entrata in vigore oggi, 1 gennaio 2022, la legge che depenalizza il suicidio assistito e che riconosce alle persone il diritto di decidere di porre fine volontariamente alle proprie sofferenze. La legge definisce i criteri per accedere al fine vita assistito. Questa possibilità è prevista solo per i pazienti terminali e quelli affetti da gravissime patologie senza possibilità di guarigione che potranno ricevere, tramite le farmacie, un farmaco letale. I minorenni sono esplicitamente esclusi. Contemporaneamente è previsto l'ampliamento della rete di centri palliativi.

Cosa prevede la legge

approfondimento

Suicidio assistito, primo sì in Italia per uomo tetraplegico

La domanda va presentata presso un notaio oppure presso il “difensore civico dei pazienti”. Servono due consulti di medici, uno dei quali deve avere la specializzazione per le cure palliative. Va documentata anche la capacità di intendere e volere del paziente. Nel caso che uno dei due medici abbia dei dubbi, va coinvolto anche uno psichiatra oppure uno psicologo.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24