Covid, la variante Delta blocca alcuni porti in Cina: si teme paralisi commercio globale

Mondo
©Ansa

Aumentano giorno dopo giorno i container che vengono stoppati in alcuni dei punti più strategici del gigante asiatico. L'emergere di focolai di Covid-19 tra i lavoratori portuali sta costando un ingorgo ancora più grave di quello accaduto nel Canale di Suez, con potenziali conseguenze su tempi e costi 

Sono sempre di più, giorno dopo giorno, i container bloccati in alcuni tra i più attivi porti della Cina. Uno stop dovuto all'emergere di focolai di Covid-19 tra i lavoratori portuali: in particolare sono i contagi da variante Delta, l’ormai ex variante indiana, a preoccupare le autorità cinesi. Ma non solo: si teme un ingorgo ancora più grave di quello accaduto nel Canale di Suez, con potenziali conseguenze su tempi e costi del commercio globale (COVID: AGGIORNAMENTI LIVE - SPECIALE - LA SITUAZIONE IN ITALIA CON MAPPE E INFOGRAFICHE).

Bloccato lo Yantian International Container Terminals

approfondimento

Vaccino Covid, in Cina Sinovac autorizzato per fascia 3-17 anni

A riferire alcuni dettagli sulla situazione nei porti cinesi sono i media internazionali che hanno segnalato in particolare il blocco dello Yantian International Container Terminals nel porto di Shenzhen, parzialmente chiuso alla fine di maggio e sottoposto a severe misure precauzionali. Secondo quanto riportato da Bloomberg, gli sforzi delle autorità locali per contenere i contagi, tra disinfezioni e quarantene, hanno portato a una grave carenza di manodopera e l'interruzione del quarto porto per container più trafficato del mondo sta mettendo a dura prova una catena di approvvigionamento globale già fragile. Le navi fanno scalo a Yantian ma la movimentazione dei container sta subendo seri ritardi, costringendole a soste fino a cinque giorni. Più in generale, casi di positività al Covid si registrano a Shenzhen, dove si trovano i porti strategici di Yantian e di Shekou, e a Guangzhou, dove c'è il porto di Nansha.

Prezzi del commercio alle stelle

leggi anche

Canale Suez, liberata la nave portacontainer: riprende il traffico

"Il peggioramento del problema della congestione portuale della Cina meridionale sta diventando l'ultimo grande ostacolo e collo di bottiglia delle forniture per il settore delle spedizioni di container", ha affermato in un rapporto Andrew Lee, analista di Jefferies a Hong Kong. "Questo, prevediamo, porterà i tassi dei container a raggiungere nuovi massimi storici nel breve termine". Maersk, la più grande linea di container al mondo, ha affermato che l'attuale produttività nei terminal di Yantian è pari a circa il 30% dei livelli normali. Per evitare ritardi, la compagnia e altre società di navigazione stanno dirottando alcune delle loro navi verso altri terminal.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.