Ibiza, spari a una festa: si consegna l'italiano che era in fuga

Mondo

Nella mattinata del 6 giugno il ricercato, che sarebbe responsabile di aver ferito gravemente a colpi di pistola un connazionale di 28 anni durante un party in una villa, si è presentato alla Guardia Civil dell'isola spagnola. Tra le motivazioni per cui ha aperto il fuoco ci sarebbe la gelosia

Si è consegnato alla Guardia Civil di Ibiza l'italiano sospettato di aver ferito gravemente a colpi di pistola un connazionale di 28 anni nel corso di una festa in una villa privata sull'isola, nella notte tra il 4 e il 5 giugno. La conferma è arrivata da fonti investigative. Secondo quanto riporta il giornale locale Periodico de Ibiza, l'uomo - che era in fuga e ricercato dalla Guardi Civil - sarebbe accusato di tentato omicidio e lesioni.

Movente dell'aggressione sarebbe la gelosia

leggi anche

Spagna, due italiani feriti in una sparatoria a Ibiza, uno grave

L'ipotesi principale sul tavolo degli inquirenti è che il movente dell'aggressione sia stata una lite per motivi privati, probabilmente per gelosia. Tuttavia, non sono state scartate altre linee investigative: secondo le ricostruzioni di diversi media, una è quella di dissidi legati all'ambito dell'organizzazione di feste clandestine. Il presunto aggressore sarebbe arrivato al party accompagnato da almeno un'altra persona, avrebbe aperto il fuoco e poi si sarebbe allontanato rapidamente. Questo almeno è quanto si apprende dalle prime ricostruzioni della Guardia Civil spagnola che ha confermato l'identità dell'uomo. Una fonte a conoscenza delle indagini ha detto che c'è stato un ampio dispiegamento di forze dell'ordine e mezzi per catturare il 33enne. Gli inquirenti sono sempre stati convinti che il suo arresto sarebbe stato solo una "questione di tempo". L'italiano raggiunto dai colpi - ha confermato la Guardia Civil - è un 28enne. Il ragazzo è stato operato d'urgenza sabato per almeno tre ferite d'arma da fuoco alla testa e tre a una gamba. Un connazionale di 35 anni è invece rimasto ferito lievemente ed è stato dimesso sabato mattina dopo un breve ricovero. I tre italiani implicati nella vicenda sono di origini campane, ma da tempo risiedono a Ibiza.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24