Sofagate, ora è scontro diplomatico Italia-Turchia dopo le parole di Draghi su Erdogan

Mondo

Il premier italiano ha definito indirettamente il presidente turco “un dittatore” attaccandolo per l’atteggiamento riservato a Ursula von der Leyen nella visita ad Ankara. Convocato l'ambasciatore italiano. La Turchia condanna le parole di Draghi e chiede che vengano ritirate. Salvini: “Ue non può subire ricatti”. Meloni: “Pretendiamo rispetto”

Ascolta:

Non si placa la bufera sul sofagate al palazzo presidenziale di Ankara. E il caso è diventato uno scontro diplomatico tra l'Italia e la Turchia con tanto di convocazione dell'ambasciatore italiano. Tutto è nato durante la visita della delegazione Ue nella capitale turca, martedì 6 aprile, quando il padrone di casa Erdogan ha fatto sedere accanto a lui il presidente del Consiglio Ue Charles Michel, lasciando su un divano la presidente della Commissione Ursula von del Leyen. L’episodio ha fatto il giro del mondo e ha scatenato molte critiche.

Le parole di Draghi

Nella serata di giovedì 8 aprile il premier italiano Mario Draghi ha usato parole dure sulla vicenda. "Non condivido assolutamente Erdogan, credo che non sia stato un comportamento appropriato. Mi è dispiaciuto moltissimo per l'umiliazione che la presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha dovuto subire", ha premesso il presidente del Consiglio, per poi aggiungere: "Con questi dittatori, chiamiamoli per quello che sono", ha sottolineato Draghi, "di cui però si ha bisogno, uno deve essere franco nell'esprimere la propria diversità di vedute e di visioni della società; e deve essere anche pronto a cooperare per assicurare gli interessi del proprio Paese. Bisogna trovare il giusto equilibrio".

L’ira di Ankara

leggi anche

Draghi: “Erdogan dittatore”. Turchia convoca l'ambasciatore italiano

Le affermazioni di Draghi hanno scatenato pesanti reazioni in Turchia. L'ambasciatore italiano ad Ankara, Massimo Gaiani, è stato convocato in tarda serata al ministero degli esteri turco, dove il capo della diplomazia Cavusoglu gli ha espresso tutto il suo disappunto: “Condanniamo con forza le affermazioni senza controllo del primo ministro italiano nominato Mario Draghi sul nostro presidente eletto Recep Tayyip Erdogan", ha detto. Le dichiarazioni di Draghi mostrano una "inaccettabile retorica populista”, ha scritto poi su Twitter il ministro degli Esteri turco. "Respingiamo al mittente queste affermazioni brutte e incontrollate”. All'ambasciatore italiano ad Ankara "è stato sottolineato che ci aspettiamo che queste brutte e sfacciate affermazioni che non sono conformi allo spirito di amicizia e di alleanza tra Italia e Turchia, vengano immediatamente ritirate”. In una nota si entra poi nel merito della vicenda del Sofagate: "Nessuno può mettere in dubbio l'ospitalità della Turchia. Il nostro Paese - si legge - non prenderà parte a una insensata e maliziosa discussione all'interno dell'Ue" e giudica "vani i tentativi di danneggiare l'agenda positiva tra Turchia e Ue".

Partito Erdogan: “L'Italia pensi a Mussolini”

Ad alzare ancora la tensione sono arrivate le parole del vice-leader dell'Akp del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, Numan Kurtulmus, che ha detto: "Da noi non ci sono dittatori. Se volete vedere un dittatore, guardate alla vostra storia. Guardate Mussolini”. Il capo della comunicazione della Presidenza di Ankara, Fahrettin Altun, in un messaggio in italiano, ha rincarato la dose: "Il primo ministro nominato d'Italia ha superato i limiti definendo come "dittatore" Recep Tayyip Erdogan, che è stato eletto Presidente dal popolo turco con il 52%. Condanniamo fermamente questo stile, che non ha posto nella diplomazia. Chi cerca il dittatore guardi alla storia d'Italia".

Cosa è successo ad Ankara

leggi anche

Sofagate, l’Ue: "Non si ripeta più". Turchia: "Rispettato protocollo"

Già durante tutta la giornata di ieri, dopo le polemiche per quanto accaduto ad Ankara, la Turchia aveva rimandato al mittente le critiche sul “machismo protocollare” di Erdogan, che agli occhi dell'Europa si sarebbe compiaciuto nel lasciare in disparte von der Leyen, riservando a Charles Michel la poltrona al suo fianco. "Accuse ingiuste. Durante l'incontro è stato rispettato il protocollo". Gli staff di Turchia e Ue "si sono incontrati prima della visita e le loro richieste sono state soddisfatte", è stata la versione del ministro degli Esteri, Mevlut Cavusoglu. Ma il rimpallo di responsabilità continua. Allo staff del cerimoniale, ha insistito Bruxelles, è stato negato il sopralluogo definitivo. Come se non bastasse, è emerso oggi che al pranzo ufficiale della visita si è rischiato un altro clamoroso incidente: il tavolo era apparecchiato per 5 persone su ciascun lato, con due poltrone d'onore di fronte, una per Michel e l'altra per Erdogan, mentre a Von der Leyen era stata riservata una sedia più piccola, alla destra di Michel. Uno sgarbo evitato solo in extremis. Ad accompagnare Michel al tavolo c'erano poi due consiglieri diplomatici, mentre von der Leyen era stata lasciata sola. Un pasticcio anche qui tamponato all'ultimo, aggiungendo una sedia per un membro del suo staff. E persino la foto istituzionale escludeva inizialmente la presidente della Commissione, richiamata alla fine, secondo un documento interno del Consiglio, su "suggerimento" di Michel.

Le reazioni in Italia

Il ministro degli esteri Luigi Di Maio ieri sera ha spiegato: “Sto per sentire Draghi e concorderemo tutte le iniziative”. All'osservazione che Erdogan non era stato "gentile" a lasciare senza sedia la presidente della Commissione europea, Di Maio ha replicato: "Prima ancora del protocollo si tratta di un minimo di galanteria”. In Italia il fronte anti Erdogan è bipartisan. Il leader della Lega, Matteo Salvini dice: “La Turchia è un rischio ai nostri confini: sta ricattando l'Europa e un'Europa con un po' di spina dorsale non può subire ricatti di chi usa milioni di rifugiati per portare a casa miliardi di euro”. Da Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni spiega: “Denunciamo da anni la deriva autoritaria e islamista della Turchia di Erdogan e chiediamo alla Ue di ritirare ad Ankara lo status di Paese candidato. Bene le parole ferme e chiare del presidente Draghi. Pretendiamo rispetto”.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.