Assalto Congresso Usa, incriminati cinque militanti Proud Boys: hanno guidato la folla

Mondo

Il dipartimento di giustizia ha incriminato cinque persone legate al gruppo di estrema destra Proud Boys. Due le motivazioni: cospirazione e coordinamento della folla che ha attaccato Capitol Hill. Tutto questo si svolge in concomitanza del processo di impeachment nei confronti di Donald Trump, iniziato martedì: l'ex Presidente è accusato di aver "incitato l'insurrezione", con esplicito riferimento ai fatti di gennaio

Il dipartimento di giustizia ha incriminato cinque persone legate al gruppo di estrema destra Proud Boys per il ruolo avuto nel coordinare l'assalto al Congresso.

Alcune sono accusate di cospirazione, altre di aver guidato la folla mentre sfondava i cordoni di polizia. Secondo le carte processuali, i militanti si muovevano "vicini tra loro" una volta dentro il Capitol e ciascuno di loro indossava sugli abiti pezzi di adesivo arancione fluorescente.

Prosegue l'impeachment

approfondimento

Il governo canadese dichiara i Proud Boys gruppo terroristico

Tutto questo avviene nella settimana in cui si sta svolgendo il processo di impeachment di Donald Trump, messo in stato di accusa proprio a seguito dei fatti dello scorso sei gennaio. Nel primo giorno, l'accusa ha fatto vedere alcuni video inediti dell'assalto al Congresso: in uno di questi si vede chiaramente Mike Pence, allora vice di Trump, fuggire da un'uscita dedicata, per non incontrare i manifestanti. I manager del processo hanno ricordato più volte che "Trump ha provocato quanto accaduto" e "non ha fatto nulla per fermare i suoi sostenitori", tra cui molti Proud Boys.

Forse nel weekend il verdetto

approfondimento

Impeachment, secondo giorno. L'accusa: assalto a Congresso prevedibile

L'accusa ha a disposizione altre otto ore nella giornata di giovedì: in questo spazio verranno illustrati altri argomenti a sostegno della tesi iniziale, ovvero che Donald Trump ha provocato i sostenitori, senza mai bloccarli o accusarli.

Da venerdì, invece, sarà il turno della difesa: secondo alcune fonti vicine ai due principali avvocati di Trump, Schoen e Castor, non tutte le 16 ore a disposizione verranno utilizzate. Nell'attesa del verdetto finale, che potrebbe arrivare nel weekend o, al massimo, all'inizio della prossima settimana.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24