Terrorismo a Nizza, secondo fermo nell'inchiesta sull'attentato di Notre-Dame

Mondo

L'uomo sarebbe stato in contatto con il killer tunisino giunto a Nizza da pochi giorni dopo essere entrato in Europa dall'Italia. Un'altra persona è in stato di fermo da ieri

Novità nell'inchiesta dell'antiterrorismo francese sull'attentato di ieri nella basilica Notre-Dame de l'Assomption di Nizza. Secondo quanto riferisce radio Europe 1 citando fonti giudiziarie è stato fermato un secondo uomo legato all'attentato (LA GIORNATA DI TERRORE A NIZZA - FOTO).

Un altro fermo nel giorno dell'attacco

approfondimento

Attentato Nizza, tre ipotesi sul percorso del killer

Secondo l'emittente, l'individuo in stato di fermo sarebbe stato in contatto con il killer tunisino giunto a Nizza da pochi giorni dopo essere entrato in Europa dall'Italia. Un altro individuo sospettato di aver avuto contatti con il terrorista era stato fermato ieri sera.

I pm di Palermo indagano su contatti del killer

leggi anche

Nizza: Procura Bari indaga per associazione terroristica

Anche la Procura di Palermo sta indagando sui contatti avuti a Palermo da Brahim Aoussaoui, il tunisino responsabile della strage di Nizza arrivato nel capoluogo siciliano da Bari. La Digos ha interrogato alcuni testimoni per ricostruite le frequentazioni di Aoussaoui rimasto in Sicilia due settimane. Ad ospitarlo non sarebbero stati parenti, ma alcuni conoscenti. La polizia avrebbe già sentito alcuni testimoni e acquisito tabulati telefonici. L'inchiesta è coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi e dall'aggiunto Marzia Sabella.

Mondo: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.