Coronavirus, Gb: quarantena per arrivi da Francia e Olanda. Parigi: “Misure reciproche”

Mondo

A partire dalle 4 di sabato, la Gran Bretagna metterà in quarantena per 14 giorni chiunque arriverà da Francia, Paesi Bassi, Malta, Monaco, Aruba e dalle isole Turks e Caicos. Parigi critica la decisione e avverte: adotteremo misure reciproche. Intanto in Messico è stato superato il mezzo milione di contagi, i morti sono oltre 55 mila

L’emergenza coronavirus prosegue in tutto il mondo (GLI AGGIORNAMENTI LIVE - LO SPECIALE). Il Regno Unito ha annunciato che dalle ore 4 del mattino di sabato 15 agosto, chiunque arriverà nel Paese da Francia, Paesi Bassi, Malta, Monaco, Aruba e dalle isole Turks e Caicos dovrà seguire una quarantena di 14 giorni o sarà soggetto ad una multa. Il Governo britannico aveva annunciato che non si sarebbe fatto "alcuno scrupolo" se imporre o meno la quarantena ai britannici che rientrano dalla vacanze Francia e, così è stato a fronte dell'aumento di casi di Covid-19 nel Paese. La misura è stata annunciata su Twitter dal ministro dei Trasporti britannico Grant Shapps. "Se arrivi nel Regno Unito dopo le 04:00 (03:00 GMT) di sabato da questi luoghi, dovrai metterti in isolamento per 14 giorni da solo", ha aggiunto. La misura potrebbe causare un massiccio ritorno di circa 500.000 turisti britannici attualmente in vacanza in Francia. 

Francia contro decisione Gb: ora reciprocità 

approfondimento

Coronavirus, dal primo caso ai contagi: le tappe. FOTO

La Francia critica la decisione del Regno Unito e annuncia che attuerà "misure reciproche". L'annuncio arriva dal segretario di Stato incaricato degli Affari europei. "Una decisione britannica di cui ci rammarichiamo e che imporrà una misura di reciprocità, sperando in un ritorno alla normalità il più rapidamente possibile", ha scritto Clément Beaune su Twitter.

Messico: superato il mezzo milione di contagi

vedi anche

Coronavirus, dall'India al Bangladesh: Paesi con più contagi in 24 ore

Intanto non si ferma l’ondata di contagi, soprattutto in Centro e Sud America. Il Messico ha superato il mezzo milione di casi confermati di positività al coronavirus, dopo aver registrato 7.371 nuovi casi nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il ministero della Salute, specificando che ora nel Paese i contagiati sono 505.293 con 55.293 morti.

Altri 1.262 morti in Brasile, in totale 104.463 

approfondimento

Coronavirus, la diffusione globale in una mappa animata

Il Brasile ha registrato giovedì ulteriori 1.262 decessi e 60.091 nuovi contagi nelle ultime 24 ore: lo ha comunicato il ministero della Sanità brasiliano. Il numero complessivo dei casi confermati di Covid-19 nel Paese è salito a 3.224.876, mentre il totale delle vittime dall'inizio della pandemia ha raggiunto quota 104.463. Il tasso di letalità è pari al 3,3%, mentre quello di mortalità è di 50,2 ogni 100 mila abitanti.

In Spagna chiuse le discoteche e divieto di fumare all'aperto
 

Discoteche chiuse e restrizioni nei bar. Il governo spagnolo ha introdotto queste nuove misure restrittive per far fronte alla seconda ondata dell'epidemia di coronavirus. Lo ha annunciato il ministro della sanità Salvador Illa. Nel Paese, ieri erano stati registrati quasi tremila nuovi casi in 24 ore, tanto che il ministro aveva convocato una riunione d'urgenza con le autonomie. Il governo ha disposto anche il divieto di fumo per strada se non può essere rispettata la distanza di 2 metri. La misura era già stata introdotta in Galizia e nelle Baleari. Il ministro della salute Salvador Illa ha raccomandato: limitare gli incontri ai gruppi più vicini, non superare un massimo di 10 persone e fare test frequenti in centri sociali e sanitari.

Mondo: I più letti