Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Impeachment Trump più vicino, c'è anche il sì della commissione Giustizia della Camera

2' di lettura

Passano i due articoli che contemplano l'abuso di potere e l'ostruzione al Congresso per il caso Ucraina. Ora manca solo il voto dell’aula. Il tycoon sarebbe il terzo presidente della storia in stato di accusa. Trump: "Una vergogna e una disgrazia per il Paese"

Passo decisivo verso l'impeachment nei confronti di Donald Trump per il caso Ucraina legato alle indagini su Joe Biden, suo possibile concorrente nella corsa alla presidenziali 2020. La commissione giustizia della Camera dei Rappresentanti ha votato sì alla messa in stato d'accusa del tycoon. Manca ancora il voto dell'aula. Trump potrebbe essere il terzo presidente della storia sotto impeachment. "Una vergogna e una disgrazia per il Paese", è stato il commento del presidente americano dopo il voto della commissione giustizia della Camera.

Trump: "Impeachment imbarazzante per il Paese"

"E' un imbarazzo per il Paese", ha aggiunto Trump che ostenta comunque sicurezza. "Non mi importa se il processo sarà lungo o corto", ha detto, lasciando capire di essere sicuro di spuntarla. Il tycoon è poi tornato ad attaccare Hillary Clinton, il deputato dem Adam Schiff che ha coordinato le indagini alla Camera, e l'Fbi definita corrotta. Anche la portavoce della Casa Bianca, Stephanie Grisham, ha definito "una farsa disperata" dei democratici quanto sta accandendo. Il presidente, ha fatto sapere inoltre Grisham, auspica un trattamento equo al Senato, dove dovrebbe svolgersi il processo il prossimo anno.

Via libera ai due articoli

La commissione ha votato prima l'articolo che contempla l'accusa di abuso di potere da parte di Trump, poi quello sull'accusa di ostruzione al Congresso. I due articoli sono passati col voto della maggioranza dei democratici e il no dei repubblicani. Il presidente americano sarà giudicato dal Senato se la prossima settimana l'aula della Camera a maggioranza democratica, come appare scontato, voterà per la messa in stato di accusa.

Il caso Ucraina e la procedura di impeachment

L'impeachment ruota sulla vicenda che vede il presidente americano accusato di aver spinto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ad indagare sulla famiglia di Joe Biden, possibile sfidante Dem dello stesso Trump alla corsa verso la Casa Bianca nel 2020. In cambio, il presidente statunitense avrebbe promesso aiuti militari all'Ucraina. Il presidente americano, in una telefonata avrebbe chiesto a Zelensky per "otto volte" di riaprire un'indagine su Biden e su suo figlio, Hunter, nel cda di una società energetica ucraina quando il padre era vicepresidente americano sotto l'amministrazione Obama.

Data ultima modifica 13 dicembre 2019 ore 18:30

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"