Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Boeing 737 Max, scoperto un nuovo difetto nel software di bordo

2' di lettura

Le autorità americane avrebbero rinvenuto un altro problema che rischia di ritardare ulteriormente il ritorno all'operatività del velivolo

Un nuovo difetto sarebbe stato rinvenuto nel Boeing 737 Max. A riscontrarlo, secondo quanto riporta la Cnn, sono state le autorità americane. Questo ulteriore problema potrebbe ritardare il ritorno all'operatività del velivolo, lasciato a terra dopo i due incidenti della Lion Air e dell'Ethiopian Airlines.

A lavoro sul nuovo difetto

Boeing ha assicurato di essersi messa già a lavoro sul nuovo difetto riscontrato nel software dei 737 Max, come richiesto peraltro dall'agenzia federale Usa Faa (Federal Aviation Administration). A renderlo noto è stato proprio il colosso americano dell'aviazione. Da metà marzo, in seguito a due devastanti incidenti nei quali hanno perso la vita 346 persone, i 737 Max sono a terra e questo ulteriore problema potrebbe ritardare ancora il ritorno all'operatività. Boeing ha fatto sapere, inoltre, che non presenterà l'istanza di certificazione per i 737 Max fino a quando non saranno sicuri. Nel frattempo, il nuovo difetto ha avuto ripercussioni in borsa: i titoli della società hanno fatto registrare un calo dello 0,7% nelle contrattazioni after-hours.

Il problema di stabilizzazione

Il difetto ai Boeing 737 Max sarebbe emerso durante i test di simulazione e riguarderebbe la possibilità di riprendere il controllo dell'aereo nel caso il sistema di guida automatico lo spinga verso il basso. Già i rapporti sugli incidenti di Lion Air e Ethiopian Airlines hanno mostrato che il nuovo sistema di stabilizzazione ha spinto entrambi gli aerei in picchiate ripide dalle quali i piloti non potevano riprendersi. Nei test sui simulatori condotti dai piloti del governo americano, è emerso un guasto al microprocessore del software di bordo capace di spingere il muso dell'aereo verso il suolo. Non è ancora chiaro se questo difetto abbia avuto un ruolo anche in entrambi gli incidenti. Quello che, invece, è stato evidenziato dai test, secondo le fonti citate da Cnn, è che "è stato difficile per i piloti collaudatori recuperare in pochi secondi. E se non riesci a recuperare in pochi secondi, è un rischio irragionevole".

Leggi tutto
Prossimo articolo
Segui Sky TG24 sui social:

SCELTI PER TE

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Schermata Home"

    Aggiungi Sky TG24 al tuo Homescreen

    Clicca l'icona e seleziona

    "Aggiungi a Home"