Milano, molotov contro due auto della Polizia locale in viale Tibaldi: indagini in corso

Lombardia
©IPA/Fotogramma

Al vaglio eventuali collegamenti con le recenti azioni di matrice anarchica, legate alla vicenda di Alfredo Cospito, in sciopero della fame da oltre 100 giorni per protesta contro il 41bis. Aperto un fascicolo per incendio e danneggiamento. Altri tre-quattro ordigni simili sarebbero stati trovati dagli investigatori della Digos in un parco vicino

ascolta articolo

Sono state incendiate con due molotov le due auto della polizia locale andate a fuoco in viale Tibaldi a Milano. Sulla vicenda indaga la Digos e il pool antiterrorismo della Procura per verificare anche se vi siano collegamenti con le recenti azioni di matrice anarchica, legate alla vicenda di Alfredo Cospito, in sciopero della fame da oltre 100 giorni per protesta contro il 41bis. Per ora non risultano rivendicazioni.

Indagini in corso

approfondimento

Cospito, trasferimento a Opera. Governo: "Linea ferma"

Dei presunti attentati incendiari della scorsa notte a Milano è stato informato il pm di turno Rosario Ferracane ed è stato aperto un fascicolo per incendio e danneggiamento. Due molotov sarebbero state usate per incendiare le due vetture in viale Tibaldi e altri tre-quattro ordigni simili sarebbero stati trovati dagli investigatori della Digos in un parco vicino. In procura a Milano è aperto, intanto, anche un fascicolo per indagare sulla busta con proiettile e con la A di anarchia recapitata a fine dicembre al procuratore generale di Torino Francesco Saluzzo (Milano è competente su reati commessi contro magistrati di Torino). Saluzzo sostiene l'accusa nel processo davanti alla Corte d'Assise d'Appello di Torino all'anarchico Cospito e di cui ha chiesto la condanna all'ergastolo e dodici mesi di isolamento. In più una seconda inchiesta è aperta a Milano, sempre sull'area anarchica, e riguarda le urla e gli insulti contro i magistrati, nell'udienza del 19 dicembre del processo a Cospito, con frasi come "fascisti", "siete degli assassini", "vergognatevi", "avete le mani sporche di sangue", pronunciate da alcuni anarchici in aula.

Milano: I più letti