Elezioni comunali a Milano, Sala: "Un evento quasi storico"

Lombardia

"Il centrosinistra non è mai arrivato a vincere al primo turno dal 1993, cioè da quando c'è l'elezione diretta del sindaco. È un fatto estremamente importante", ha detto il primo cittadino del capoluogo lombardo, vincitore delle elezioni comunali del 3 e 4 ottobre. In città si è registrata l'affluenza più bassa di sempre

"Credo che quello che sta maturando a Milano è qualcosa di importante, un evento quasi storico", ha detto il sindaco Giuseppe Sala, riconfermato primo cittadino del capoluogo lombardo (TUTTI I RISULTATI – LA DIRETTA - LE CURIOSITÀ - GLI INSTANT POLL). "Il centrosinistra non è mai arrivato a vincere al primo turno dal 1993, cioè da quando c'è l'elezione diretta del sindaco: questo è un fatto estremamente importante. La partita di Milano ci insegna che la coalizione di centrodestra è forte fino a che non la vedi da vicino, ed ora sembra già iniziata la corsa a scaricare i candidati. È un giochino che non funziona a Milano", ha aggiunto Sala.

Sala: "Sarò il sindaco di tutti"

"Sono felicissimo, un mese fa non me lo sarei aspettato ma negli ultimi giorni andando in giro avevo capito che c'era la possibilità di fare questo grande risultato", ha proseguito il sindaco. "La mia promessa ai milanesi è essere sindaco di tutti, garantire che troverò le formule per far partecipare tutti. Questo è il vero segreto di una città per uscire bene da questo momento difficile", ha aggiunto.

Affluenza più bassa di sempre

approfondimento

Elezioni comunali, a Milano affluenza più bassa di sempre: 47,69%

A Milano meno di un elettore su due è andato alle urne, un dato mai verificatosi in città: ha votato infatti il 47,69% degli aventi diritto, contro il 54,6% del 2016, quando si votò in un solo giorno. Nel 2011, inoltre, l'affluenza era stata molto più alta: 67,5%

Milano: I più letti