Covid Milano, l'Ats: “Stabile il numero di casi nelle scuole”. In città 393 contagi

Lombardia
©LaPresse

Il trend complessivo delle persone contagiate dal coronavirus nelle scuole delle province di Milano e Lodi si è stabilizzato, questo quanto riporta una nota di Ats. Il sindaco Sala: "Da domani gialli, ma prevalga la prudenza"

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi a Milano

 

Il trend complessivo delle persone contagiate dal coronavirus nelle scuole delle province di Milano e Lodi si è stabilizzato. E' quanto si legge in una nota di Ats Città Metropolitana di Milano, precisando che dal 30 novembre al 6 dicembre, il numero di positivi è stato di 528 (389 alunni e 139 operatori scolastici), contro i 540 (346 alunni e 194 operatori) della settimana precedente, dal 23 al 29 novembre. Per quanto riguarda le persone isolate, invece, è stato registrato un lieve aumento: sono 5.097 (4.903 alunni e 194 operatori) nella settimana 30 novembre-6 dicembre, mentre nel periodo precedente erano 4.503 (4.282 alunni e 221 operatori). 

Oggi nella città metropolitana di Milano si registrano 854 nuovi casi, di cui 393 nel capoluogo. (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - LA SITUAZIONE IN LOMBARDIA - MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI)

18:25 - Sala: “Ci aspettiamo un'inversione a metà anno”

"Sarà un anno difficile poi noi sindaci ci aspettiamo che a metà anno ci possa essere un crocevia tra segno meno e più e cioè un effetto vaccinazioni che porterà a poter ritrovare una via più solida": è quanto ha detto il sindaco di Milano Giuseppe Sala, dialogando a 'L'anno che verrà', il festival online di Repubblica, con il sindaco di Parigi Anne Hidalgo. "Parigi è diversa da Milano perché è una città stato, cosa che Milano non è - ha proseguito Sala - ma ora queste città devono ritrovare la giusta rotta perché è chiaro che in questo momento le città sono colpite più di altre realtà territoriali e la ripresa dovrà partire dalle città. Dobbiamo aspettarci da queste grandi città dei segni di ripartenza". Sala ha ribadito di far fatica a considerare la pandemia un'opportunità, "non mi viene questa parola pensando alle 3500 vittime a Milano, ma è un obbligo di cambiamento e può essere un acceleratore", ha spiegato, ribadendo che si "deve essere molto chiari sulle responsabilità dei sindaci e dei governi: non possiamo immaginare che sia il sindaco a ristorare le perdite ristoranti che sono stati chiusi parecchi mesi, semplicemente non abbiamo i fondi. E' chiaro quindi che un buon utilizzo del Next Generation Eu è buona occasione per creare lavoro e deve essere fatta dai governi in collaborazione con l’Europa".

18:00 - A Milano città 393 nuovi casi

A fronte di  29.153 tamponi processati, sono 2.736 i nuovi casi di coronavirus accertati in Lombardia, con una percentuale tra test e positivi pari al 9,3%, in leggera crescita rispetto a ieri (8.9%). Nella Città metropolitana di Milano si registrano 854 nuovi casi, di cui 393 nel capoluogo.

17:22 - Sala: “Da domani gialli ma prevalga prudenza”

Da domani la Lombardia e Milano saranno in zona gialla ma "io in questo momento rimarrei prudente in generale, abbiamo fatto uno sforzo e non credo che vada vanificato: credo che debba prevalere l' idea della massima prudenza possibile". Lo ha detto il sindaco di Milano, Giuseppe Sala a margine della commemorazione per le vittime della strage di piazza Fontana. "Giusto che il commercio, i ristoranti, i bar lavorino, però stiamo tutti molto attenti perché abbiamo capito non solo i rischi della cosa ma anche che, in funzione dei tempi di distribuzione del vaccino, fino all'estate si dovrà fare fatica. Non vanifichiamo il lavoro fatto", ha aggiunto. "Personalmente non ho mai chiesto in queste settimane di allentare le misure e non lo chiederò", ha concluso.

14:29 - Ats Milano: “Stabile il numero di casi nelle scuole”

Il trend complessivo delle persone contagiate dal coronavirus nelle scuole delle province di Milano e Lodi si è stabilizzato. E' quanto si legge in una nota di Ats Città Metropolitana di Milano, precisando che dal 30 novembre al 6 dicembre, il numero di positivi è stato di 528 (389 alunni e 139 operatori scolastici), contro i 540 (346 alunni e 194 operatori) della settimana precedente, dal 23 al 29 novembre. Per quanto riguarda le persone isolate, invece, è stato registrato un lieve aumento: sono 5.097 (4.903 alunni e 194 operatori) nella settimana 30 novembre-6 dicembre, mentre nel periodo precedente erano 4.503 (4.282 alunni e 221 operatori). "La stabilizzazione del numero dei casi che hanno coinvolto le scuole —spiega il dottor Marino Faccini, direttore dell'area Malattie Infettive di Ats Città Metropolitana di Milano — fa seguito a tre settimane consecutive di diminuzione che hanno portato a una riduzione dei casi di circa l'80% rispetto ad un mese fa. Tale risultato è stato ottenuto grazie alle misure di contenimento e in particolare all'introduzione della Dad per le scuole superiori e successivamente per le seconde e terze medie. Nella settimana in esame si evidenzia un lieve aumento dei casi nelle scuole medie che andrà monitorato con attenzione".

8:00 - A Milano 299 casi

Sono 2.938 i nuovi casi di positività al Coronavirus registrati in Lombardia su 32.871 tamponi effettuati, con un rapporto tra positive e test dell'8,9%. Sono 733 le persone ricoverate in terapia intensiva, quindici in meno di ieri, e 5.417 quelli negli altri reparti, meno 196. I decessi sono stati 132, per un totale complessivo di 25.581. Per quanto riguarda le province, a Milano si sono verificati 844 casi, di cui 299 in città. A Varese sono stati 464, a Como 315, a Monza 239, a Mantova 232, a Pavia 171, a Brescia 163, a Bergamo 130, a Lodi 104, a Sondrio 77, a Lecco 64 e a Cremona 60. 

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24