Covid, Gallera: Lombardia pronta a lenta riapertura. In calo ricoveri

Lombardia

"C'è una riduzione quotidiana costante dei posti letto impegnati per Covid, sia in pneumologia sia in terapia intensiva", ha sottolineato l'assessore al Welfare

 

Il nuovo LIVE con tutti gli aggiornamenti di oggi in Lombardia

 

Per l'assessore al Welfare Giulio Gallera "lo sforzo dei lombardi ha dato risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti" dunque "è giusto che si possa iniziare con una riapertura lenta, graduale che però deve essere accompagnata da grande senso di responsabilità".

Con 42.063 tamponi effettuati sono 5.173 i nuovi casi positivi al Coronavirus in Lombardia, con una percentuale ancora in calo del 12,2%.

Nel frattempo, il Brescia Calcio ha rinunciato alla trasferta di Coppa Italia a Empoli a causa dei numerosi casi di positività riscontrati negli ultimi giri di tamponi.(TUTTI GLI AGGIORNAMENTI - MAPPE DEL CONTAGIO).

18:13 - In Lombardia calano contagi e ricoveri, -246

Con 42.063 tamponi effettuati sono: 5.173 i nuovi casi positivi al Coronavirus in Lombardia, con una percentuale ancora in calo del 12,2%. Sono 942 i pazienti in terapia intensiva, dieci più di ieri mentre calano decisamente i ricoverati negli altri reparti che sono 8.114 cioè 246 meno di ieri. Con 155 morti il numero complessivo dei decessi arriva a 21.005. 

17:50 - Gallera: "Dati in miglioramento, Rt Milano sotto l'1"

"I dati della Regione Lombardia sono in netto miglioramento. Oggi l'Rt nelle zone di Milano addirittura è sotto l'1 e così si sta avviando in tutta la Regione, quindi direi assolutamente di sì". Lo ha detto l'assessore regionale al Welfare della Regione Giulio Gallera a Mattino 5, rispondendo alla domanda se da venerdì la Lombardia potrà uscire dalla zona rossa. "Aspettiamo le valutazioni dell'Istituto Superiore di Sanità e il confronto con il Governo ma addirittura come ha detto il presidente Fontana noi siamo quasi da zona gialla", ha osservato Gallera. "L'obiettivo nostro ed evidentemente anche del Governo - ha aggiunto l'assessore - è fare in modo che nel periodo delle feste natalizie, diciamo da Sant'Ambrogio in poi, ci sia la possibilità anche per i negozi di riaprire e quindi far ripartire un po' l'economia e anche i ristoranti. E' chiaro che tutto questo va gestito con grande prudenza dai singoli cittadini, dai proprietari dei negozi e dai gestori di ristoranti. Se ci affolliamo nei negozi, se andiamo a fare le 'vasche' in centro gomito a gomito e corriamo a fare i cenoni è chiaro che ci ributtiamo in una situazione di pericolo. Se invece gestiamo tutto con giudizio io penso che potremo salvaguardare anche l'economia e il periodo natalizio".

16:42 - Bergamo, commercianti a Fontana: "Promuova zona gialla"

Ascom Confcommercio Bergamo e Confesercenti Bergamo hanno scritto questa mattina al Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, chiedendo di farsi promotore con il ministro della Salute Roberto Speranza per l'assegnazione al territorio di Bergamo dell''Area gialla'. I due presidenti, Giovanni Zambonelli per Ascom e Antonio Terzi per Confesercenti, scrivono: "Sono passate tre settimane dalla nostra precedente missiva nella quale le scriventi Associazioni Le chiedevano di farsi promotore con il Ministro della Salute Roberto Speranza per l'assegnazione al territorio di Bergamo dell'area gialla, che consentirebbe l'apertura delle attività del commercio e della ristorazione nel rispetto della legge. Queste tre settimane sono state terribili per le ripercussioni economiche sulle imprese del terziario bergamasco, già provate da mesi di difficoltà. I dati sulla situazione epidemiologica della nostra provincia sono stati oggetto della Ricerca, presentata dalla Provincia di Bergamo, e realizzata dall'Università degli Studi di Bergamo che evidenzia la sussistenza delle condizioni che giustificano la nostra richiesta".

16:39 - Test rapidi per scuole bergamasche in Fiera Treviglio

Alla Fiera di Treviglio partiranno domani i test antigenici rapidi per la ricerca del Covid-19, già oggi effettuati in fase di test ai sindaci. I tamponi saranno esclusivamente rivolti alla popolazione scolastica (studenti, insegnanti e operatori scolastici) per tracciare con più rapidità i positivi, al fine di limitare al minimo le quarantene. I test rapidi, effettuati tramite metodo tradizionale nasale, verranno svolti tutti i giorni agli studenti e agli insegnanti che si presenteranno con la certificazione timbrata dal proprio istituto, e che abbiano la temperatura superiore a 37,5 gradi o un sintomo evidente. L'esito, in media, verrà comunicato dopo circa 30 minuti. In caso di positività, il soggetto verrà sottoposto immediatamente al test molecolare per la conferma, il cui esito sarà depositato sul fascicolo sanitario entro 24/36 ore.

16:11 - Gallera: "Tamponi rapidi a tappeto in Rsa e Rsd"

"Nelle Rsa non rientra nessuno dei positivi che esce dall'ospedale. I pazienti positivi escono dalla Rsa e vanno in ospedale o nel setting più interessato". Lo ha spiegato l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera, illustrando la nuova delibera approvata dalla Giunta con gli atti di indirizzo per la gestione dei pazienti postivi della rete territoriale delle Rsa e Rsd. I contatti stretti, i positivi asintomatici o paucisintomatici, è stato spiegato in conferenza stampa, "possono rimanere all'interno solo delle strutture che possono mantenerli in sicurezza e possono garantire l'isolamento". "Prevediamo inoltre test a tappeto dentro le Rsa. Ogni 15 giorni sottoporremo a test ospiti e operatori con l'obiettivo di testare anche i parenti", ha aggiunto Gallera, riferendosi ai tamponi rapidi antigenici.

15:17 - Gallera, Lombardia pronta a riapertura lenta e graduale

Per l'assessore al Welfare Giulio Gallera "lo sforzo dei lombardi ha dato risultati che oggi sono sotto gli occhi di tutti" dunque "è giusto che si possa iniziare con una riapertura lenta, graduale che però deve essere accompagnata da grande senso di responsabilità, perché non dobbiamo ricadere a breve in una situazione di criticità". Lo ha detto a margine di una conferenza stampa in Regione, in merito al passaggio della Lombardia dalla zona rossa ad arancione. Su questo punto "ci stiamo confrontando con il Governo, non so se partiremo il lunedì o già il sabato" ha detto Gallera. Quanto agli indicatori della Lombardia, l'assessore ha poi ribadito quanto spiegato ieri sera durante una diretta Facebook: "C'è una riduzione quotidiana costante dei posti letto impegnati per Covid, sia in pneumologia sia in terapia intensiva. La situazione sta migliorando, mentre l'elemento che stiamo notando è un incrementi dei no Covid nei pronto soccorso. L'Rt di Milano dato dall'Ats è 0,86, quindi ampiamente sotto l'1, ma dobbiamo procedere con gradualità". 

14:03 - 38 detenuti positivi in carcere a Monza

Trentotto detenuti sono risultati positivi nel carcere di Monza, così come una decina di agenti della Polizia Penitenziaria. Lo ha reso noto Domenico Benemia, segretario regionale Uilpa. "La situazione è la medesima in tutti i penitenziari lombardi, dove non esiste una linea guida ministeriale per affrontare l'emergenza", ha detto all'ANSA. "I tamponi presso il personale sono in corso, ma non vengono effettuati con cadenze precise", ha proseguito Benemia, per il quale "vanno limitati gli ingressi di persone dall'esterno, anche le visite con consegne di abbigliamento". 

13:05 - Calcio, Brescia rinuncia a Coppa Italia: troppi casi di positività

Empoli-Brescia di Coppa Italia non si giocherà. Il Brescia rinuncia alla trasferta a causa dei numerosi casi di positività riscontrati negli ultimi giri di tamponi. Il club ritiene troppo rischioso il viaggio in queste condizioni temendo lo sviluppo di un focolaio "all'interno del Gruppo Squadra che potrebbe compromettere la continuazione del Campionato di Serie B". Per il Brescia probabilmente arriverà lo 0-3 a tavolino. La partita si sarebbe dovuta giocare oggi alle 14:30

9:15 - Padenghe sul Garda, dopo multa taglia gomme ad auto della polizia locale

Un 25enne ha tagliato le gomme alle auto della Polizia Locale dopo essere stato multato per la violazione di alcune norme anti Covid. È accaduto a Padenghe sul Garda, nel Bresciano, e il giovane ha agito di notte, diverse ore dopo essere stato multato. Le telecamere di sicurezza hanno però registrato tutto e il 25enne è stato identificato e denunciato.

7:03 – Fontana: “Con Governo voglio collaborare, non fare polemiche”

"Io con il Governo non voglio fare nessun tipo di polemica, anche perché con il Governo voglio, e lo dico tre volte, collaborare", ha detto il presidente della Lombardia, Attilio Fontana a Zapping, in merito al rapporto tra Stato e Regioni durante l'emergenza sanitaria. "In momenti drammatici - ha detto Fontana - può succedere che ci si confronti o magari ci si scontri, però sempre rispettandosi reciprocamente e cercando di trovare soluzioni". "Contesto chi fa polemiche prima che si sia conclusa questa drammatica situazione. Verrà il tempo delle polemiche se sarà necessario farle. Non dimentichiamo che quello che sta succedendo è qualcosa che nella storia dell'umanità verrà ricordata drammaticamente, non è un fatto di ordinaria amministrazione. Sono quello cose che si vedono nei film e che io nella vita non pensavo di dover vivere", ha concluso.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24