Covid Milano, lanciarazzi al Niguarda: arma vecchia e inoffensiva

Lombardia
©Ansa

È quanto risulta dalle prime analisi effettuate oggi dai tecnici della Digos. L’antiterrorismo ha aperto un’inchiesta per detenzione e porto d’armi da guerra a carico d’ignoti

Il lanciarazzi ritrovato ieri in una stanza spogliatoio contigua al locale dove si effettuano le tac, in una delle radiologie dell'ospedale Niguarda di Milano, è un'arma vera ma inefficiente e, quindi, inoffensiva e per altro molto vecchia. È quanto risulta dalle prime analisi sullo stesso lanciarazzi effettuate oggi dai tecnici della Digos. Sul ritrovamento il responsabile dell'antiterrorismo di Milano ha aperto un'inchiesta per detenzione e porto di armi da guerra a carico di ignoti.

Il lanciarazzi, di tipo militare, non funzionante che è stato trovato in una sala d'attesa dell'ospedale Niguarda di Milano, 10 novembre 2020. Sull'episodio indagano la Digos e il pool antiterrorismo della Procura. Si tratterebbe di un presunto gesto dimostrativo che desta allarme dato il clima di tensione di questi giorni attorno alla sanità per l'emergenza Covid-19.   ANSA / Francesca Brunati - Igor Greganti
Il lanciarazzi trovato all'ospedale Niguarda di Milano - ©Ansa

Le indagini

Secondo inquirenti e investigatori l'aver piazzato quello "strumento vetusto", attaccandolo con del nastro isolante sotto i sedili di una sala dove i pazienti si cambiano per poi sottoporsi all'esame diagnostico - e per alto sprovvista di telecamere di sorveglianza -, sarebbe soltanto "un gesto dimostrativo" da collegare alle tensioni dovute all'emergenza sanitaria dovuta al Covid (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - MAPPE E GRAFICI L'EMERGENZA IN LOMBARDIA E A MILANO).

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24