Covid Milano, focolaio alla Scala: coro e fiati in quarantena

Lombardia

Nove cantanti e due professori d’orchestra dei fiati sono risultati positivi. Ats Milano ha stabilito un periodo d’isolamento fino al 2 novembre, quando ci sarà un nuovo tampone. Sembra essere in forse la fine della stagione e anche la prima del 7 dicembre: si cerca un piano B

Nove cantanti positive nel coro della Scala: il risultato del tampone periodico che viene fatto in teatro è arrivato come una doccia fredda ieri. La conseguenza è che Ats Milano, considerando questo un focolaio, ha messo in quarantena l'intero coro, fino al 2 novembre, quando ci sarà un nuovo tampone. Positivi anche due professori d'orchestra dei fiati (l'unico gruppo che non può indossare, per ragioni tecniche la mascherina) motivo per cui anche l'intero settore dei fiati che ha suonato negli ultimi tempi è in quarantena (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI MAPPE E GRAFICI DEI CONTAGI - LA SITUAZIONE A MILANO E IN LOMBARDIA). E adesso - con lo spettro di chiusure e coprifuoco più stringenti - sembra essere in forse la fine della stagione e anche la prima del 7 dicembre per cui si cerca anche un piano B.

La situazione

Ai risultati del tampone immediatamente ieri è stata cancellata la prova in programma e il sovrintendente Dominique Meyer ha chiamato i sindacati per spiegare cosa era successo. Tutti negativi invece i tamponi del corpo di ballo (che ha in programma il debutto di Giselle il prossimo 29 ottobre, mentre si attendono i risultati del tampone sulla parte maschile del coro ed è in programma un nuovo tampone all'orchestra lunedì. "E' una situazione grigia, complicata" ha ammesso Paolo Puglisi della Cgil. "C'è ottimismo e volontà di andare avanti ma la prima cosa a cui pensare è la salute di lavoratori e spettatori". Prima di prendere qualsiasi decisione il sovrintendente ha spiegato di voler sentire il sindaco Giuseppe Sala (che è presidente del teatro) e il cda. E ha riconvocato i sindacati per lunedì mattina. A prescindere dai tamponi, se il governo deciderà chiusure o coprifuoco alle 18 o alle 20 sarà impraticabile per la Scala portare avanti la stagione solo con dei matinée. E si sta pensando a un piano di emergenza per il 7 dicembre. Il titolo scelto, Lucia di Lammermoor per cui le prove sarebbero dovute iniziare martedì, è comunque un'opera che richiede pochi cantanti, poco coro e in definitiva anche poche prove dato che è conosciuta. Si potrebbe pensare nel peggiore dei casi a una diretta televisiva. "Spero che riusciremo ad alzare il sipario per la prima che vorremmo fare tutti - ha concluso Puglisi -. E' peggio della guerra, l'unico momento in cui non c'è stata".

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24