Milano, tangenti metro: prime richieste di scarcerazione al gip

Lombardia

Tre indagati si sono difesi davanti al giudice Lorenza Pasquinelli. Ieri, Paolo Bellini, accusato di essere il perno del “sistema”, ha reso le prime ammissioni relative alle mazzette

Arrivano le prime richiesta di scarcerazione nell'inchiesta della Procura di Milano su presunte mazzette e appalti truccati per i lavori di manutenzione ed innovazione delle linee della metropolitana milanese che nei giorni scorsi ha portato a 13 arresti, tra cui Paolo Bellini, il funzionario, ora sospeso, dell'Atm accusato di essere il perno del "sistema". Al termine degli interrogatori di garanzia, due degli indagati, Gerardo Ferraioli, senior project manager, ora sospeso, di Engineering Informatica spa, e Federico Carpita, ex sales manager di Alstom Ferroviaria, hanno chiesto al gip Lorenza Pasquinelli una misura meno afflittiva di quella del carcere. Davanti al giudice, oltre a Carpita, si sono invece difesi Spiridione Buchagiar, il professionista ritenuto 'uomo' di Bellini, e Giovanni Rizzi, anche lui all'epoca dei fatti contestati manager di Engineering Informatica. Hanno infine scelto di non rispondere Ferraioli, che però ha presentato istanza dei domiciliari, e Sergio Vitale, amministratore unico della Ivm, società di cui Bellini era socio occulto.

Le parole del legale

approfondimento

Milano, tangenti su appalti metro: trovati 67mila euro a dirigente

"Abbiamo presentato istanza di una misura meno afflittiva - ha affermato Vincenzo Vicedomini, legale di Ferraioli - allegando il documento con cui la società Engineering ha sospeso in via cautelare il mio cliente, dimostrando così che sono interrotti i rapporti". Elemento questo che a detta del legale fa cadere il pericolo di reiterazione del reato e che si somma con la "messa a disposizione da parte del mio assistito" nell'immediatezza dell'arresto "di pc, cellulari e pen-drive come fonti di prova non ancora acquisite nelle indagini". 

I prossimi interrogatori

approfondimento

Milano, tangenti metro: prime ammissioni al gip del dirigente Atm

La prossima settimana verranno interrogati dal gip i due indagati finiti ai domiciliari, il pm Giovanni Polizzi che coordina le indagini delegate al Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di finanza di Milano, andrà avanti con l'attività istruttoria che riguarderà in particolare approfondimenti relativi ai funzionari di Atm coinvolti nell'inchiesta. Non è escluso che possa convocare Bellini, che ieri ha reso le prime ammissioni relative alle tangenti sugli 8 appalti truccati dell'azienda dei trasporti del Comune. Atm è parte offesa. 

Milano: I più letti