L’addio al giornalista Scaramucci, i funerali a Milano

Lombardia
I funerali di Scaramucci (Fotogramma)

Il fondatore di Radio Popolare è morto lo scorso mercoledì 11 settembre a 82 anni, le esequie si sono svolte al cimitero di Lambrate in forma laica. Centinaia le persone presenti 

Centinaia di persone hanno partecipato questa mattina, sabato 14 settembre, al funerale di Piero Scaramucci, morto mercoledì scorso a 82 anni. Dopo una lunga carriera in Rai ha diretto Radio Popolare che aveva fondato nel 1976. “Un uomo libero” che ha vissuto seguendo i valori della sinistra, dall'antifascismo alla difesa della Costituzione, "senza resistere e basta, ma passando sempre al contrattacco", con queste parole è stato ricordato Scaramucci. I funerali, in forma laica, si sono svolti al cimitero di Lambrate.

I funerali

Attorno alla moglie Mimosa e alla figlia Marianna si sono stretti tantissimi colleghi e amici, i rappresentanti dell'Anpi, gli studenti delle scuole di giornalismo e i militanti della sinistra che hanno condiviso le sue battaglie. A partire da Claudia e Silvia, le figlie di Giuseppe Pinelli, che hanno aperto gli interventi ricordando il libro che Scaramucci scrisse con la loro madre Licia, “Una storia quasi soltanto mia”, ''la mia intervista più difficile'' come la definì lo stesso Scaramucci. Michele Migone, ex direttore di Radio Popolare, ha spiegato come abbia dato alla radio "un’autorevolezza e una notorietà a livello nazionale che prima non aveva", oltre a ringraziarlo per tutto quello che ha insegnato a tanti, dal rigore sul linguaggio al ''non aver paura di essere veramente liberi''.

Il saluto dell’Anpi

Tante le bandiere dell'Anpi affisse nella sala del cimitero di Lambrate, con il presidente onorario Carlo Smuraglia che ha mandato il suo saluto, mentre Rosanna Lombardo, presidente della sezione Almo Colombo di cui Scaramucci era vicepresidente, ha parlato delle lotte che stava portando ancora avanti, a partire dalla nuova sede del Museo della Resistenza. Sono intervenuti anche Guido Besana, che ha ricordato il suo impegno sindacale con il Gruppo di Fiesole e la Fnsi, Paolo Limonta, che ha portato il saluto dell'amministrazione comunale di Milano, e Vittorio Agnoletto che ha sottolineato l'impegno della radio nei giorni del G8 di Genova. E poi l'ultimo saluto con il Coro di Micene che ha cantato Bella Ciao e l'Internazionale.

Milano: I più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24