Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Fabrizio De André, la fotostoria del cantautore degli ultimi

L'11 gennaio 1999 moriva uno dei più grandi autori italiani. Nel corso della sua carriera ha scritto alcune delle pagine più belle della canzone del nostro Paese. LA FOTOSTORIA
  • ©Kikapress.com
    L'11 gennaio 1999 segna la data della morte di Fabrizio De André. Il cantautore che, con le sue liriche, ha creato alcuni dei più grandi capolavori musicali italiani a partire dalla fine degli anni Sessanta ha lasciato alle sue spalle una grande eredità artistica. A vent'anni dalla morte, ripercorriamo le tappe salienti della sua carriera - Un mito intramontabile a 20 anni dalla morte. VIDEO
  • ©Fotogramma
    Fabrizio De André nasce il 18 febbraio 1940 a Genova Pegli da Giuseppe De André e Luisa Amerio. Fu quest'ultima a regalargli la sua prima chitarra nel 1954, invitandolo a prendere lezioni dal maestro colombiano Alex Giraldo - Un mito intramontabile a 20 anni dalla morte. VIDEO
  • ©Fotogramma
    Inizia a esibirsi l'anno successivo con il banjo-chitarra nel gruppo "The Crazy Cowboy and Sheriff One". Nel 1956 suo padre gli fa conoscere Georges Brassens, il cantautore francese che segnerà profondamente la sua produzione - Chi sono e cosa fanno i figli di Faber
  • ©Fotogramma
    La sua prima canzone è "La ballata dei Miche'", composta con Clelia Petracchi. Nel 1961 firma il suo primo contratto discografico. Inizia la sua attività discografica mentre lavora come direttore amministrativo negli istituti del padre. In quegli anni scrive "La guerra di Piero" e "La canzone di Marinella" - Un mito intramontabile a 20 anni dalla morte. VIDEO
  • ©Kikapress.com
    Sperimenta il cabaret con Paolo Villaggio, con il quale scrive "Il fannullone" e "Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers", brano che gli varrà una citazione in giudizio perché considerato osceno - Omaggio a Paolo Villaggio a un anno dalla sua scomparsa
  • ©Kikapress.com
    La svolta arriva nel 1968 quando Mina interpreta "La canzone di Marinella" a Canzonissima. Nel 1971 registra "Non al denaro non all'amore né al cielo" tratto dall'Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, tradotta in Italia da Fernanda Pivano. Al disco collaborano Nicola Piovani e Giuseppe Bentivoglio, con i quali nel 1973 lavorerà a "Storia di un impiegato", che venderà più di 120mila copie - Mina, 40 anni fa in Versilia l'ultimo concerto
  • ©Fotogramma
    De André ha sempre temuto l'esibizione dal vivo: fu l'impresario teatrale Sergio Bernardini a smuovere le acque e a portarlo sul palco del Bussola il 16 marzo 1975 - L’addio di Ennio Morricone: 6 concerti a Verona e Roma
  • ©Kikapress.com
    Un'altra tappa fondamentale è il sodalizio con la PFM, con cui parte in tour nel 1978 e inciderà i due live "Fabrizio De André in concerto. Arrangiamenti Pfm" e "Fabrizio De André in concerto. Arrangiamenti Pfm Vol. 2" - PFM: un tour per i 40 anni dalla collaborazione con Fabrizio De André
  • ©Fotogramma
    Incide "Crêuza de mä" decretato da "Musica&Dischi" miglior disco italiano del decennio. Gabriele Salvatores firma la regia del videoclip del brano "La domenica delle salme". Gira l'Italia in tour più e più volte. Nel 1992 inizia la sua prima tournée teatrale (nella foto, con Dori Ghezzi e la figlia Luvì) - Addio a Charles Aznavour: è morto l'ultimo istrione
  • ©Kikapress.com
    Nel 1996 esce "Anime salve", un disco scritto con Ivano Fossati, al cui centro c'è il disagio di vivere e il tema delle minoranze oppresse o emarginate. Da molti è considerato il suo testamento spirituale. Con questo lavoro Fabrizio De André convinse pubblico e critica: il disco fu consacrato da "Musica" miglior disco italiano - Addio a David Bowie, il Duca Bianco della musica che amava il cinema
  • ©Fotogramma
    È stato sposato due volte. La prima, nel 1962 con Enrica Rignon, detta Puny, con cui avrà un figlio: Cristiano De André. Il matrimonio finirà nel 1973, segnando un momento di grande crisi personale e professionale - Addio Prince, il mondo piange l’icona del pop
  • ©Fotogramma
    La seconda con Dori Ghezzi, che incontra grazie a Cristiano Malgioglio nel 1974. Con lei consolida prima un sodalizio artistico e poi si lega sentimentalmente. La loro relazione viene suggellata dal matrimonio nel 1989, dopo quindici anni di convivenza. I due hanno avuto una figlia: Luisa Vittoria, conosciuta come Luvì - https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/2018/08/31/lucio-dalla-canzoni-famose.html Le 10 canzoni più famose di Lucio Dalla
  • ©Fotogramma
    Il 27 agosto 1979 Fabrizio De André e Dori Ghezzi vengono rapiti: lei verrà liberata il 20 dicembre, lui il giorno successivo - Tutte le notizie su Fabrizio De André

SCELTI PER TE