Covid, ultime news. Bollettino: 8516 nuovi casi e 68 morti, tasso di positività 1,7%. LIVE

Processati 498.935 tamponi. Aumentano le terapie intensive (+23, 445) e i ricoveri ordinari (+16, 3.525). Dal monitoraggio dell'Iss emerge che l'incidenza settimanale dei casi di coronavirus si alza a 78 per 100mila abitanti. Crescono anche l'Rt nazionale, ora a 1.21, e il livello di occupazione dei letti in ospedale, al 4,4%. Solo la Calabria è a rischio basso, il Friuli-Venezia Giulia sta andando verso il rischio alto. Il ministro Speranza ribadisce di voler "correre correre con le terze dosi"

1 nuovo post
Sono 498.935 i tamponi molecolari e antigenici per il coronavirus effettuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Il tasso di positività è all'1,7%, in aumento. I decessi in un giorno sono stati 68. I nuovi casi sono 8.816. Sono invece 445 i pazienti in terapia intensiva in Italia, 23 in più nel saldo tra entrate e uscite. I ricoverati con sintomi nei reparti ordinari sono 3.525, ovvero 16 in più rispetto al giorno precedente (BOLLETTINO-MAPPE-GRAFICI). Dal monitoraggio dell'Iss emerge che l'incidenza settimanale dei casi di coronavirus in Italia passa da 53 a 78 per 100mila abitanti. Crescono anche l'Rt nazionale, ora a 1.21, e il livello di occupazione dei letti in ospedale, al 4,4%. Solo la Calabria è a rischio basso, le altre Regioni sono a moderato con il Friuli-Venezia Giulia che sta andando verso il rischio alto. Il ministro Speranza ribadisce di voler "correre con le terze dosi"

Le ultime notizie:

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Costanza Ruggeri


Il liveblog termina qui. Per tutti gli aggiornamenti segui la diretta di Sky TG24

- di Redazione Sky TG24

Pregliasco a Sky TG24: "Colpo di coda atteso, valori saliranno"

I dati del contagio in Italia tornano a preoccupare. Il virologo: "È qualcosa di atteso". E spiega: "I vaccinati devono aumentare". Per il Natale? "Prudenza". LEGGI QUI
- di Redazione Sky TG24

Il punto su cure e vaccini: cosa è stato approvato e cosa no dall'Aifa e dall'Ema

Alla fine del 2020 è partita la campagna vaccinale e subito dopo sono arrivati gli anticorpi monoclonali. Per combattere il Covid-19 la comunità scientifica ha cercato farmaci per prevenire il contagio ma anche per curare l’infezione. È importante seguire le terapie indicate e approvate dalle agenzie del farmaco competenti. Ecco tutto quello che c’è da sapere

- di Redazione Sky TG24

Speranza: “Bisogna correre con la terza dose di vaccino”

Ne ha parlato il ministro della Salute, durante un colloquio con il quotidiano "La Repubblica". “L'incremento dei contagi è oggettivo, dobbiamo giocare d'anticipo, come ci ha insegnato questo virus che va veloce”, ha commentato. E, per quanto riguarda l'obbligo legato alla terza dose di vaccino ai sanitari e a chi lavora nelle Rsa, ha fatto sapere che si deciderà “nei prossimi giorni. Io ne sono convinto e penso che ci arriveremo”, ha anticipato. LE SUE PAROLE

- di Redazione Sky TG24

Coronavirus in Italia, il bollettino del 12 novembre: 8.516 nuovi casi, i morti sono 68

Itamponi giornalieri effettuati sono 498.935, compresi i test rapidi. La percentuale dei positivi è all’1,7%. Le vittime sono 132.686 in totale, mentre le terapie intensive sono 445 (+23), con 47 ingressi nelle ultime 24 ore. I casi totali, compresi morti e guariti, raggiungono quota 4.843.957. DATI
- di Redazione Sky TG24

Speranza: "Bisogna correre con la terza dose"

' il momento di correre "con il richiamo per fermare la quarta ondata". Lo dice il ministro della Salute Roberto Speranza in un colloquio con 'La Repubblica'. "L'incremento dei contagi e' oggettivo - sottolinea - dobbiamo giocare d'anticipo, come ci ha insegnato questo virus che va veloce". Sull'obbligo di terza dose ai sanitari e a chi lavora nelle Rsa "decideremo nei prossimi giorni. Io ne sono convinto e penso che ci arriveremo". In Germania "ci sono 50 mila contagi in 24 ore. In Francia 12 mila casi, l'Olanda annuncia nuove misure. Abbiamo imparato che la contiguita' tra Paesi spesso anticipa un trend - ricorda - sappiamo anche che la stagione che ci attende sara' complicata. E allora, l'Italia non puo' essere estranea a questa dinamica". I dati italiani "sono un po' migliori degli altri perche' i tassi di vaccinazione sono piu' alti. Questo ci da' un piccolo vantaggio. E poi la prudenza nel rilascio delle misure. Abbiamo lasciato il freno piu' tardi e mai del tutto. In particolare su una cosa: le mascherine al chiuso" e "non c'e' alcun dubbio che resteranno. Hanno un costo sociale ed economico relativamente basso, sono decisive". Comunque Speranza non immagina nuovi lockdown generalizzati. 
- di Redazione Sky TG24

Ecdc, situazione molto preoccupante in 10 Paesi Ue

Nell'Ue la situazione epidemiologica per quanto riguarda la Covid-19 è "estremamente preoccupante" in 10 Paesi, cioè Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia e Slovenia. Lo riporta l'Ecdc nel rapporto settimanale sulle malattie infettive, riferito alla settimana dell'1-7 novembre. In altri 13 Paesi (Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Romania e Slovacchia; sono compresi anche i Paesi non Ue del See, lo Spazio Economico Europeo) la situazione è "molto preoccupante", mentre in altri tre (Cipro, Francia e Portogallo) è "moderatamente preoccupante". In quattro (Italia, Malta, Spagna e Svezia) è "poco preoccupante". Rispetto alla settimana precedente, 4 Paesi (Belgio, Finlandia, Liechtenstein e Polonia) sono peggiorati, mentre cinque sono migliorati (Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania e Svezia). Gli altri 21 Paesi sono rimasti nella stessa categoria.
- di Redazione Sky TG24

Per ricevere le notizie di Sky TG24​:

  • La newsletter sulle notizie più lette (clicca qui)
  • Le notifiche su Facebook Messenger (clicca qui
  • Le notizie audio con i titoli del tg (clicca qui)
- di Redazione Sky TG24

Alto Adige, immunizzati raggiungono il 78,3%

In Alto Adige il 78,3% della popolazione vaccinabile di età superiore ai 12 anni è immunizzata contro il Covid-19. Il dato scende a 68,7% se si prende in considerazione l'intera popolazione. I dati sono stati comunicati in serata dall'Azienda sanitaria provinciale. La provincia di Bolzano è il territorio italiano con meno persone vaccinate. La contrarierà ai vaccini, quindi non solo quello contro il coronavirus, è radicata nel tempo soprattutto nel gruppo linguistico tedesco. Il tasso di copertura vaccinale tra gli over 60 è dell'88,3%, tra gli under 60 del 76,9%. Dall'inizio della campagna vaccinale in Alto Adige sono state somministrate complessivamente 724.468 dosi.
- di Redazione Sky TG24

Olanda, disperse con idrante proteste anti-lockdown


La polizia olandese ha usato un cannone ad acqua per disperdere dei manifestanti all'Aja che stavano lanciando pietre e fuochi d'artificio per protestare contro un nuovo lockdown parziale, annunciato dal governo per contrastare la ripresa della diffusione del Covid, riferisce un giornalista dell'Afp. Circa 200 manifestanti si sono scontrati con la polizia in tenuta antisommossa e agenti a cavallo davanti al ministero della Giustizia, dove il premier Mark Rutte stava tenendo una conferenza stampa per annunciare le nuove restrizioni sanitarie. 

- di Redazione Sky TG24

Covid: prefetto, stop manifestazioni nel centro di Catania


Da oggi il centro di Catania e' 'interdetto' ai cortei. Lo ha disposto il prefetto Maria Carmela Librizzi in "conformita' alla direttiva emanata dal ministro dell'Interno sullo svolgimento di manifestazioni di protesta contro le misure sanitarie di contenimento del contagio da Covid-19, sia con riguardo all'obbligo del green pass  sia con riferimento  alla campagna vaccinale". Sono state individuate, "nel rispetto del principio di proporzionalita', atteso che il diritto costituzionalmente garantito di riunirsi e manifestare liberamente in luogo pubblico costituisce espressione fondamentale della vita democratica e come tale va preservato e tutelato", delle aree urbane sensibili, di particolare interesse per l'ordinato svolgimento della vita della comunita'.
- di Redazione Sky TG24

Protesta anti-lockdown davanti sede governo Olanda, arresti

Un gruppo di circa un centinaio di persone ha protestato davanti alla sede del governo a L'Aia alla vigilia del ritorno dell'Olanda a un lockdown parziale, primo Stato europeo a farlo in risposta alla quarta ondata epidemica. Secondo quanto riporta il Guardian, diverse persone sono state arrestate per aver acceso fuochi d'artificio e lanciato oggetti contro la polizia. Tra le misure che entreranno in vigore da domani figurano la chiusura di bar, ristoranti e negozi non essenziali dalle sette di sera, il divieto di incontrarsi nelle abitazioni private in più di quattro persone e lo svolgimento degli eventi sportivi a porte chiuse.
- di Redazione Sky TG24

Germania, grave mancanza di personale addetto a cure

"Le capacità di trattamento stanno diminuendo" e i reparti di terapia intensiva presentano gravi problemi di personale. Lo ha detto il presidente del Rki Lothar Wieler in conferenza stampa a Berlino. I letti occupati in terapia intensiva sono, secondo l'ultimo report giornaliero del Rki, 19.562 mentre quelli liberi sono appena 2.478. Particolarmente grave è il caso della Baviera: secondo un sondaggio della Bayerische Rundfunk 36 distretti sanitaribavaresi su 66  lamentano meno personale a disposizione rispetto alla primavera scorsa. Le persone che lavorano nel tracciamento dei contagi rispetto alla scorsa primavera sono un quinto in meno, mentre la situazione nel Land è decisamente peggiore rispetto a sei mesi fa. 
- di Redazione Sky TG24

Prefetto: stop manifestazioni nel centro di Catania

Da oggi il centro di Catania è 'interdetto' ai cortei. Lo ha disposto il prefetto Maria Carmela Librizzi in "conformità alla direttiva emanata dal ministro dell'Interno sullo svolgimento di manifestazioni di protesta contro le misure sanitarie di contenimento del contagio da Covid-19, sia con riguardo all'obbligo del green pass  sia con riferimento  alla campagna vaccinale". Sono state individuate, "nel rispetto del principio di proporzionalità, atteso che il diritto costituzionalmente garantito di riunirsi e manifestare liberamente in luogo pubblico costituisce espressione fondamentale della vita democratica e come tale va preservato e tutelato", delle aree urbane sensibili, di particolare interesse per l'ordinato svolgimento della vita della comunità. Il prefetto di Catania quindi ha disposto "la temporanea interdizione allo svolgimento di manifestazioni pubbliche per la durata dello stato di emergenza, in ragione dell'attuale situazione pandemica" nelle piazze Duomo, Universita', Stesicoro, Vincenzo Bellini, Dante, Carlo Alberto, Palestro, Mazzini, Giovanni Verga, Europa, Repubblica, Papa Giovanni XXIII, Martiri della libertà, Iolanda e Trento; e le Ville comunali Pacini e Bellini e l'area antistante di via Etnea. Saranno anche escluse dai percorsi dei cortei di protesta la via Etnea, da incrocio del viale XX Settembre a piazza Duomo; viale XX Settembre da incrocio di via Etnea, al corso Italia fino a piazza Europa e la via Umberto.  La direttiva è stata inviata al Questore che provvederà ad "adottare, laddove necessario, i divieti e le prescrizioni riguardanti lo svolgimento delle manifestazioni preavvisate". "In particolare, dove non si ravvisino esigenze impeditive - si sottolinea dalla Prefettura - potrà adeguatamente modulare per le aree diverse da quelle sopra individuate prescrizioni in ragione di considerazioni fattuali, di tempo e di luogo, o di altre rilevanti circostanze quali il coinvolgimento nella manifestazione di un numero elevato di partecipanti, anche disponendo lo svolgimento in forma statica in luogo di quella dinamica ovvero regolamentando percorsi idonei a preservare aree urbane nevralgiche". Il Questore darà ogni altra prescrizione finalizzata al rispetto delle misure anticontagio e provvederà a pianificare i conseguenti, adeguati servizi di ordine pubblico con il concorso della polizia locale. Per quanto riguarda eventuali manifestazioni che verranno preannunciate in altri Comuni dell'area metropolitana, le stesse saranno sottoposte all'attenzione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, per le conseguenti valutazioni alla luce della direttiva in argomento. La direttiva prefettizia ha immediata attuazione e potrà trovare applicazione per manifestazioni pubbliche attinenti ad ogni altra tematica. La direttiva è stata inviata anche al sindaco di Catania in qualità di autorità sanitaria locale.
- di Redazione Sky TG24

Usa, oltre 27 milioni persone hanno ricevuto terza dose

Sono oltre 27 milioni gli americani che finora hanno ricevuto la terza dose del vaccino contro il Covid. Lo ha reso noto in conferenza stampa la portavoce della Casa Bianca, Jen Psaki, facendo il punto sulla campagna vaccinale nel Paese
- di Redazione Sky TG24

Vaccini, Delegato Calabria: gestione virtuosa campagna

"I dati confermano una gestione virtuosa della campagna vaccinale, ma anche l'attenzione che i calabresi stanno dimostrando. Anche se tutto ciò non significa che si può abbassare la guardia. Anzi, occorre continuare a rispettare le regole indicate a livello ministeriale e, soprattutto, vaccinarsi, il solo strumento che abbiamo per tornare alla normalità". Lo afferma, in una dichiarazione, il delegato del soggetto attuatore per l'emergenza Covid della Calabria, Fortunato Varone, facendo riferimento alla classificazione a rischio basso della Calabria, secondo i dati comunicati dall'Istituto superiore di sanità sulla base del  monitoraggio della Cabina di regia. "E infatti - prosegue Varone - prosegue a pieno ritmo la campagna vaccinale promossa dalla Protezione civile della Calabria". 
- di Redazione Sky TG24

Ecdc, situazione molto preoccupante in 10 Paesi Ue

Nell'Ue la situazione epidemiologica per quanto riguarda la Covid-19 è "estremamente preoccupante" in 10 Paesi, cioè Belgio, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Estonia, Grecia, Ungheria, Paesi Bassi, Polonia e Slovenia. Lo riporta l'Ecdc nel rapporto settimanale sulle malattie infettive, riferito alla settimana dell'1-7 novembre. In altri 13 Paesi (Austria, Danimarca, Finlandia, Germania, Islanda, Irlanda, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Norvegia, Romania e Slovacchia; sono compresi anche i Paesi non Ue del See, lo Spazio Economico Europeo) la situazione è "molto preoccupante", mentre in altri tre (Cipro, Francia e Portogallo) è "moderatamente preoccupante". In quattro (Italia, Malta, Spagna e Svezia) è "poco preoccupante". Rispetto alla settimana precedente, 4 Paesi (Belgio, Finlandia, Liechtenstein e Polonia) sono peggiorati, mentre cinque sono migliorati (Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania e Svezia). Gli altri 21 Paesi sono rimasti nella stessa categoria.
- di Redazione Sky TG24

Green pass, Prefettura Bergamo vieta manifestazioni in centro

Anche Bergamo, suo malgrado città simbolo della prima fase della pandemia da Covid-19, ha adottato le misure restrittive del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese nei confronti dei manifestanti contro il vaccino e il Green pass, che dal 24 luglio sono soliti riunirsi in centro. Oggi la Prefettura, al termine di una riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica presieduto dal prefetto Enrico Ricci e al quale ha preso parte anche il sindaco Giorgio Gori, ha diffuso le zone del centro cittadino nel quale, da domenica - come previsto dal Viminale - non si potranno più svolgere raduni (e tantomeno cortei). Si tratta di zone 'sensibili' per la
presenza di attività commerciali, zone di interesse religioso o artistico o di grande afflusso di residenti e non. Vale a dire piazza Pontida, largo Rezzara, via XX Settembre, piazza Matteotti, piazza Vittorio Veneto, il Sentierone, largo Gianandrea Gavazzeni, piazza Cavour, largo Belotti, via Tasso, piazzetta Santo Spirito e l'intero borgo di Città Alta, con l'esclusione del piazzale della Fara.
 
- di Redazione Sky TG24

Green pass, Circo Massimo tra piazze direttiva prefetto Roma

I percorsi individuati per eventuali manifestazioni e  cortei nella Capitale sono quelli già sperimentati che hanno dato prova di non comportare rischi per la sicurezza, come ad esempio Circo Massimo. E' quanto prevede, secondo quanto si apprende, la direttiva firmata oggi dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi. Saranno preservati i luoghi vicino ai palazzi istituzionali. Per quanto riguarda eventuali prescrizioni e divieti, sarà decisiva la capacità degli organizzatori nel momento in cui faranno preavviso di garantire sia il numero delle presenze sia l'ordinato svolgimento dell'iniziativa. Chi non è in grado di dare queste garanzie sarà indirizzato in spazi che non presentano criticità per l'ordine e l'incolumità pubblica. E domani pomeriggio, proprio a Circo Massimo, ci sarà una nuova manifestazione contro
il Green pass a cui sono attese circa 1500 persone. 
- di Redazione Sky TG24

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24