G8 di Genova, Placanica: "Il mio rammarico è non aver soccorso Giuliani". VIDEO

Cronaca

Ketty Riga

Torna a parlare l'ex carabiniere che sparò due colpi di pistola uccidendo Carlo Giuliani. "Se avessi saputo subito che c'era un ragazzo a terra, gli avrei prestato soccorso. Ero lì anche come volontario della Croce Rossa. Non sono un assassino", dice. E su quei tragici momenti, aggiunge: "Manca un pezzo di verità"

"Se avessi voluto uccidere, dalla mia pistola sarebbero volati almeno 15 colpi. Invece ne ho sparati solo due per difendermi, per allontanare i manifestanti e perché ho avuto paura". A vent'anni dai tragici fatti del G8 di Genova (IL LONGFORM - LA CRONACA), Mario Placanica, nell'intervista rilasciata a Ketty Riga, ricorda la guerriglia urbana che il pomeriggio del 21 luglio 2001 culminò poi nella morte di Carlo Giuliani (LO SPECIALE).

Prosciolto per legittima difesa

approfondimento

G8 di Genova, da Carlo Giuliani alla Diaz: cosa accadde 20 anni fa

Oggi Placanica è un uomo di 40 anni, segnato profondamente da quel terribile evento: esonerato dall'Arma dei Carabinieri, nel processo che lo vedeva indagato per omicidio è stato prosciolto per legittima difesa e uso legittimo delle armi. "Il mio più grande rammarico - aggiunge -  è non aver saputo subito cosa fosse successo".

"Non sono un assassino"

leggi anche

G8 di Genova, la contro-manifestazione a Catanzaro con Mario Placanica

"Altrimenti mi sarei messo il casco, sarei sceso dal Defender e avrei prestato soccorso a Carlo Giuliani: io ero lì non solo con la pistola, ma anche come volontario della Croce Rossa e avrei potuto fare qualcosa". Poi rivolgendosi ai genitori di Carlo Giuliani, dice: "Starò sempre dalla loro parte, comprendo il loro dolore, ma io non sono un assassino".

Cronaca: i più letti

Arriva sempre primo

Ricevi le notizie più importanti di politica, mondo, cronaca, spettacolo, le analisi e gli aggiornamenti. Per accettare le notifiche devi dare il consenso.

Hai attivato le notifiche di sky tg24