App Immuni, più siamo e prima ne usciamo: ecco perché scaricarla contro il coronavirus

Cronaca
©Ansa

Volontaria e gratuita, l’applicazione è lo strumento chiave per il tracciamento di chi è stato a contatto con un caso positivo. Se si riceve una notifica, si possono fare subito i controlli e mettere al riparo se stessi e gli altri. Per quanto riguarda la privacy, non ci sono motivi per avere timori: avviene tutto senza nomi, indirizzi o geolocalizzazioni. Scaricarla serve a combattere la diffusione del virus e conviene a tutti

La sua missione, avvisarti il prima possibile che potresti essere contagiato. Si accorge del contatto che hai avuto, ma non sa né tra chi è avvenuto, né dove (CORONAVIRUS: GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA - LO SPECIALE).

Cos’è la App Immuni

leggi anche

App Immuni, da ottobre funziona in Europa

Spieghiamoci meglio. La App Immuni, volontaria e gratuita, è lo strumento-chiave per il cosiddetto "contact tracing", ovvero il tracciamento - attraverso il cellulare - di chiunque sia stato a contatto con un caso positivo. Lo avverte, e così impedisce il diffondersi di un focolaio. Attenzione però: se vedi la notifica, la traccia di quel contatto ce l'hai solo tu. In compenso puoi fare subito i controlli, evitando il rischio - come si dice ai bimbi - di far "saltellare il virus" su altre persone. Insomma ti salvi tu, e si salvano gli altri.

Nessun problema per la privacy

vedi anche

Immuni e le altre: le app per il contact tracing nel mondo

Timori sulla privacy? Non c'è motivo. Quando la installi, che sia con sistema Apple o Android, la App Immuni non ti chiede né come ti chiami né il tuo indirizzo, e nemmeno i tuoi dati sanitari. Semplicemente, il tuo cellulare si scambia, con altri smartphone vicini, informazioni su durata e vicinanza del contatto. Tutto attraverso codici anonimi crittografati, e via bluetooth: cioè senza geolocalizzarti. Il codice di chi poi è risultato positivo viene riconosciuto dalle app e fa scattare la notifica.

Scaricarla conviene a tutti

approfondimento

Coronavirus, la situazione in Italia: grafici e mappe

Se abbiamo avuto un contatto a rischio, dobbiamo fare tre cose: isolarci, sentire un medico, e fare il tampone. Più siamo, meglio stiamo, e prima ne usciamo. Non aspettare ancora: scaricala e falla scaricare a tutte le persone che conosci.

App Immuni
©Ansa

Cronaca: i più letti