Viviana Parisi, ipotesi incidente-suicidio: Gioele potrebbe essere morto in auto

Cronaca
©Ansa

Il figlio di 4 anni della deejay potrebbe essere deceduto nell'incidente stradale avvenuto sull'autostrada. In seguito la madre, dopo avere nascosto il corpo del bambino, si sarebbe suicidata

C'è una nuova ipotesi investigativa sulla morte di Viviana Parisi, la dj trovata senza
vita tra i boschi di Caronia sabato scorso, e sulla scomparsa del figlio di 4 anni, Gioele. Il bambino potrebbe essere morto nell'incidente stradale avvenuto sull'autostrada e poi la madre, depressa da mesi, dopo avere nascosto il corpo del bambino, si sarebbe suicidata lanciandosi da un traliccio dell'alta tensione. Accertamenti specifici sono in corso sull'auto della donna.

Gioele sarebbe morto a causa dell'incidente in auto

approfondimento

Caronia, legale: "Ferite Viviana Parisi compatibili caduta dall'alto"

Nell'impatto con un furgone avvenuto in autostrada, il piccolo Gioele potrebbe essere morto. Viviana, sconvolta dalla tragedia, potrebbe aver preso in braccio il bambino, scavalcato il guard-rail, percorso un sentiero sterrato ed essere giunta al traliccio. Lì potrebbe aver nascosto Gioele, l'area infatti è piena di vegetazione e le ricerche sono difficili, e poi essersi buttata giù dal pilone.

L'appello del padre: "Aiutatemi a trovare Gioele"

approfondimento

Morte Viviana Parisi, il marito: "Aiutatemi a trovare Gioele". VIDEO

Intanto Daniele Mondello, padre del bambino, ha lanciato un appello in un video: "Chiunque abbia visto qualcosa dopo l'incidente, nelle campagne - ha detto il marito di Viviana Parisi tra le lacrime -  si faccia avanti, chiami la polizia. Io amo mio figlio e lo voglio trovare". Sono circa 70 le persone che stanno ancora cercando tracce di Gioele, scomparso da 11 giorni.

Il bambino ancora vivo a Sant'Agata di Militello

approfondimento

Morte Viviana Parisi, nuovo video: Gioele era in auto a Sant'Agata

Alcuni video attesterebbero la presenza di Gioele, vivo con la madre a Sant'Agata di Militello. Lo ha confermato anche il procuratore Angelo Cavallo, che sta indagando sul caso. Intanto il legale della famiglia Mondello, l'avvocato Pietro Venuti, è arrivato a Patti per incontrare il procuratore. "È chiaro che c'è una vasta area che deve essere attenzionata – ha sottolineato il penalista - quindi è necessario un maggiore contributo da parte delle forze dell'ordine nella ricerca".

Le ipotesi della famiglia

Intanto la famiglia Mondello si interroga sull'accaduto. Claudio Mondello, uno dei due legali e cugino di Daniele, pone degli interrogativi su Facebook: "Per quale ragione si è arrampicata su quel traliccio?".  L'unica certezza è "il profondo turbamento emotivo" di Viviana che ai familiari aveva detto di volersi recare alla 'Piramide della Luce", un'installazione artistica, ma anche spirituale e mistica, e la sua svolta religiosa che la portava a leggere spesso la Bibbia. E che era stata molto scossa dall'emergenza Covid-19, tanto da temere per la vita di tutti e in particolare del suo piccolo Gioele.

Due tesi diverse

Per il cugino l'approdo finale ha due sbocchi: l'omicidio-suicidio o un incidente. Ma alla prima tesi non crede la cognata, Mariella Mondello, sorella di Daniele, che anche oggi ripete e ribadisce: "Viviana amava moltissimo Gioele, non gli avrebbe mai fatto del male, mai...". E chiede invece di "potenziare le ricerche". Che continuano costanti, giunte all'11esimo giorno. Con l'aiuto anche di una sensitiva, Rosa Maria Laboragine, contattata da Mariella Mondello, che si dice "convinta che Giole verrà ritrovato a breve". "Lui - aggiunge la donna - è lì, vicino alla madre e probabilmente adagiato su alcune foglie". "Sono diversi giorni - aggiunge Laboragine - che sto male per la situazione di questo bambino. Se non dovesse essere ritrovato tra qualche giorno verrò io ad aiutarli. Sono sicura che il suo corpicino verrà ritrovato e portato alla famiglia". 

Cronaca: i più letti