Milano Digital Week 2020, arriva l’edizione online: ecco il programma

Cronaca

Alberto Giuffrè

Dal 25 al 30 maggio la rassegna dedicata alla città che cambia. Centinaia di appuntamenti tra lectio magistralis, incontri, hackaton e un concerto in streaming. Ecco gli appuntamenti da non perdere

“Milano” e “Week”. Tornare a vedere una accanto all’altra queste due parole così velocemente sembrava un miraggio. Invece eccole: la Milano Digital Week è infatti una delle prime “settimane milanesi” a ripartire, ovviamente in versione online. Da lunedì 25 a sabato 30 maggio il sito della rassegna ospita un ricco palinsesto.

Gli appuntamenti

Oltre 500 eventi on line, più di 200 speaker, oltre 150 tra conferenze, webinar, tavoli di discussione. E ancora 8 hackathon, 9 Lectio magistralis e una festa finale con il concerto di Venereus in streaming (clicca qui per leggere tutto il programma). Appuntamenti che verranno seguiti anche sul nostro sito internet e sul nostro canale (LO SPECIALE). Al centro della rassegna, prevista inizialmente per marzo e poi cancellata a causa dell’emergenza coronavirus, la metropoli che cambia (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI). Anzi, la “Città trasformata”, è il titolo della manifestazione promossa dal Comune di Milano e realizzata da IAB Italia, Cariplo Factory e Hublab.

Gli hackaton

Città che cambia vuol dire anche lavoro, uno dei temi al centro di questa edizione. Il lavoro che arriverà e quello che forse non ci sarà più, le nuove economie e la formazione, la sostenibilità e l’ambiente. A proposito, tra gli appuntamenti in programma, otto hackathon dedicati a otto obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni unite che compongono l’Agenda 2030. Insomma, centinaia di sviluppatori e grafici - suddivisi in squadre e guidati da mentor aziendali - affronteranno le diverse sfide che saranno oggetto dei singoli hackathon.

La rivoluzione digitale

approfondimento

Milano Digital Week: ecco i protagonisti dell’edizione online. FOTO

Tra gli appuntamenti anche un grande momento di confronto sull’attuale rivoluzione digitale tra figure di alto profilo che affrontano grandi temi da punti di vista diversi e raccontano come hanno cambiato e stanno cambiando le regole del gioco, il loro percorso e la loro visione sul mondo di domani. Le conversazioni spaziano dalla civiltà digitale, all’innovazione energetica, dall’intelligenza artificiale all’alfabetizzazione fino al futuro dell’entertainment. Tra gli speakers: Maximo Ibarra, CEO Sky Italia, Marco Tronchetti Provera, Vice Executive President & CEO Pirelli, Marco Alverà, Amministratore Delegato Snam, Ferruccio De Bortoli, giornalista e Presidente Advisory Board IAB Italia, Alberto Calcagno, Amministratore Delegato Fastweb, Central Europe and Greece, Pasquale Frega, Country President e Amministratore Delegato di Novartis Farma, Daniele Manca, vice Direttore ed editorialista del Corriere della Sera, Carlo Noseda, Presidente IAB Italia, Corrado Passera, Founder e CEO illimity, Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato Open Fiber e membro Advisory Board IAB Italia, Agostino Santoni, Amministratore delegato Cisco, Andrea Temporiti, Global Digital Lead del Business Electrification Gruppo ABB, Enrico Trovati, Merchant Services & Solutions Director Nexi (26 maggio - ore 11.00).

Live talk e lectio magistralis

approfondimento

Digital Open Week, l’Accademia del Teatro alla Scala in diretta online

La formula scelta per alcuni degli appuntamenti è quella del live talk. Come quello previsto sabato 30 alle 16.30 con Giuseppe De Bellis. Il direttore di Sky TG24 racconta come la testata è riuscita ad innovare durante l’emergenza con iniziative come Sky TG24 a casaIdee per il dopo e il nuovo sito internet. E poi ci sono le lectio magistralis, affidate a nove nomi del panorama accademico italiano e internazionale e dedicate a temi “caldi” dell'attualità (FOTO): dall'istruzione ibrida all'innovazione sociale, dalla politica alla linguistica, dalla demografia all'economia, passando per la neurobiologia, la filosofia fino alle disuguaglianze sociali. Alessandro Rosina, Professore di Demografia e Statistica all’Università Cattolica parla di “ripartenza demografica” (25 maggio - ore 15.15); Claudio Giunta, Professore di Letteratura Italiana all’Università di Trento, spiega “Come non scrivere” (26 maggio - ore 19.00); Felice Scalvini, tra i protagonisti della legiferazione su Cooperazione sociale e Terzo settore in Italia, espone le sue proposte per offrire un servizio civile "in rete" legato ai destinatari del reddito di cittadinanza (27 maggio - ore 12.00); Ezio Manzini, tra i massimi esperti internazionali di design della progettazione, invita i partecipanti a ragionare su quali siano i motori del cambiamento già in atto nella fase post-pandemica (27 maggio - ore 19.00); Chiara Volpato, professoressa di Sociologia all'Università Milano-Bicocca, si sofferma sulle ineguaglianze sociali e digitali (28 maggio - ore 19.00); il filosofo Raffaele Alberto Ventura parla del futuro della società alla vigilia di una possibile rivoluzione politica (29 maggio - ore 12.00); Susanna Sancassani, Direttrice del METIC, Politecnico di Milano, parla di didattica ibrida o “blended learning” (29 maggio - ore 19.00); Mauro Magatti, Professore di Sociologia all'Università Cattolica di Milano, spiega il significato di economia "generativa" (30 maggio - ore 12.00); Cosimo Accoto, affiliato al MIT di Boston, chiude le lectio con un intervento sul “design dell’emergenza”  (30 maggio - ore 19.00).

Cronaca: i più letti