Esplora Sky TG24, Sky Sport, Sky Video

Migranti, sbarcano a Malta i 65 della Alan Kurdi. Sequestrata la Alex

Le persone a bordo della Sea Eye saranno tutte ricollocate in altri Paesi europei. Il capo missione di Alex iscritto nel registro degli indagati così come il comandante del veliero: "Salvini voleva il nostro scalpo". Scontro tra Viminale e ministero della Difesa

Leggi tutto
1 nuovo post
È finita anche l'odissea dei 65 migranti a bordo della Alan Kurdi, la nave di Sea Eye. Saranno tutti ricollocati in altri Paesi europei. Intanto il capo missione di Alex, Erasmo Palazzotto, è stato iscritto nel registro degli indagati così come il comandante del veliero Tommaso Stella: “Salvini voleva il nostro scalpo”. Per la Procura di Agrigento si tratta di "un atto dovuto".
 
Intanto 62 deputati francesi intervengono sul caso di Carola Rackete, la comandante della Sea Watch 3, definendo una “deriva inquietante arrestare persone che salvano vite umane”.
- di Redazione Sky Tg24

Italia-Malta,serve meccanismo strutturato Ue

I ministri degli Esteri di Italia e Malta, Enzo Moavero e Carmelo Abela, in riferimento alle ulteriori complesse situazioni che riguardano navi con a bordo migranti, confermano la ferma volontà di cooperare. Ma ribadiscono che è indispensabile assicurare un effettivo governo dei flussi migratori verso l'Europa, non è più ammissibile continuare a procedere, caso per caso. E occorre uno strutturato meccanismo permanente a livello Ue, che affronti l'insieme delle sensibili questioni che riguardano le migrazioni e non si limiti unicamente alle sole procedure per il diritto di asilo.
- di Redazione Sky TG24

Mediterranea difende il soccorso, noi rispettiamo diritto

 

- di Redazione Sky TG24

Soldini: "Bravo Tommaso,hai fatto il marinaio"

"Bravo Tommaso, hai fatto il marinaio. E la legge del mare dice da sempre che gli uomini in acqua vanno salvati, poi li sbarchi dove ti viene comodo...". A Tommaso Stella, il capitano dell'Alex approdato ieri a Lampedusa con una cinquantina di migranti a bordo, manda un messaggio il suo amico più famoso, il velista Giovanni Soldini. Insieme i due marinai hanno regatato a lungo in passato, e il sodalizio affettivo è ancora vivo: "Se dovessi passare dal Canale di Sicilia farei come lui - aggiunge Soldini -, mi stupisco che ci sia una polemica su questa vicenda". 
- di Redazione Sky TG24

Malta autorizza lo sbarco della Alan Kurdi dopo trattative con Ue e governo tedesco

 
 
A seguito di trattative con la Commissione europea e con il Governo tedesco, spiega Muscat, le autorità di Malta trasferiranno i 65 migranti su una nave militare che entrerà poi in un porto dell'isola. "Tutti - assicura il premier - saranno poi immediatamente trasferiti verso altri Stati europei. Nessuno rimarrà' a Malta, dato che questo caso non si è verificato sotto la responsabilità delle delle autorità maltesi". Le tre persone che erano collassate per il caldo e che hanno bisogno di urgenti cure mediche, fa sapere ancora Muscat, saranno immediatamente evacuate.  
- di maurizio.odor


 
- di maurizio.odor

Malta autorizza lo sbarco della Alan Kurdi. Premier Muscat: "Nessuno di loro rimarrà sull'isola"

 
 
Via libera dal governo di Malta allo sbarco dei 65 migranti a bordo della Alan Kurdi, la nave di Sea Eye. Saranno poi tutti ricollocati in altri Paesi europei, fa sapere il premier Joseph Muscat.
 
- di maurizio.odor

Meloni: Blocco navale unica soluzione per fermare sbarchi

 
"Ennesimo sbarco, ennesima presa in giro. E' ormai chiaro che il segnale che le Ong vogliono dare è che tutti sono liberi di entrare illegalmente in Italia senza subire alcuna conseguenza".
 
 


 
- di maurizio.odor

Alan Kurdi: "Tre collassi per il caldo, serve urgentemente assistenza medica"

 
 
"Mentre la Alan Kurdi è in attesa fuori dal porto chiuso di Malta, tre dei migranti a bordo sono collassati per il caldo e sono sottoposti a cure mediche acute". Lo fa sapere la ong Sea Eye, aggiungendo: "abbiamo urgentemente bisogno di assistenza medica e di un porto sicuro per tutti quelli a bordo (sono 65) in modo da prevenire il peggio".
 
 


 
- di maurizio.odor


 
- di maurizio.odor


 
- di maurizio.odor

Di Stefano (M5s): Salvini si sente Maradona ma è un Higuain fuori forma

 
 
"Nel tentativo di nascondere l'evidenza, ieri qualcuno è arrivato ad attaccare direttamente i propri colleghi di governo inciampando in una gaffe dietro l'altra".  Lo scrive su Fb il sottosegretario agli esteri Manlio Di Stefano, M5s. "Se vuoi fare tutto da solo e non passi mai la palla, se tieni lo sguardo fisso a terra senza accorgerti mai dei tuoi compagni, in porta non ci arrivi mai.  Se ti senti Maradona e poi giochi come un Higuain fuori forma è un serio problema, perché di mezzo c'è il Paese. "
 
- di maurizio.odor

Palazzotto: “Io indagato? Non ho paura”

 

"Ancora non mi è stato notificato nulla, l'ho appreso dai giornalisti. Ce l'aspettavamo, è già successo con la Mare Jonio che abbiano indagato il comandante e il capo missione. Io non ho paura, è un atto dovuto. Del resto siamo stati noi i primi a rivolgerci alla magistratura per chiedere l'apertura di un'inchiesta". Così il capo missione di Mediterranea Erasmo Palazzotto, parlamentare di Sinistra Italiana, ha commentato la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati.
- di Daniele Troilo

Mediterranea: è da cinici lasciare persone in mare

 
 
- di Daniele Troilo

Mediterranea: una provocazione quella di Salvini su gommone

 

"Il gommone soccorso non aveva problemi? Quella di Salvini è una provocazione. Parlano i fatti". E' la risposta della portavoce di Mediterranea, Alessandra Sciurba, alle dichiarazioni del ministro dell'Interno.
- di Daniele Troilo

Indagato capo missione Mediterranea Palazzotto

 

Anche il capo missione della barca Alex della Ong Mediterranea, il parlamentare di Sinistra italiana Erasmo Palazzotto, è stato iscritto nel registro degli indagati. Il suo nome va ad aggiungersi a quello del comandante del veliero Tommaso Stella che è indagato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e per gli articoli 1099 e 1100 del codice della navigazione, rispettivamente rifiuto di obbedienza a nave da guerra e resistenza o violenza contro nave da guerra. Per la Procura di Agrigento si tratta di "un atto dovuto".
- di Daniele Troilo

Alex, Alessandra Sciurba: "Le persone dei campi libici numerate come merce". VIDEO

 
 
 
 
 
 
- di maurizio.odor
 


 
- di maurizio.odor